Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra contro l’Ucraina: Zelensky si aspetta attacchi più gravi

Stato: 20/06/2022 07:12

In risposta all’imminente decisione sullo status del suo paese come candidato all’adesione all’UE, il presidente dell’Ucraina presume che la Russia adotterà misure più violente. Esperti militari hanno affermato che l’offensiva russa si era fermata.

La lotta per il centro amministrativo di Severodonetsk nell’Ucraina orientale continua con forza illimitata. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato in un videomessaggio che la Russia ha aumentato l’uso dell’artiglieria e dispiegato più forze offensive per rilanciare l’offensiva nel Donbas. Ma i difensori ucraini hanno tenuto tutti i punti controversi come Sievjerodonetsk, Lyssychansk o Avdiivka.

Silinsky ha parlato di giorni difficili ma anche storici che il Paese stava affrontando. “Domani sarà una settimana davvero storica quando ascolteremo la risposta dell’UE sullo status di candidato dell’Ucraina”, ha affermato Zelensky. E ha avvertito che proprio per questa decisione la Russia “intensifica chiaramente le sue ostilità”, prendendo di mira non solo l’Ucraina, ma anche altri Paesi europei.

Venerdì, la Commissione dell’Unione Europea ha raccomandato che all’Ucraina venga concesso lo status di candidato. Tuttavia, tutti i 27 Stati membri devono ancora accettare questo. La decisione finale sarà presa al vertice dell’UE il 23/24. Giugno autunno.

Esperti militari: cabine d’attacco russe

Secondo gli esperti militari dell’Istituto per lo studio della guerra (ISW), l’offensiva russa nel Donbass è stata interrotta. La superiorità della Russia nell’armamento di artiglieria non era ancora sufficiente per catturare Severodonetsk. “La capacità di artiglieria concentrata della Russia, insieme alle deboli unità di fanteria, è probabilmente ancora insufficiente per ottenere un’avanzata russa a Severodonetsk”, ha affermato l’ISW nella sua analisi. Le forze di Mosca hanno continuato a combattere per il controllo della città, ma hanno fatto pochi progressi.

READ  Rapito da una banda ad Haiti: i missionari sono riusciti a liberarsi

D’altra parte, l’esercito russo parla di uno sviluppo positivo della sua offensiva. Secondo le loro dichiarazioni, ieri le forze russe hanno catturato Mytiolkin, un sobborgo dell’ex città. Inoltre, un attacco missilistico ha distrutto il quartier generale delle forze armate ucraine insieme ad alti ufficiali nella regione di Dnipropetrovsk.

“Lo sciopero ha provocato la morte di oltre 50 generali e ufficiali delle forze armate ucraine, inclusi ufficiali di stato maggiore generale e il personale in comando dell’unità Kakhovka, delle forze aviotrasportate e delle unità operanti nelle regioni di Mykolaiv e Zaporizhia”, ha affermato Il portavoce del ministero della Difesa Igor Konashenkov. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Parti in conflitto come fonte

Le informazioni sull’andamento della guerra, sui bombardamenti e sulle vittime fornite dagli organi ufficiali delle parti in conflitto russa e ucraina non possono essere verificate direttamente da un organismo indipendente nella situazione attuale.

“La guerra per la nostra esistenza”

Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha sottolineato la volontà del suo popolo di combattere. Anche in caso di fine delle forniture di armi occidentali, l’Ucraina continuerà a combattere contro la Russia.

“Se non otteniamo armi, beh, combatteremo con le pale, ma ci difenderemo perché questa guerra è una guerra per la nostra esistenza”, ha detto Kuleba. Il talk show di ARD Ann Will. “Quindi prima riceviamo le armi, prima vengono inviate, più aiuto riceviamo. E se le armi vengono inviate più tardi, diremo comunque ‘grazie’, ma poi molto sarà sprecato e molto le persone moriranno”.