Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: esiste il pericolo di penetrazione russa?

Guerra in Ucraina: esiste il pericolo di penetrazione russa?

L’esercito russo continua a compiere piccoli ma rapidi progressi nell’Ucraina orientale. Lo mostrano anche le immagini satellitari Che il New York Times ha apprezzato, Si dice che gli aggressori si trovino di fronte a linee di difesa ucraine poco sviluppate e prive, rendendo l’avanzata russa più difficile.

Per difendere Avdiivka e l'area intorno alla città, che era sotto attacco da quasi dieci anni, la linea difensiva in molti punti non doveva essere più sviluppata delle trincee di fanteria. Per fare un confronto: nell’inverno 2022/23 la Russia ha ampliato significativamente la sua linea di difesa nel sud per diversi mesi, rendendo impossibile la prevista grande offensiva ucraina.

Esiste quindi il pericolo di un attacco informatico russo? Tre esperti stanno valutando la situazione. Puoi trovare tutti gli episodi della nostra serie “3 in 1” qui.


Al momento non si prevede un grande passo avanti

La Russia sta lentamente distruggendo l’Ucraina partendo da est. Una città dopo l'altra viene rasa al suolo. Quindi l’esercito russo avanza indipendentemente dalle perdite. In questo modo, la Russia continua attualmente i suoi attacchi locali su diversi settori del fronte dopo aver conquistato la città ucraina di Avdiivka.

La Russia può agire in questo modo perché l’Ucraina non dispone di difesa aerea e munizioni di artiglieria. Tuttavia, i progressi russi rimangono generalmente limitati, con perdite significative. Al momento non vedo alcun rischio di una svolta importante. Inoltre, la Russia non dispone di forze sufficienti per poter sfruttare la breccia in operazioni su larga scala.

Nel settore meridionale del fronte, l’Ucraina esercita una pressione particolare sulla Marina russa e sui servizi logistici russi. L’Ucraina deve risolvere i problemi di mobilitazione internamente e ha bisogno da noi della difesa antiaerea, delle munizioni di artiglieria e delle armi di precisione.


La divisione dell’Occidente aiuta i russi

Sul fronte ucraino mancano munizioni, tecnologia, soldati riposati e, sempre più, unità nella leadership politica. I rapporti dalle trincee parlano attualmente di due colpi ucraini ogni dieci colpi russi.

Tuttavia, ciò che non è cambiato dall’invasione totale del febbraio 2022 è che gli ucraini stanno combattendo con le unghie e con i denti per la propria esistenza – e per la preservazione dell’ordine internazionale basato su regole, cioè il fondamento della comoda sicurezza e stabilità che garantisce abbiamo in Germania. Ha potuto vivere in pace.

Niente gioca più nell’interesse del Cremlino di quando le alleanze occidentali si fratturano, le narrazioni russe trapelano e gli interessi della Germania in Ucraina vengono fraintesi, il che va ben oltre i nostri valori tanto decantati.

L'ardua discussione sulla consegna dei missili Taurus da parte della Germania in tutti i suoi aspetti – dalle controversie con i partner europei alla questione delle intercettazioni telefoniche – non potrebbe mostrarlo più chiaramente: l'hacking russo è una minaccia attuale, soprattutto nei nostri discorsi.


Quest’anno non ci saranno grandi novità

È probabile che le forze russe ottengano piccoli successi tattici lungo la linea di contatto nei prossimi mesi. Ma non mi aspetto molti progressi quest’anno.

Dopo dieci anni di guerra, in cui la Russia ha goduto di tutti i vantaggi, ora controlla solo un quinto del territorio ucraino. La flotta del Mar Nero e l’aeronautica russa hanno subito pesanti perdite nelle ultime settimane. Finora sono stati uccisi o feriti più di 500.000 soldati russi. Al momento non vedo alcuna “capacità congiunta” per nessuna delle due parti.

Il 2024 è l’anno della “competizione industriale”. L’Ucraina e l’Occidente dovrebbero usarli per ricostituire le scorte di munizioni e aumentare la capacità nazionale di manutenzione e riparazione.

L’Ucraina deve anche riformare il proprio sistema di personale militare, sostituendo i soldati esausti e costruendo nuove unità. L’esercito attualmente non dispone di personale regolare sufficiente per continuare la guerra.