Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori potrebbero scoprire pianeti in altre galassie

Sarebbe una scoperta fondamentale: con l’aiuto della NASA, i ricercatori potrebbero aver scoperto un pianeta situato in una galassia lontana. Ma più ricerche possono essere complicate.

Un team internazionale di ricercatori e l’Agenzia Spaziale degli Stati Uniti NASA Potresti avere un esopianeta in un altro per la prima volta galassia Scoprire. “Questo straordinario risultato apre una nuova finestra per la ricerca di esopianeti a distanze sempre maggiori”, ha detto la NASA. Gli esopianeti sono pianeti che si trovano al di fuori del nostro sistema solare, cioè ruotano attorno a un altro sole.

Ad oggi sono note circa 4.800 copie, tutte all’interno della Via Lattea. D’altra parte, il nuovo esopianeta candidato si trova nella galassia a spirale Messier 51 (M51), che è anche conosciuta come galassia a vortice a causa della sua forma.

A circa 28 milioni di anni luce di distanza

I ricercatori ipotizzano che il pianeta sia distante circa 28 milioni di anni luce dalla Terra. Per confronto: tutti gli esopianeti che esistono finora sono stati trovati in via Lattea Dista meno di 3000 anni luce. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Astronomy, afferma che la potenziale scoperta non era possibile utilizzando i metodi tradizionali.

Questo è il motivo per cui il team di ricerca internazionale sta ora utilizzando l’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA. “Stiamo cercando di aprire un campo completamente nuovo alla ricerca di altri mondi utilizzando le onde a raggi X per cercare pianeti candidati”, ha affermato Roseanne Di Stefano del Center for Astrophysics dell’Università di Harvard a Cambridge, negli Stati Uniti. Questa strategia rende possibile scoprire esopianeti in altre galassie.

READ  Le regioni tedesche mostrano un drammatico trend di corona

Cattive probabilità per ulteriori indagini

Tuttavia, sono ancora necessarie ulteriori indagini per determinare se si tratta davvero di un esopianeta, e questo può essere complicato. I ricercatori ipotizzano che il potenziale pianeta abbia all’incirca le dimensioni di Saturno e orbita intorno a una stella di neutroni o a un buco nero, anche se in un’orbita molto più grande di quella di Saturno intorno al sole. Ciò potrebbe significare che l’esopianeta sarà in grado di identificarlo nuovamente dalla Terra solo tra diversi decenni.

“Per confermare che vediamo un pianeta, probabilmente dovremo aspettare decenni prima di poter osservare un altro transito”, afferma la coautrice Nia Imara dell’Università della California, Santa Cruz, secondo il comunicato stampa della NASA. “A causa dell’incertezza su quanto tempo impiegherà il pianeta a ruotare, non sapremo esattamente quando guardare”.