Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guadagno alto: le azioni Volkswagen salgono: la Volkswagen potrebbe aumentare drasticamente i profitti – la produzione si è fermata in tre stabilimenti cinesi | newsletter

Come la BMW, la Mercedes-Benz o la madre di Opel, Stellantis, l’azienda con sede a Wolfsburg è riuscita a migliorare i suoi numeri finanziari. Per l’anno in corso, il più grande gruppo automobilistico d’Europa è stato finora abbastanza fiducioso. Tuttavia, la guerra in Ucraina in particolare, con le sue conseguenze impreviste sui prezzi dell’energia, sulle materie prime e sulla sicurezza delle catene di approvvigionamento vitali, sta causando interruzioni.

La Volkswagen è ancora relativamente a suo agio, nonostante la pressione per acquistare elettronica. La conclusione è che la rete di aziende con marchi come Volkswagen, Audi, Porsche, Skoda e Seat ha generato l’anno scorso 15,4 miliardi di euro. Come riportato dal gruppo venerdì sera, sulla base dei dati preliminari, questo utile netto è stato di circa tre quarti in più rispetto al 2020. Dopo i problemi di vendita legati a Corona nell’anno precedente, le vendite sono cresciute del 12,3% a 250,2 miliardi di euro.

Le azioni privilegiate quotate nel DAX sono aumentate del 7,5% dopo l’inizio delle contrattazioni lunedì, dopo essere state sottoposte a forti pressioni nelle ultime settimane a causa del crollo dei mercati azionari. Volkswagen è riuscita a convincere con il suo margine operativo, che è stato seguito da vicino dagli investitori, e le prospettive per il nuovo anno sullo sfondo dei problemi di consegna e della guerra in Ucraina sono state valutate per lo più positive. Prima di interessi, tasse e articoli speciali, l’8% delle vendite è rimasto come utile nel 2021, più di quanto gli analisti medi stimassero in precedenza. La crisi dei chip è una benedizione e una maledizione per le case automobilistiche: da un lato, la carenza di semiconduttori provoca spesso l’arresto della produzione, dall’altro, la scarsità di nuove auto nella fornitura provoca prezzi significativamente più alti sul mercato, il che sostiene redditività.

Quest’anno, Volkswagen punta a un intervallo compreso tra il 7 e l’8,5 percento per il margine operativo, che è più o meno quello che gli esperti avevano sulla carta del coupon. L’offerta di dividendi è sorprendentemente alta a € 7,56 per azione privilegiata. Jose Asumendi, analista di JPMorgan, considera le prospettive per il 2022 molto forti. L’esperto di Barclays Erwin Dajorn ha parlato della definizione degli obiettivi molto incoraggiante della direzione. Tim Rokosa di Deutsche Bank vede già alcuni degli oneri legati alla guerra in Ucraina in una “buona guida”.

Molti clienti attualmente devono aspettare molto tempo per ottenere le loro auto, quindi non ci sono quasi sconti presso i concessionari di automobili. Il direttore finanziario Arno Antlitz ha indicato che i prezzi potrebbero aumentare ulteriormente a causa dell’aumento dei costi dell’energia e delle materie prime. Molto ora dipende dall’evoluzione e dalla durata del conflitto nell’Europa orientale. Se ciò si protrae per un periodo più lungo, è probabile che si realizzino ulteriori risparmi all’interno dell’azienda. Volkswagen è impegnata negli investimenti.

Il gruppo ha ottenuto risultati peggiori nelle consegne. Il numero di veicoli recuperati in tutto il mondo è sceso del 4,5% a quasi 8,9 milioni. Un calo è stato registrato anche dopo i primi due mesi di quest’anno, scendendo di circa un sesto. Il marchio principale ha appena imposto il blocco degli ordini di plug-in ibridi a causa della mancanza di parti. Particolarmente doloroso per VW: il suo mercato più importante, la Cina, è sceso di circa il 17% a gennaio e febbraio.

READ  Leader di mercato: i più grandi produttori di batterie al mondo: solo un'azienda ha piani più ambiziosi di Tesla | newsletter

Il Gruppo Toyota (Toyota Motor) ha consegnato 10,5 milioni di veicoli in tutto il mondo ed è in prima linea in questo senso. Le vendite del gruppo VW sono state recentemente di 2,4 milioni in meno rispetto al valore dell’anno prima di Corona 2019. Tuttavia, la domanda di auto elettriche e ibride si è sviluppata bene. Le tariffe per le auto elettriche pure sono quasi raddoppiate.

I colli di bottiglia nei componenti elettronici hanno gravemente colpito il settore. Antlitz era relativamente ottimista: “Possiamo vedere che l’offerta di semiconduttori migliorerà, soprattutto nella seconda metà dell’anno”. La mancanza di chip è ancora un problema strutturale.

Alla VW, alcune località sono già asciutte a causa della mancanza di cavi elettrici realizzati nell’Ucraina occidentale. Dopo le fabbriche in Sassonia, ci dovrebbero essere turni e poco tempo di nuovo a Wolfsburg, tra gli altri luoghi. “Stiamo ancora ricevendo alcune forniture al momento, ma ovviamente è difficile”, ha detto Antlets della situazione in Ucraina. “Più restrizioni appariranno gradualmente nei prossimi giorni”, ha aggiunto.

Le ambizioni per il nuovo anno sono grandi, almeno per ora. Nella migliore delle ipotesi, il top management della Volkswagen si aspetta più entrate e vendite. “Ma tutto questo è soggetto a ulteriori sviluppi”, afferma Antlitz. “Non è chiaro come il conflitto in Ucraina influenzerà l’intera catena di approvvigionamento e l’economia globale”.

Non si può escludere che parte dell’aumento del prezzo dell’energia finisca per essere trasferito ai consumatori. È vero che le corrispondenti operazioni di copertura portano stabilità. “Ma ovviamente influenzerà la nostra attività a medio termine – e ovviamente dovremo superare l’uno o l’altro”. L’anno scorso, i marchi di livello 1 con rendimenti più elevati “hanno ottenuto prestazioni migliori rispetto ai marchi ad alto volume”. I prezzi realizzati sarebbero aumentati anche perché molti clienti hanno acquistato auto meglio attrezzate.

La direzione ha escluso nuovi programmi di austerità dopo una faida tra la presidente del consiglio laburista Daniela Cavallo e l’amministratore delegato Herbert Dies alla fine del 2021. Se i costi devono essere ulteriormente ridotti, solo nell’ambito degli accordi esistenti. Un taglio del 5% è previsto entro il 2023. Per quanto riguarda l’Ucraina, Antlitz ha affermato che i grandi progetti di investimento sono qui per restare. Ma: “Se la crisi continua, potrebbe verificarsi una situazione in cui è necessario apportare modifiche significative ai normali costi fissi”.

Come molte altre società, la Volkswagen inizialmente vuole sospendere la produzione in Russia. Lo stesso vale per le esportazioni di automobili. Riguardo ai potenziali oneri della minaccia di esproprio, Antlets ha detto: “La discussione è troppo presto, non posso ancora valutarlo”. In generale, il gruppo ha chiarito: “Al momento non si può prevedere in che misura la nostra attività in Russia sarà influenzata a lungo termine. Tuttavia, continueremo a monitorare da vicino gli sviluppi attuali”.

READ  Inflazione e stagnazione: questi titoli sono i più gratificanti in questo momento

Il gruppo è rappresentato nella Federazione Russa con i marchi di autovetture Volkswagen, Volkswagen Veicoli Commerciali, Skoda, Audi, Lamborghini, Bentley e Ducati. Nel 2021 sono state vendute quasi 200.000 auto sul mercato e il gruppo ha costruito lì circa 170.000 auto. Antlitz non ha commentato la questione di un possibile divieto di importazione di gas nell’Europa occidentale. Tuttavia, ha chiarito su carbone e gas naturale: “Siamo in una posizione in cui possiamo utilizzare entrambe le fonti di energia”. La Volkswagen sta convertendo la sua centrale elettrica nella sua sede di Wolfsburg da carbone a gas.

Dess ha avvertito che la guerra potrebbe avere effetti più gravi della crisi di Corona. Il direttore ha recentemente dichiarato al Financial Times che è probabile che il prolungato conflitto colpirà l’Europa “molto peggio” della diffusione dell’agente patogeno COVID-19.

Parte di Porsche AG sarà quotata in borsa e il gruppo punta a un periodo fino al quarto trimestre di quest’anno. “Non abbiamo interrotto i preparativi. Al contrario: stanno proseguendo come previsto e siamo fiduciosi che arriveremo a quella finestra”, ha detto venerdì Antlitz.

IPO / VW CFO: i preparativi per l’IPO di Porsche procedono secondo i piani

Il Gruppo Volkswagen intende continuare l’offerta pubblica prevista della filiale di auto sportive Porsche come previsto, nonostante le turbolenze nei mercati finanziari. “Non abbiamo interrotto i preparativi. Al contrario, stanno proseguendo come previsto”, ha detto venerdì il Chief Financial Officer della Volkswagen Arno Antlitz in una teleconferenza con i giornalisti. Se possibile, la Volkswagen vuole andare avanti con un massiccio ciclo del mercato azionario quest’anno e per questo ha preso di mira il quarto trimestre. “Siamo fiduciosi di poter ancora superare quella finestra”, ha detto Antlitz.

La guerra della Russia contro l’Ucraina ha causato gravi disordini nei mercati azionari, obbligazionari, delle materie prime e dei cambi. L’indice principale della Germania, il DAX, è sceso da circa 15.500 punti a metà febbraio a meno di 12.500 punti lunedì scorso a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo. Le grandi oscillazioni del mercato azionario sono generalmente tossiche per le quotazioni pianificate del mercato azionario.

Nel frattempo, il proprietario Volkswagen della Porsche SE (PSE) può aspettarsi guadagni inaspettati da Wolfsburg. Con un dividendo proposto di 7,50 euro per azione ordinaria Volkswagen, PSE riceverà circa 1,18 miliardi di euro di valore nominale. Tuttavia, un portavoce di Stoccarda, la società di investimento delle famiglie Porsche e Pich, ha obiettato che a causa del cambiamento delle linee guida fiscali per le holding, inizialmente sarebbero stati versati all’ufficio delle imposte oltre 300 milioni di euro.

Porsche SE intende acquisire una partecipazione del 25% in Porsche AG quando sarà quotata in borsa, in modo che le famiglie possano ancora una volta avere accesso diretto alla casa automobilistica a nome della famiglia. Porsche SE, ora quotata anche a Dax, intende presentare una proposta di dividendo agli azionisti nelle prossime settimane.

A causa di Corona: Volkswagen interrompe la produzione in tre stabilimenti cinesi

La Volkswagen ha temporaneamente interrotto la produzione in tre dei suoi stabilimenti a causa del blocco del coronavirus nella città di Changchun, nella Cina nord-orientale. Un portavoce della Volkswagen a Pechino ha affermato che le fabbriche, che operano insieme al partner cinese FAW, rimarranno chiuse per tre giorni fino a mercoledì per ordine delle autorità.

READ  Seller Capital Group?: Titoli bancari sotto pressione

La fabbrica Volkswagen, la fabbrica Audi e la fabbrica di componenti sono interessate. Secondo la portavoce, la chiusura non significa automaticamente che verranno costruite meno auto. In questo modo, i guasti possono essere compensati successivamente con turni aggiuntivi, ad esempio se non si verifica un’interruzione della produzione a lungo termine.

Le autorità di Changchun hanno ordinato il blocco della città di nove milioni di persone venerdì dopo che il numero di coronavirus è aumentato drammaticamente negli ultimi giorni. Sono stati richiesti anche test di massa su tutta la popolazione.

A livello nazionale, a partire da lunedì in Cina sono state rilevate 1.337 infezioni locali e 788 casi asintomatici, che sono dettagliati in Cina. Il giorno prima si è registrato un numero record di oltre 3.100 casi. L’infezione si è diffusa di recente, dopo che solo poche dozzine al giorno sono state segnalate tre settimane fa. La Cina sta perseguendo una strategia rigorosa per eliminare il coronavirus, rispondendo alle epidemie locali con blocchi, test di massa, restrizioni ai trasporti e quarantene. Lo stato si è anche in gran parte isolato.

Il titolo, che è quotato su DAX, è finalmente salito di 3 punti tramite XETRA del 4,38 percento a 150,00 euro.

Nonostante i problemi, la Volkswagen si è comportata bene e ha superato le aspettative, scrive l’analista di JPMorgan Jose Asumendi. L’esperto ha elogiato il punto di vista del gruppo definendolo “molto potente”. Un trader ha notato che la più grande casa automobilistica europea aveva fatto una lunga lista di ipotesi, ad esempio sulla guerra in Ucraina e sulla pandemia, senza le quali le prospettive sarebbero state sicuramente migliori.

Lo ha confermato anche l’analista Tim Rokossa di Deutsche Bank. Sebbene le buone prospettive della società comprendano avvertimenti sulle cose incontrollabili della guerra in Ucraina, la società potrebbe aver già preso in considerazione alcune delle conseguenze nei suoi obiettivi per il 2022.

L’analista Erwan Dagorn della britannica Barclays ha particolarmente elogiato il margine di profitto operativo prima degli articoli speciali, ma ha anche chiarito che mancano ancora i dettagli per poter valutare la vera qualità dei risultati. La Volkswagen prevede di pubblicare i dati annuali dettagliati questo martedì.

Wolfsburg (dpa-AFX)

Prodotti gru selezionati sulla Porsche SE VzCon i knockout, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Basta selezionare la gru desiderata e ti mostreremo i prodotti giusti sulla Porsche SE Vz

La leva dovrebbe essere compresa tra 2 e 20

Non ci sono dati

Altre notizie sulla Porsche SE Vz

Fonti immagine: Gl0ck/Shutterstock.com, FotograFFF/Shutterstock.com