Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I populisti di destra italiani non vogliono miliardi da Bruxelles? – Attività commerciale

I populisti di destra italiani non vogliono miliardi da Bruxelles?  – Attività commerciale

Quando Giorgia Meloni è salita al potere in ottobre, Bruxelles e Berlino hanno optato per un modus vivendi conciliante. Finché il nazionalista di destra desideroso di Roma non si allontanerà troppo dal corso del suo predecessore Mario Draghi su due questioni vitali per l’Europa, la sua politica nazionalista e liberale probabilmente passerà inosservata. I funzionari dell’UE hanno espresso elogi iniziali per Meloni. Anche i diplomatici tedeschi hanno reso omaggio dopo quattro mesi in carica. Nelle capitali, il governo italiano l’ha definita una pratica di tolleranza. I partner europei non sono andati molto lontano con questa tattica. Perché non si può più negare: la Roma non offre.

Inutile sottolineare che Meloni mantiene la sua posizione schietta filo-ucraina. Perché allo stesso tempo il capo del governo ha fatto deragliare senza precedenti il ​​piano per il futuro dell’Italia finanziato dall’Ue: Roma è molto indietro nell’attuazione del piano di ricostruzione da 191 miliardi di euro. Il Paese fortemente indebitato sta mettendo a repentaglio un’opportunità unica: superare decenni di debole crescita.

Finora il governo non ha intrapreso alcuna azione per utilizzare la nuova scadenza di fine aprile

Il bilancio non è nemmeno dei più preoccupanti: dopo quasi sei mesi, il governo sembra già aver abbandonato l’obiettivo. Sembra che lo sforzo non funzionerà comunque. Sì, come se non ci fosse accordo sul fatto che valga la pena puntare sui mega-investimenti europei per la modernizzazione dell’Italia.

L’elefante è nella stanza da molto tempo. La Commissione Ue ha trattenuto 19 miliardi di euro della terza tranche da fine febbraio dopo che l’Italia non aveva soddisfatto tutti i requisiti lo scorso dicembre. Il governo rumeno è stato dato due volte per emendare. Finora non ha preso provvedimenti per utilizzare la nuova scadenza di fine aprile.

L’Italia ha una grande responsabilità per tutti gli europei. Il paese è il maggior beneficiario della politica di coesione più importante nella storia dell’Unione europea. Ma all’improvviso sembra che non si possa fare nulla con l’aiuto. A fine marzo la Corte dei Conti romana ha lanciato un monito: solo il sei per cento del totale è stato investito in progetti specifici. È stata spesa solo la metà dell’importo promesso.

Il governo incolpa la burocrazia italiana per il pasticcio. Non appena si è insediato, Mario Draghi ha sciolto il potente gruppo che aveva riunito per raccogliere la sfida. Prima i membri chiave dello staff sono stati licenziati, poi l’intera struttura è stata smantellata. La Corte dei conti avverte: “C’è il rischio di una ridotta efficienza operativa in un momento critico dell’attuazione”. Sfortunatamente, questo è certo ora.

Anche l’urgente appello del presidente dello Stato Sergio Mattarella è caduto nel vuoto: “È ora che ognuno faccia quello che può”. È successo il contrario. Quanto più evidenti sono le difficoltà della coalizione di destra, tanto più spudoratamente essa rivela il proprio disinteresse. Come se il governo non avesse alcun obbligo di onorare l’accordo, Maloney ha insistito: “Il piano non è venuto da me. Un esponente di spicco della Lega ha suggerito di fare a meno di alcuni prestiti: “Ha senso prendere in prestito dall’Ue per fare cose di cui non abbiamo bisogno?”. Dall’autunno la Commissione Ue ha espresso la disponibilità a negoziare con Roma i cambiamenti auspicati. Ad oggi, nulla è sul tavolo a Bruxelles.

Non poteva andare peggio per l’Europa e per l’Italia. Prima l’Italia ottiene quello che ha sempre chiesto: la socializzazione dei debiti. E poi i populisti di destra fingono che il denaro non valga nulla. Sono d’accordo con i nordeuropei che hanno sempre pensato che dare troppo sostegno finanziario al Paese mediterraneo sarebbe dannoso. Si concluderà con gli sforzi per approfondire l’integrazione nell’Unione europea. Autenticamente dall’Italia. Se la Meloni nega una parte degli aiuti agli investimenti, taglierà crescita, posti di lavoro, maggiori entrate fiscali e abbasserà il debito pubblico. Reazioni negative dei mercati finanziari e tassi di interesse in rialzo sui 2700 miliardi di debito. C’è solo una speranza: Melony non può essere così stupida.