Maggio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gruppo pop Roy Bianco & Abrunzatti Boys: Tuto Amore per la bella Italia – Cultura

Questa è una fiaba italo-tedesca: Capodanno 1981, una breve storia sul duo di successo Italo Roy Bianco e Abrunzatti Boys (sebbene gli Abrunsatti Boys siano una persona), che incontrano due musicisti in Sierra Leone sul Lago Carta. Poco dopo si sono esibiti con una band di quattro elementi al Festival Internazionale Schleger di Rio de Janeiro.

Dopo diversi tour mondiali e premi musicali, la band si è sciolta nel 1997 a causa di una disputa tra due importanti musicisti. Poi, dal 2016, Reconciliation and Reunion, successi radiofonici, apparizioni ai festival e l’album “Greatest Hits”. Ora, nell’aprile 2022, qualcosa che nessuno si aspettava: il nuovo album dei Roy Bianco & Abrunzatti Boys “Mille Crazy” ha raggiunto la posizione numero 1 delle classifiche tedesche, il più grande successo.

Segue un cliché italiano

Il punto su “Mille Grazie” illustrato è vero, il resto è falso. Al momento non si sa cosa farà dopo aver lasciato il posto. E il suo album “Greatest Hits” è stato il suo primo album.

La musica che creano con la loro band è un mix di hit paradossale e indie pop, sempre legati alla Terra Promessa d’Italia, sempre con tanto lardo, sempre con il massimo dell’entusiasmo – tanto da ammirare quando si vedono i giovani suonare. È: abiti chiari, occhiali da sole scuri, baffi e capelli strappati, look sognante.

Nelle loro canzoni cantano la Dolce Vita, la Riviera e ovviamente Bella Napoli, ma cantano anche ricordi d’infanzia come il Brennero che guida in autostrada. Segue un cliché italiano che se hai il cuore, non puoi farne a meno, ma versati un altro Aperol Spritz e canta insieme: “Ti ho trovato, Napoli sogna / a Bella Blue ho solo bisogno di una cosa”.

READ  Escursioni sul mare all'Elba

Roy Bianco & Abrunzatti Boys, il merito di Italopop con il pubblico giovane nei paesi di lingua italiana non ha successo. La band austriaca Wanda ha pubblicato il suo album “Amore” nel 2014, seguito da “Nintendo” e “Xiao”.

L’anno scorso il progetto ha riunito la banda di Crochet con la cantante, manager musicale Charlotte Golderman e suo marito, scrittore e musicista, insieme a Francesco Wilking, die Hochstein Eisenbaum. Sven Reigner, Registrazione con cover tedesche tradotte in italiano. È tornato anche Italodisco: Berlino ha organizzato feste alla moda con questo motto per molti anni.


Sebbene la Spagna sia stata a lungo una destinazione popolare per i tedeschi, l’Italia è sempre stata una destinazione per i tedeschi. Ma la tendenza verso l’italopilia sta prendendo piede da tempo: dopotutto, si celebra il film kitsch italiano degli anni ’50, sempre con spiagge assolate e alti cipressi.

Berlino ha negozi come “Amore Store”, millennial che si tatuano sui piedi “La Dolce Vita” o indossano cappellini con la didascalia “Marchio Studio Xiao” Tutto Pene”: il suo slogan pubblicitario: “Quando la Dolce Vita diventa un prodotto”.. tutto paradossalmente , Certo.

Poi Roy Bianco & the Abrunzatti Boys fanno un tour quasi sold-out con la loro controversa vittoria di Italo a Berlino, e non rinunceranno davvero al loro ruolo, “Ciao Ragazzi!” su Instagram. Questo si rivolge solo ai loro fan ed è un mondo perfetto di promesse. Da dove viene questa popolarità tra le generazioni post-Boomer?

“Penso che siano due cose diverse”, dice Abrunzatti in un’intervista ai Boys (come accennato, una persona), folti baffi, catena d’oro, zoom. “Certo, una cosa è per molti di noi l’esperienza nostalgica di avere l’Italia come meta di vacanza: abbiamo guidato con i nostri genitori sul passo del Brennero, la macchina era gremita, ci hanno servito prima pasta o pizza o gelato.

READ  Nuova alta incidenza di infezioni in Francia e Italia

L’altra cosa è che l’Italia è la destinazione turistica più commercializzata non solo in Germania ma in tutto il mondo”. Il cantante Roy Bianco afferma che un altro motivo è che l’Europa sta guadagnando ancora una volta popolarità come destinazione di viaggio in Germania. “Negli anni 2000 e 2010 le persone tendevano a viaggiare a Bali o in Thailandia. Ora è più probabile che tornino in Italia”.

In effetti, i tedeschi hanno una lunga tradizione nel collegare l’Italia come meta di viaggi e vacanze. Gli artisti del Rinascimento hanno già viaggiato in quella che molti considerano la “culla della cultura”. Poi venne Goethe: il suo “viaggio in Italia dal 1886 al 1888” divenne un modello per innumerevoli persone culturalmente interessate che ancora seguono le orme del poeta.


Dagli anni ’50, il boom economico ha regalato all’Italia una vacanza per molti e il paese è diventato rapidamente una destinazione popolare per i tedeschi occidentali. Nel 1958 c’erano già quattro milioni di vacanzieri tedeschi, la maggior parte dei quali ora viaggiava in auto. Anche i successi tedeschi hanno avuto un ruolo in questa ascesa in Italia: prima che la maggior parte delle persone viaggiasse dopo la guerra, cantavano della dolce vita di Bella Italia, evocando nostalgia e nostalgia per i suoni di rose e mandolini in fiore. Notti piene di Dolce per Nintendo e Ciandi.

L’attuale situazione mondiale potrebbe essere il motivo per cui questa storia è tornata popolare. Corona, guerra e cambiamento climatico in Ucraina sembrano essere una minaccia quasi senza speranza per molti giovani. “Cose come Aperol Spirits sono così belle, così convenienti, così convenienti, ecco perché stanno crescendo di nuovo”, afferma Roy Bianco.

READ  Serie A: Trasmissione in TV e live streaming in Germania

“Vogliamo dare alle persone una sorta di via di fuga. In questo senso: Arrivederci!