Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I creatori del gioco online Fortnite hanno subito una battuta d'arresto nei loro piani nell'Unione Europea

I creatori del gioco online Fortnite hanno subito una battuta d'arresto nei loro piani nell'Unione Europea

Mercoledì la società ha confermato che, a seguito di precedenti violazioni delle regole da parte dello sviluppatore Epic Games, il suo diritto alla rimozione dalla piattaforma è stato confermato in tribunale.

Con l'entrata in vigore della legge sui mercati digitali (DMA), Apple nell'UE dovrà per la prima volta consentire il download di app da fonti diverse dall'App Store interno sull'iPhone. Epic vuole sfruttare questo per riportare in vita il gioco “Fortnite”, che è stato bandito dall'App Store dall'agosto 2020 dopo aver violato le regole, almeno nell'Unione Europea.

Mercoledì Epic ha annunciato pubblicamente la nuova controversia in un post sul blog. Di conseguenza, il 2 marzo, Apple ha vietato a Epic Games l'account di uno sviluppatore svedese creato poche settimane prima. La lettera degli avvocati, anch'essa pubblicata, afferma che Epic “chiaramente non ci si può fidare”.

Il motivo della lunga disputa è che Epic ha cercato di usare un trucco per evitare la tassa del 30% sul prezzo di acquisto che Apple trattiene dalle transazioni nel suo App Store. Una versione dell'app con codice nascosto è stata passata ai revisori dell'app dell'azienda, consentendo agli utenti di acquistare oggetti virtuali anche tramite Apple. Apple ha cacciato il gioco “Fortnite” dall'App Store per aver violato le regole. D'altra parte, Epic è andata in tribunale negli Stati Uniti, ma ha perso in tutte le cause.

Epic ha descritto il ban dell'account dello sviluppatore svedese come una ritorsione per le aspre critiche del presidente dell'azienda Tim Sweeney all'implementazione dei requisiti DMA da parte di Apple. Ha definito “spazzatura” le regole previste da Apple per altri mercati di app e ha accusato l'azienda, tra le altre cose, di voler rallentare la concorrenza. Secondo le nuove condizioni, Apple offre tra l'altro una tariffa di 50 centesimi per ogni ulteriore prima installazione dopo un milione di download di un'app nell'arco di dodici mesi. Gli sviluppatori possono anche rimanere nel vecchio modello e distribuire le loro app solo tramite l'App Store di Apple. Il gruppo descrive le installazioni di app da altre fonti come un rischio per la sicurezza.