Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I ricercatori analizzano per la prima volta il genoma delle vittime di Pompei

Scienza sepolto sotto la cenere

Analisi del genoma umano per la prima volta dall’antica città di Pompei

Conservato sotto la cenere: in questa camera funeraria di Pompei sono stati rinvenuti scheletri di individui

Conservato sotto la cenere: in questa camera funeraria di Pompei sono stati rinvenuti scheletri di individui

Fonte: Appunti degli Scavi di Antichit

Nell’anno 79, un’eruzione di un vulcano del Vesuvio seppellì la città di Pompei sotto uno strato di cenere. Ora i ricercatori stanno decodificando per la prima volta il genoma dell’ex Pompiani e traggono conclusioni sorprendenti sull’uomo.

wGli scienziati italiani hanno sequenziato per la prima volta gran parte del genoma di una persona morta a Pompei quando il Vesuvio eruttò circa 2000 anni fa. Scoprirono che l’uomo probabilmente proveniva dalla Sardegna e che i suoi antenati arrivarono in Europa attraverso quelli che oggi sono l’Iran e l’Anatolia.

Inoltre, molto probabilmente ne soffriva tubercolosi Dalla spina dorsale, come il gruppo guidato da Gabriel Scorano dell’Università Tor Vergata di Roma Scrive per rapporti scientifici. Nell’anno 79 venne Diverse violente esplosioni Il Vesuvio, a sud-est di Napoli.

Leggi anche

Dice il Direttore del Museo di Pompei:

Durante questo periodo, cenere e altro materiale vulcanico ricoprirono le città romane di Ercolano, Stabia, Oplonte e Pompei. A Pompei, circa 2.000 persone che non erano ancora fuggite dalla città sono morte a causa di colate laviche a diversi 100 gradi Celsius, una miscela di cenere calda, gas e frammenti di roccia.

Di solito, il calore elevato distrugge gli scheletri e quindi anche il materiale genetico, il DNA. “D’altra parte, è anche possibile che il materiale plastico vulcanico che ricopre i resti possa proteggerlo da fattori ambientali come l’ossigeno atmosferico, che degrada il DNA”, hanno scritto i ricercatori.

Il DNA rivela la sua origine

Nell’osso di pietra di un morto – chiamato individuo A – Scorano ei suoi colleghi hanno trovato del DNA ben conservato. L’osso petroso fa parte del cranio ed è una delle ossa più dure del corpo umano. Il DNA è stato sufficiente per ricostruire il 41% del genoma di un uomo di età compresa tra 35 e 40 anni.

Leggi anche

DISPOSIZIONE - 17/08/2021, Italia, Pompei: I resti mummificati di Marcus Vinerius Secondo, un ex schiavo che guadagnò ricchezza e status sociale dopo il suo rilascio, vengono catturati nella città sommersa di Pompei.  I ricercatori si sono imbattuti nella tomba scheletrica durante gli scavi nel cimitero di Porta Sarno, a est dell'antica città romana.  Foto: Parco Archeologico di Pompei / dpa - ATTENZIONE: Solo per uso editoriale in connessione con i rapporti attuali e solo con la designazione completa dei crediti sopra indicati +++ dpa-Bildfunk +++

Il genoma mitocondriale, le centrali cellulari, ereditate dalla linea materna, e il cromosoma Y ereditato dalla parte paterna, hanno mostrato alcune caratteristiche che si trovano comunemente nelle popolazioni sarde.

Il confronto dei genomi ricostruiti con i genomi in diversi database genetici ha rivelato che l’uomo portava il 30,5% dei geni del neolitico iraniano e il 51,6% dei geni del neolitico anatolico.

I bambini osservano i resti fossili di una vittima di una catastrofe avvenuta ai piedi del Vesuvio quasi 2000 anni fa.

I bambini osservano i resti fossili di una vittima di una catastrofe avvenuta ai piedi del Vesuvio quasi 2000 anni fa.

Credito: Getty Images/Ascent/PKS Media Inc.

Inoltre, il 4,4 percento dei cacciatori occidentali e 13,5 per cento della cultura YamnayaChe si estendeva dall’area a nord del Mar Nero fino all’estremo angolo d’Europa nell’età del bronzo. Il gruppo di ricerca non si è limitato alle analisi genetiche, ma ha anche esaminato le caratteristiche anatomiche del pompeiano.

Gli scienziati hanno scoperto cambiamenti in due vertebre lombari che indicano la tubercolosi della colonna vertebrale. Quindi hanno esaminato i genomi per l’agente patogeno Mycobacterium tuberculosis. Sebbene abbiano trovato pochissimo materiale genetico per rilevare esattamente questa specie, è stato sufficiente per il genere Mycobacterium.

Leggi anche

Iscrizioni, immagini e simboli vengono sempre più presentati agli archeologi come una sorta di simbolo: il disco della nebra

Il gruppo ha concluso che c’era un’alta probabilità che l’uomo avesse la tubercolosi della colonna vertebrale. “Le analisi dell’intero genoma indicano che l’individuo pompeiano A è geneticamente vicino ai popoli mediterranei esistenti, in particolare italiani centrali e sardi”, hanno scritto i ricercatori.

Hanno anche esaminato l’individuo B, una donna sulla cinquantina che è stata trovata accanto all’uomo. Tuttavia, nel suo caso, la produzione di materiale genetico era troppo bassa per ulteriori analisi.

READ  Mal di gola dopo un infortunio Indicatore di tiroidite - Pratica di guarigione