Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I prezzi del petrolio scendono significativamente all’inizio della settimana

Mercato petrolifero sotto pressione, lunedì il greggio è diventato notevolmente più conveniente. Il motivo risiede principalmente nella dura politica della Cina su Corona. Il graduale embargo petrolifero imposto dai paesi del G7 ha un prezzo.

Lunedì i prezzi del petrolio sono scesi in modo significativo. A mezzogiorno, il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord (159 litri) era di 110,51 dollari. Era $ 1,91 in meno rispetto a venerdì. Il prezzo di un barile di West Texas Intermediate (WTI) è sceso da $ 2,17 a $ 107,60.

I mercati petroliferi hanno appena risposto alla notizia che i paesi del G7 avevano concordato un divieto graduale di importazione del greggio russo. “La maggior parte dei paesi del G7 ha già compiuto questo passo”, ha spiegato Carsten Fritsch, esperto di materie prime presso Commerzbank.

Un divieto simile è attualmente in fase di elaborazione nell’Unione Europea, ma questo ha incontrato resistenze nei singoli paesi. A quanto pare, il discorso del presidente del Cremlino Vladimir Putin ha calmato un po’ le cose. Non ha ufficialmente dichiarato guerra all’Ucraina, né ha ordinato una mobilitazione generale. Questo è ciò che temevano alcuni osservatori.

La politica anti-Covid cinese sta mettendo sotto pressione il mercato petrolifero

Nel frattempo, Fritsch ha fatto riferimento alla decisione dell’Arabia Saudita. Il principale paese produttore di petrolio ha abbassato i suoi prezzi di vendita asiatici ufficiali durante il fine settimana. L’onere sul mercato petrolifero proviene principalmente dalla Cina, dove la Repubblica popolare cinese sta ancora adottando misure particolarmente severe contro la diffusione del Corona virus.