Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Selinsky chiede nuove sanzioni russe – Anteprima

Aggiornato il 22/06/2022 alle 06:16

  • Un consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky è fiducioso di poter ancora vincere la guerra e spera di lanciare un contrattacco ad agosto.
  • Tuttavia, le forze ucraine devono attualmente combattere l’accerchiamento nell’est del paese.
  • Cosa è successo durante la notte e cosa conta ancora mercoledì.

Puoi trovare altre notizie sulla guerra in Ucraina qui

Poco prima della decisione sulla possibile situazione di Ucraina Come candidato per entrare nell’Unione Europea ha il Presidente Volodymyr Zelensky Chiede più sanzioni contro la Russia. “La Russia dovrebbe sentire la crescente pressione a causa della guerra e della sua politica anti-europea aggressiva”, ha detto mercoledì sera il capo di stato ucraino nel suo videomessaggio. Nei colloqui con diversi capi di Stato e di governo europei, ha sottolineato che il settimo pacchetto di sanzioni è necessario il prima possibile.

Nel frattempo, i combattimenti continuano nell’Ucraina orientale e c’è la minaccia di accerchiare le forze ucraine. D’altra parte, Zelensky ha affermato che l’area intorno a Cherson che era occupata dalle forze russe viene gradualmente ripristinata.

Presto potrebbe esserci qualche movimento nelle esportazioni di grano dall’Ucraina – secondo il Cremlino, i rappresentanti della Turchia dovrebbero recarsi a Mosca la prossima settimana per colloqui sulle esportazioni vietate, che stanno portando a gravi strozzature nell’approvvigionamento in particolare nei paesi in via di sviluppo.

Il consigliere di Zelensky: “Possiamo vincere la guerra”

Il consigliere economico di Zelensky, Alexander Rodniansky, ha espresso fiducia nella vittoria del suo paese sull’aggressore russo. “Possiamo vincere la guerra”, ha detto nel programma ARD “Maischberger”. Spera di iniziare il contrattacco ad agosto.

READ  Primo ministro polacco Mateusz Morawiecki: Schulz deve andare a Kiev! - notizie all'estero

Il supporto dall’esterno aiuta molto e arriva anche, ma ci vuole un po’ prima che le armi possano essere usate. L’illusione di una pace duratura con Russia In nessun caso dovresti arrenderti. sotto la sedia Vladimir Putin Il paese vicino è tutto imperialista – “e rimarrà tale”.

Russia: sequestrate decine di navi in ​​Ucraina

Secondo le informazioni russe, 70 navi provenienti da 16 paesi sono attualmente bloccate in sei porti in Ucraina. Secondo il ministero della Difesa russo, non possono andare in mare senza ostacoli a causa dei bombardamenti delle forze ucraine e dell’alto rischio di mine.

D’altra parte, l’Ucraina – uno dei maggiori esportatori di grano al mondo – ha criticato il fatto che la Russia impedisca l’esportazione di grano chiudendo i porti ucraini, che ha causato una crisi alimentare. La comunità internazionale ha anche chiesto alla Russia di consentire l’esportazione di grano ucraino per settimane.

Morti e feriti nella regione di Kharkiv

Nella regione di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, 14 adulti e bambini sono stati uccisi in attacchi russi, ha detto martedì al servizio di notizie Telegram il governatore Oleh Sinihopov. Altri 16 sono rimasti feriti.

Secondo il governatore Pavel Kirilenko, 1 civile è stato ucciso nella regione di Donetsk e altri 19 sono rimasti feriti. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Le forze ucraine affrontano l’accerchiamento nell’Ucraina orientale

Nella regione ucraina orientale di Luhansk, fortemente contesa, le forze russe potrebbero assediare le unità ucraine intorno alle città di Solot e Hersk. Secondo un rapporto dello stato maggiore ucraino, il territorio fu catturato dalle forze russe, in modo che le forze ucraine potessero interrompere il collegamento della strada settentrionale con le loro altre unità intorno a Lysichansk. Il collegamento via Wrubiwka, a ovest di Hirske, era già passato sotto il controllo russo la scorsa settimana.

READ  Dopo diversi ritardi: l'astronauta tedesco Maurer decolla per la Stazione Spaziale Internazionale

Lindner: Un lungo periodo di privazione

Ministro delle Finanze Christian Lindner (FDP) Giuro che i cittadini tedeschi attraverseranno un lungo periodo di privazione con i prezzi alti della guerra. “La mia preoccupazione è che potremmo avere una situazione molto preoccupante tra poche settimane e mesi”, ha detto Lindner in “Height Magazine” di ZDF.

“Sono circa tre o quattro o forse cinque anni di scarsità. E dobbiamo trovare una risposta a questo”. “C’è il rischio di una crisi economica molto grave a causa degli alti prezzi dell’energia, dei problemi della catena di approvvigionamento e dell’inflazione”, ha aggiunto.

Il presidente del Consiglio Ue propone lo status di candidato per l’Ucraina

Una decisione sul possibile status dell’Ucraina come candidato all’adesione all’UE è ormai imminente. Il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel chiede che questo status sia concesso a lei e al suo piccolo vicino, la Moldova.

L’ultima bozza della dichiarazione finale del vertice Ue che inizierà giovedì recita: “Il Consiglio europeo ha deciso di concedere all’Ucraina e alla Repubblica di Moldova lo status di Stati candidati”. Quindi, l’incontro dei 27 capi di Stato e di governo a Bruxelles fino a venerdì seguirà la raccomandazione della Commissione dell’Unione europea.

La guerra in Ucraina: arriva questo giorno

Il cancelliere tedesco Olaf Schulz vuole partecipare ai prossimi incontri al vertice di Unione europeae il G7 e la NATO, ciascuno dei quali si concentrerà sulla guerra in Ucraina. La dichiarazione del governo di 20 minuti del politico SPD è stata seguita da un’ora e mezza di dibattito.

Inoltre, i capi della Traffic Light Alliance discutono dei possibili passi contro l’aumento dei prezzi, in particolare del gas e dell’energia, a seguito della guerra. Nel pomeriggio, anche il presidente dell’Ifo Clemens Fuest ha parlato delle conseguenze della guerra sull’economia e sulla Germania come stazione commerciale. (dpa/mbo)
© dpa

READ  Secondo l'FBI, il fidanzato di Gabi Pettito ha confessato l'omicidio

Quattro mesi dopo l’attacco all’Ucraina, la Russia ha descritto le relazioni con l’Occidente come danneggiate nel lungo periodo. “Sì, sarà una lunga crisi”, ha detto martedì sera il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov in un’intervista al canale televisivo statunitense MSNBC. “Non ci fideremo mai più dell’Occidente”. Dall’inizio della sua guerra contro l’Ucraina, la Russia ha ripetutamente sollevato accuse contro i paesi occidentali, ad esempio per il sostegno militare al paese sotto attacco.