Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I rialzisti fanno un nuovo tentativo: il DAX sfida i timori di Shanghai


Rapporto di mercato

Stato: 28/03/2022 09:44

Il DAX è iniziato con grandi guadagni. Questo è notevole, anche alla luce della chiusura della capitale finanziaria, Shanghai. Tuttavia, questo ha un effetto collaterale positivo: i prezzi del petrolio sono in forte calo.

L’indice DAX inizia attivamente nella nuova settimana del mercato azionario. All’inizio del trading su XETRA, i valori di riferimento tedeschi sono aumentati dello 0,5% a 14.376 punti. Nei primi minuti di negoziazione ha continuato a salire a 14.527 punti. Tecnicamente, un aumento sopra il massimo giornaliero di venerdì (14.428 punti) è incoraggiante.

L’indice DAX punta a 14.500 punti

Dopo un rapido aumento di 2.100 punti, il movimento di recupero dell’indice principale tedesco si è recentemente interrotto. La scala del mercato azionario è oscillata tra circa 14.100 e 14.500 punti per circa due settimane.

All’inizio della settimana, i rialzisti del DAX stanno facendo un nuovo tentativo di superare il limite superiore di questa area in discesa. Solo il superamento dei due massimi storici a 14.539/14.553 punti e il gap di prezzo in calo da febbraio (14.568/14.586 punti) garantiranno un nuovo e sostenibile slancio al rialzo del mercato azionario tedesco.

Gli investitori sono presi tra paure economiche e paure di guerra

Il nuovo tentativo di recuperare nel DAX è piuttosto impressionante alla luce dei fattori negativi in ​​corso. Dopotutto, la situazione bellica nell’Europa orientale era ancora l’argomento dominante per il mercato azionario all’inizio della settimana. Gli esperti sono anche preoccupati per la chiusura del coronavirus nella capitale economica e finanziaria della Cina. Si aspettano che questo metta sotto pressione l’economia globale.

Inoltre, gli investitori attendono con impazienza le aspettative sempre crescenti sui tassi di interesse negli Stati Uniti. “Dall’inizio dell’attacco russo all’Ucraina, le aspettative del mercato sui futuri tassi di interesse della Federal Reserve sono aumentate notevolmente”, afferma Ulrich Leuchtmann, esperto di valuta di Commerzbank.

Le previsioni sulle esportazioni crollano a causa della guerra in Ucraina

Secondo l’istituto ifo, l’umore tra gli esportatori tedeschi è peggiorato dopo lo scoppio della guerra russa contro l’Ucraina. L’indicatore delle aspettative di esportazione è sceso a -2,3 punti a marzo, in calo da oltre 17,0 punti a febbraio.

READ  Musk, Bezos, Zuckerberg: i miliardari della tecnologia perdono più di 50 miliardi di dollari - Economia

Finora, c’è stato un calo più marcato all’inizio della crisi di Corona nell’aprile 2020 con un calo di 31,2 punti. “La crescita delle esportazioni rallenterà in modo significativo”, ha affermato il presidente dell’Ifo, Clemens Fuest.

Dow e Nasdaq senza una guida congiunta

Proveniente dal mercato azionario statunitense Specifiche incoerenti per il mercato azionario tedesco. L’indice Dow Jones ha chiuso in rialzo dello 0,4% a 34.861 punti venerdì. L’ampio indice S&P 500 è salito dello 0,5% a 4.543 punti. D’altra parte, il settore tecnologico si è indebolito dopo la sua recente ripresa. L’indice tecnologico Nasdaq è sceso dello 0,2% a 14.169 punti.

L’esperto di investimenti di Morgan Stanley Mike Lowengart ha affermato che gli investitori stanno riadattando le loro previsioni di crescita alla luce dell’inflazione persistente, delle turbolenze geopolitiche e di un cambiamento nella politica monetaria.

Perdite nel Nikkei

Lo slancio negativo del trading azionario in Europa proviene dai mercati asiatici. Gli investitori sono preoccupati per la chiusura della piazza finanziaria cinese a Shanghai. Per testare 26 milioni di persone per il Corona virus, la vita pubblica sarà chiusa in due fasi da oggi fino al 5 aprile.

La borsa di Tokyo è stata ancora più debole, scendendo dello 0,7% a 27.944 punti. Dopo che gli orologi sono passati all’ora legale in Europa durante il fine settimana, le negoziazioni a Tokyo sono tornate alle 8:00 CET. L’ora solare è osservata in Giappone tutto l’anno.

Il prezzo del petrolio continua a scendere

Il continuo calo dei prezzi del petrolio fornisce un vento favorevole ai mercati azionari. Il prezzo di un barile di Brent (159 litri) era di $ 116,50 nelle prime contrattazioni. Erano $ 4,15 in meno rispetto a venerdì. Il prezzo di un barile di West Texas Intermediate (WTI) è diminuito di $ 4,21 a $ 109,69.

Il coprifuoco a Shanghai incide sulle prospettive economiche. Gli esperti prevedono un calo della domanda di petrolio nella seconda economia mondiale.

READ  Volkswagen: Rivolta contro le scaramucce Cavallo prima delle elezioni del Consiglio di fabbrica? | NDR.de - Nachrichten - Bassa Sassonia

Inoltre, i ribelli Houthi in Yemen hanno annunciato un cessate il fuoco per diversi giorni sull’Arabia Saudita. Negli ultimi giorni, gli attacchi agli impianti petroliferi sauditi hanno ripetutamente sollevato preoccupazioni per le forniture di petrolio già tese.

Euro ancora sotto 1,10

Il dollaro sta mostrando la sua forza nel trading forex all’inizio. La valuta statunitense beneficia di tassi di interesse più elevati sui mercati dei capitali statunitensi. Le aspettative di una politica monetaria più restrittiva stanno spingendo i tassi di interesse in quel paese. A sua volta, l’euro è sceso dello 0,2% a 1,0956$, scivolando di nuovo sotto la soglia di 1,10$.

Gli alti tassi di interesse pesano sul prezzo dell’oro

L’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti sta pesando sul prezzo dell’oro. L’oro diventa meno attraente in un contesto di rendimenti obbligazionari in aumento, perché il prezioso metallo giallo di per sé non produce alcun interesse. E il prezzo di un’oncia d’oro è diminuito dell’1,1% a $ 1936. All’inizio di marzo si pagavano ancora 2.070 dollari per un’oncia d’oro.

La Bank of Japan manda lo yen al minimo da sei anni

Un’altra iniezione di contanti dalla Bank of Japan (BoJ) ha abbassato lo yen nella valuta locale. Al contrario, il dollaro è salito dello 0,6% ed era il più costoso sei anni fa a 134,87 yen. Per arginare l’aumento dei rendimenti obbligazionari, la banca centrale ha annunciato acquisti illimitati di obbligazioni.

Bitcoin vola ai massimi di tre mesi

Le criptovalute stanno guadagnando velocità durante la loro ascesa. Il bitcoin è salito di quasi il 7% fino a un massimo di tre mesi di $ 47.600. Ethereum guadagna altrettanto forte a $ 3.341. “I fattori di rischio geopolitici e di politica monetaria stanno ricevendo meno attenzione al momento”, ha affermato l’analista Timo Emden di Emden Research. Pertanto, la sostenibilità dell’attuale aumento è discutibile.

Daimler Trucks: camion elettrici sempre costosi

A causa dei maggiori costi delle materie prime, Daimler Truck prevede che i camion elettrici siano più costosi a lungo termine di quelli con motori a combustione. Sul Financial Times, Martin Daum, capo di Daimler Trucks, ha chiesto il sostegno statale per compensare i costi aggiuntivi per le auto a batteria. In caso contrario, il prezzo di questo camion sarà a lungo termine superiore al prezzo del tradizionale camion a motore.

Vittoria di tappa per CTS Eventim nella disputa sui compensi

Il fallimento delle tariffe automobilistiche potrebbe avere enormi conseguenze per lo stato tedesco. Un collegio arbitrale in loco ha concesso a CTS Eventim e Kapsch Trafficom, i due operatori selezionati di sistemi tariffari, una richiesta di risarcimento danni, come abbiamo dichiarato all’unanimità.

Tesla vince la vittoria della US Transportation Safety Administration

Tesla ha vinto una vittoria della US Transportation Safety Administration che potrebbe costare ad altre case automobilistiche centinaia di milioni di dollari. L’NHTSA, la cui decisione è stata consultata da Reuters, ha ripristinato sanzioni più severe per le case automobilistiche che non soddisfano i requisiti di efficienza del carburante negli ultimi anni.

La compagnia di assicurazioni Zurigo rimuove il logo “Z”.

Sullo sfondo della guerra in Ucraina, il gruppo assicurativo svizzero Zurigo ha evitato il logo aziendale “Z”. “Stiamo temporaneamente rimuovendo l’uso della lettera ‘Z’ dai canali social in quanto appare isolata e può essere fraintesa”, ha confermato la società. La lettera è diventata un simbolo della guerra in Russia.