Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gunther Jauch riceve una brutta battuta in “Chi vuol essere milionario”.

Gunther Jauch riceve una brutta battuta in “Chi vuol essere milionario”.

Günter Jauch conduce dal 1999 il programma “Chi vuol essere milionario”. Foto: RTL/Stefan Gregorius

celebrità

Charlotte zinco

Lunedì sera, giusto in tempo, RTL ha riacceso i soldi per dare alle persone la possibilità di vincere molti soldi con una buona conoscenza generale e un po' di fortuna.

In “Chi Vuol Essere Milionario?” Questa volta, di fronte al direttore dello spettacolo Günter Jauch, sedeva tra gli altri anche il commerciante di auto usate Willi Wachtendonk.

Per lui quella è diventata una delle domande più difficili della serata, a cui gli altri candidati potevano rispondere nel sonno.

Watson è ora su WhatsApp

Adesso su Whatsapp e Instagram: aggiorna il tuo Watson! Ci prenderemo cura di te Qui su WhatsApp Con i punti salienti di Watson di oggi. Solo una volta al giorno: niente spam, niente bla, solo sette link. una promessa! Preferisci essere aggiornato su Instagram? Qui Puoi trovare il nostro canale di streaming.

Mentre Gautsch stava studiando cosa intendesse fare con il milione se lo avesse vinto, l'ipotesi si è sbilanciata. Ciò nonostante il supervisore abbia commentato con stupore:

“Nessuno ha mai voluto quello che avresti ottenuto con un milione.”

Ha indicato le informazioni che ogni candidato rivela su se stesso prima della trasmissione. È un peccato che Wachtendonk non abbia più in mente la sua lista dei desideri.

Ipotesi dei candidati, ma non per le domande dei test

Il concessionario di automobili spiegò che aveva sempre desiderato pilotare un aereo supersonico. Tuttavia, ha ammesso che questo desiderio ora è cambiato perché ormai è troppo incerto per lui.

“Non è sulla lista”, rispose Yauch, per nulla impressionato. “Penso che preferirei usare una bici elettrica”, ha continuato a consigliare il candidato.

Gautsch ha spiegato che la bici elettrica era la penultima nella sua lista dei desideri. Voleva anche un fuoristrada, continuava a pensare l'abitante di Xanten.

“Cosa dice il numero uno?” chiese Yauch inflessibile, guardando la sua scheda informativa.

Poiché nulla lo aiutava, alla fine ha messo la carta sotto il naso del suo candidato. Esclamò sorpreso:

“È chiaro, non ho bisogno di un milione per questo!”

Günter Jauch delizia il pubblico con il suo spirito macabro

Il rigattiere, infatti, ha deciso di accantonare una piccola somma per il suo funerale. Quindi sarebbe una grande festa, con un carretto di birra, per esempio, ha spiegato.

Yauch era entusiasta dell'idea. “Stai pensando solo agli altri!” Ha elogiato. Il supervisore voleva sapere dalla moglie del candidato, che era venuta ad accompagnarlo, se pensava che fosse una buona idea.

“Sì, ci sto!” Lei disse. “Lo speriamo”, rispose secco Yauch, suscitando qualche risata.

Il candidato esprime un cipiglio sfacciato dicendo a Gautsch

Da allora in poi il tema della morte ha continuato a insinuarsi nello spettacolo. Questo è quello che è successo a Gautsch quando Wachtendonk si è imbattuto in una domanda e non era sicuro al 100% della risposta scelta: “Alla fine siamo tutti morti”.

“O più intelligente!” Il candidato ha risposto. Ma Yauch non lasciò andare quell'idea. “Allora sarebbe un bel cadavere”, spiegò al rigattiere. “Se sei morto, puoi rimetterti i vestiti”, ha detto il coordinatore del WWM.

“Il fatto che alla fine qualcuno passi un'altra mezz'ora cercando di fare qualcosa…” ha spiegato.

Ma ci è voluto più tempo prima che indossasse la maschera “WWM”, ha risposto Wachtendonk. Poi Jauch ha ammesso:

“Mi preoccupa se hai più lavoro di me.”

Il candidato è andato ancora meglio: “Mia moglie ha detto che non puoi più vedere le rughe – su di me!”

“Lei non mi conosce!” rispose rapidamente Gauche. “È divertente con te…” aggiunse dopo un attimo.

Meglio andare che morire

Ma anche ogni cosa divertente deve finire. Per Wachtendonk la fine è arrivata con la domanda da 125.000 euro, alla quale non ha potuto rispondere nemmeno con l'aiuto delle sue battute telefoniche.

“Sì, cosa devo fare adesso?” Ha chiesto al gruppo. “Sdraiati e muori!” suggerì Yauch.

“No, non lo voglio ancora”, ha detto il nativo di Xanten. Invece è fuggito con 64.000 euro. Scelta saggia!