Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerriglia ad Haiti: ‘strage di crudeltà senza precedenti’

Stato: 05/11/2022 19:29

148 persone sono state uccise in combattimenti tra bande ad Haiti tra la fine di aprile e l’inizio di maggio. Attivisti per i diritti umani parlano di un “strage di crudeltà senza precedenti”. Il tuo rapporto elenca i crimini più gravi.

Scritto da Ann Demmer, ARD Studio Città del Messico

Quasi un anno dopo l’assassinio del presidente Jovenel Moise, le bande criminali dominano ancora le vite haitiane. Ad esempio, gli anelli vengono posti intorno al collo delle persone e poi bruciati vivi. Lo ha riferito la Rete nazionale haitiana per la difesa dei diritti umani (RNDDH) Nel suo ultimo rapporto,.

L’organizzazione per i diritti umani parla di un “strage di crudeltà senza precedenti”. Ragazze e donne sono state violentate prima di essere uccise. Almeno 148 persone sono state uccise tra la fine di aprile e l’inizio di maggio, inclusi sette membri della banda di Chen Man, che sono stati uccisi dal loro leader.

Secondo il rapporto, le bande stanno combattendo per la loro supremazia nei quartieri e quindi per il loro reddito dal denaro di protezione che chiedono a residenti locali, commercianti, compagnie di trasporto, autobus e tassisti.

Migliaia di persone stanno fuggendo

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, 9.000 persone sono fuggite dagli attuali combattimenti tra bande rivali 400 Mawozo e Chen Mechan dai loro quartieri di Croix-des-Bouquets e Tabarre y Cité Soleil nell’area urbana della capitale, Port -Harb-Amir.

Human Rights Network riferisce che alcune famiglie sono ora tornate alle loro case. Tuttavia, non ci sono basi sicure per questo, perché le bande rivali sono ancora armate e i combattimenti potrebbero ricominciare in qualsiasi momento. Ci sono legami tra bande, bande rivali, polizia e autorità statali.

READ  Notizie dall'Ucraina: ++ I lanciamissili tedeschi Mars II sono arrivati ​​in Ucraina ++

Le bande sono meglio attrezzate della polizia

Il rapporto documentava le foto militari del massacro, che le bande hanno pubblicato sui social media. W: Ecco perché lo stato haitiano rimane il più grande fornitore di armi alle bande.

Ad Haiti sono attive circa 200 bande. Tutte le strade che portano fuori città sono sotto il controllo di bande criminali, compreso l’accesso alle infrastrutture critiche e l’accesso al carburante, spiega Annalisa Lombardo, presidente della Welthungerhilfe a Port-au-Prince. “Il governo tace, è frammentato”, dice. “Manca una figura politica credibile che possa portare il Paese fuori dal caos”.

I gangster sono meglio equipaggiati della polizia. D’altra parte, le forze di sicurezza sono sottopagate, dice Lombardo, e questo è con l’iperinflazione. A volte venivano pagati solo ogni quattro mesi.

La corruzione dilaga ad Haiti

Il capo della Welthungerhilfe afferma che la corruzione è un problema serio. Il rapimento è all’ordine del giorno. Ciò ha conseguenze anche per il sistema sanitario. Secondo i media locali, due ospedali della capitale, Port-au-Prince, sono stati temporaneamente chiusi pochi giorni fa, dopo il rapimento di un pediatra.

Un autobus che trasportava haitiani, turchi e dominicani è stato dirottato all’inizio di questa settimana. I rapitori hanno arrestato 17 persone.

Il paese più povero dell’emisfero occidentale

Haiti è il paese più povero dell’emisfero occidentale. Circa il 40 per cento della popolazione dipende dagli aiuti umanitari. Più e più volte, il paese subisce le conseguenze di disastri naturali come terremoti e uragani.

Anche il presidente Moise è stato assassinato nel luglio dello scorso anno. Sebbene più di 20 sospetti, per lo più mercenari dalla Colombia, siano stati arrestati, i retroscena dell’omicidio devono ancora essere chiariti.