Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Igiene intima: batteri in slip & Co.

Igiene intima: batteri in slip & Co.

Che si tratti di mutandine, slip alla moda o mutandine francesi: ovviamente cambi la biancheria intima ogni giorno per evitare odori sgradevoli e infezioni. Ma quanto tempo conservi la biancheria intima prima di buttarla? Forse troppo lungo. Ecco i fatti concreti.

Ogni quanto va sostituita la biancheria intima?

Sono i nostri fedeli compagni di ogni giorno: la biancheria intima. Tutti abbiamo i nostri modelli preferiti che assicurano vestibilità comoda e materiali divertenti. Nella maggior parte dei casi, la biancheria intima viene sostituita solo quando il materiale si consuma, cambia forma o semplicemente cade a pezzi. E anche se la maggior parte delle persone cambia la propria biancheria intima ogni giorno, molti modelli sono un po’ vecchi quando finalmente se ne liberano.

Quanto è pulita la biancheria intima dopo il lavaggio?

Anche se metti la biancheria intima in lavatrice dopo averla indossata per un solo giorno, i batteri saranno ancora presenti nel tessuto. Più precisamente, si tratta di batteri Escherichia coli. Fanno parte della nostra flora intestinale e sono in parte responsabili della scomposizione dei carboidrati e delle proteine.

Buono a sapersi: Studio microbiologico condotto dal Dott. Secondo Charles Gerba nella biancheria intima lavata si possono trovare fino a 0,1 grammi di feci e teoricamente anche di batteri E. coli. Ma non devi preoccuparti di questa piccola quantità.

Nella sezione: Come togliere le macchie ostinate dal bucato

La vecchia biancheria intima può mettere a rischio la salute?

Anche la biancheria intima pulita e appena lavata contiene solitamente circa 0,1 grammi di feci: questo è stato dimostrato da vari studi. Pertanto, si consiglia di sbarazzarsi della biancheria intima e sostituirla con una nuova ogni sei-dodici mesi. Il problema: i batteri cattivi possono portare rapidamente a infezioni, soprattutto nelle ferite aperte. Tuttavia, se non avverti alcun fastidio nella zona intima, puoi indossare la biancheria intima per un periodo più lungo. MA: Tutta la biancheria intima ha una data di scadenza.

Quando dovresti liberarti della biancheria intima?

Sostituire la biancheria intima con una certa frequenza non è particolarmente sostenibile e può comportare anche dei costi: soprattutto la biancheria intima femminile spesso costa molto. Ma gli esperti rispondono in modo molto chiaro: se non avete problemi di salute, non dovete necessariamente liberarvi della biancheria intima dopo sei-dodici mesi. Così puoi indossare la tua biancheria intima preferita per tutto il tempo che ritieni che ti vada bene, a condizione che ti prendi cura dei tessuti correttamente.

Come lavare correttamente la biancheria intima?

Per lavare in modo più sostenibile e risparmiare energia, si consiglia di lavare la biancheria intima a basse temperature e con meno acqua possibile. Per questo motivo, lavare la biancheria intima a 30 gradi con un buon detersivo colorato è solitamente sufficiente per pulirla. Tuttavia, dovresti sapere che le basse temperature non sono ideali per l’igiene. Lavare il bucato in modo corretto e igienico solo quando la temperatura è intorno ai 60 gradi e viene lavato con detersivi pesanti. Altrimenti, una certa quantità di batteri rimarrà sempre nella biancheria, indipendentemente dai vestiti che verranno lavati. Hai la biancheria intima bianca? Con i nostri consigli per la casa sui vestiti bianchi, ci assicuriamo che non ingialliscano. Se il tessuto non sopporta le alte temperature o non è possibile utilizzare il detersivo in polvere (molto importante: verificare prima i codici di lavaggio), è necessario utilizzare detersivo igienico. Questo uccide virus e funghi e i vestiti possono essere rimessi in sicurezza nell’armadio dopo l’asciugatura.

Buono a sapersi: In caso di malattie infettive come infezioni fungine, piede d’atleta o norovirus, la biancheria intima e tutti gli altri capi di abbigliamento devono essere lavati separatamente a 60 gradi utilizzando un detersivo forte. Per favore, considera anche il tuo pigiama. Qui ti sveliamo quanto spesso dovresti lavare la biancheria da letto per mantenerla pulita. Inoltre: quali sono i semplici trucchi che puoi utilizzare per pulire il materasso e rimuovere anche macchie di urina o sangue.

La biancheria intima deve essere lavata dopo l’acquisto?

Purtroppo la biancheria intima appena acquistata non è esente da germi e batteri. Ecco perché dovresti sempre lavarli prima di indossarli per la prima volta per sicurezza. Che si tratti di biancheria intima o reggiseni: la lingerie viene spesso provata nei negozi ed è già passata per molte mani. Per assicurarti che sia igienicamente pulito, dovresti prima metterlo nel cestello della lavatrice.

Pulisci regolarmente anche la lavatrice

Per prevenire batteri e germi nella lavatrice, dovresti lavarla regolarmente con cicli superiori a 60 gradi e utilizzando un detersivo intenso. Invece, fai funzionare la lavatrice a vuoto e usa un detersivo forte. Motivo: i detersivi pesanti contengono candeggina, che contiene composti che rilasciano ossigeno. Questo a sua volta ha un forte effetto antimicrobico. Al contrario, i detersivi liquidi non contengono candeggina, compresi i detersivi colorati. IMPORTANTE: dopo il lavaggio, lasciare aperti lo sfiato e la camera del dispenser per asciugarli. Abbiamo raccolto altri buoni consigli per pulire la lavatrice qui.

È così che la biancheria intima scartata diventa utile

Se la tua biancheria intima ha superato la data di scadenza, non deve necessariamente finire nella spazzatura. I vecchi boxer e i pantaloncini possono ancora essere usati come stracci per un po’. Spesso sono ideali per pulire la bicicletta o le scarpe o per dare nuova lucentezza al cromo con uno smalto.