Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I linfociti T possono proteggere il comune raffreddore dall’infezione del virus Corona, una pratica curativa

SARS-CoV-2: immune ai precedenti raffreddori?

Il rischio di contrarre il coronavirus SARS-CoV-2 è alto per molte persone. Ma alcuni sembrano abbastanza immuni. Un team di ricerca inglese ha ora fornito la prima prova che alcune persone hanno cellule T che proteggono dall’infezione da corona.

I ricercatori dell’Imperial College London forniscono la prima prova concreta che i linfociti T immuni, formati come parte di precedenti raffreddori, possono proteggere dall’infezione con il coronavirus SARS-CoV-2. I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla famosa rivista specializzata “Comunicazioni sulla natura” Piede.

Immunità crociata da altri coronavirus umani

Il coronavirus SARS-CoV-2 e le sue varianti sono responsabili dell’attuale epidemia. Ma anche prima di SARS-CoV-2, c’erano coronavirus in gran parte innocui che causavano il comune raffreddore. Studi precedenti hanno dimostrato che i linfociti T acquisiti come parte di questi raffreddori riconoscono anche il coronavirus SARS-CoV-2.

Il team dell’Imperial College London ha dimostrato per la prima volta che la presenza di tali cellule T da precedenti raffreddori può prevenire l’infezione con il coronavirus SARS-CoV-2. L’autore principale dello studio, il dott. Rea Kondo.

Nessuna infezione nonostante l’esposizione

Come parte dello studio, il team ha esaminato 52 partecipanti non vaccinati che vivevano con persone che erano state infettate da SARS-CoV-2. Tutti i soggetti sono stati sottoposti a test PCR all’inizio dello studio e quattro e sette giorni dopo per determinare se erano stati infettati. Inoltre, il sangue è stato prelevato da tutte le persone coinvolte. Ciò ha permesso di analizzare quante cellule T erano già presenti, risultato di una precedente infezione con altri coronavirus umani.

Si scopre che 26 persone non sono state infettate da SARS-CoV-2 nonostante abbiano vissuto con una persona infetta. L’analisi dei campioni mostra che queste persone avevano un livello significativamente più alto di cellule T di coronavirus già presenti rispetto ai partecipanti che avevano anche SARS-CoV-2 nel corso dello studio.

READ  Diet Life: la soluzione per l'emicrania?

Le cellule T fredde proteggono anche da SARS-CoV-2

Il dottor conferma. Kondo.

Solo una forma di protezione

“Questa è una scoperta importante, ma è solo una forma di protezione e vorrei sottolineare che non dovrebbe essere invocata da sola”, afferma lo scienziato. La migliore protezione contro il COVID-19 è una vaccinazione completa, inclusa una vaccinazione di richiamo.

I linfociti T non prendono di mira la proteina spike

Dai risultati emerge un altro importante risultato. I linfociti T trovati non erano diretti contro proteine ​​virali come gli anticorpi, ma contro proteine ​​endogene. Tuttavia, i vaccini attuali non stimolano la risposta immunitaria a queste proteine ​​endogene. Allo stesso tempo, la scoperta mostra un nuovo punto di partenza per rendere i futuri vaccini più efficaci e completi.

Vaccinazione a lunga durata d’azione

Secondo il gruppo di lavoro, ciò consentirà lo sviluppo di vaccini che “forniscono una protezione a lungo termine, perché le reazioni dei linfociti T durano più a lungo delle reazioni anticorpali, che regrediscono entro pochi mesi dalla vaccinazione”.

Nuovo punto di attacco per evitare la fuga di mutazioni

“Il nostro studio fornisce la prova più chiara fino ad oggi che le cellule T causate dai coronavirus freddi svolgono un ruolo protettivo contro l’infezione da SARS-CoV-2”, riassume l’autore principale dello studio, il professor Ajit Lalvani. Secondo lui, queste cellule T forniscono protezione attaccando le proteine ​​all’interno del virus e non la proteina spinata sulla superficie del virus.

“La proteina spike è sottoposta a una forte pressione immunitaria da anticorpi indotti dal vaccino che guida lo sviluppo di mutanti di fuga”, spiega Lalvani. Al contrario, secondo il professore, le proteine ​​endogene sono mutate in misura molto minore. Pertanto, i vaccini e le reazioni immunitarie che prendono di mira tali proteine ​​endogene potrebbero proteggere da SARS-CoV-2 per un tempo più lungo e su scala più ampia, comprese le varianti attuali e imminenti.

READ  Tre caratteristiche dell'intelligenza che puoi vedere senza un test del QI

determinazione dei risultati

Finora, osservano i ricercatori, è stato esaminato solo un piccolo gruppo di cellule T. I risultati non sono stati ancora verificati su un gruppo più ampio. (FP)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti del settore medico.

autore:

Diploma Editor (FH) Volker Plasic

Risorse:

  • Imperial College London: le cellule T del comune raffreddore proteggono dall’infezione da SARS-CoV-2 (veröffentlicht: 10.01.2022), Imperiale. ac.uk
  • Kundu, R., Narean, JS, Wang, L. et al: Le cellule di memoria cross-reattive sono associate alla protezione contro l’infezione da SARS-CoV-2 nei contatti COVID-19; In: Comunicazioni sulla natura, 2022., Natura.com

nota importante:
Questo articolo è solo per una guida generale e non è inteso per essere utilizzato per l’autodiagnosi o l’autotrattamento. Non può sostituire una visita dal medico.