Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Google sta lanciando un concorrente di ChatGPT, il modello Gemini AI

Google sta lanciando un concorrente di ChatGPT, il modello Gemini AI
Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Inglese

Nel tentativo di eliminare ChatGPT di OpenAI, Google afferma che la sua nuova AI Gemini può pensare meglio dei suoi concorrenti esistenti.

Pubblicità

Mercoledì Google ha annunciato il suo prossimo passo intelligenza artificiale (AI) È stato introdotto il Progetto Gemini. Si tratta di un modello di intelligenza artificiale addestrato a comportarsi in modo simile a un essere umano e probabilmente intensificherà il dibattito sulle potenziali opportunità e rischi di questa tecnologia.

Il lancio sarà graduale, con le versioni meno avanzate di Gemini chiamate “Nano” e “Pro” che verranno immediatamente integrate nel chatbot Bard di Google basato sull’intelligenza artificiale e nel suo smartphone Pixel 8 Pro.

Google promette che con il supporto di Gemini, Bard diventerà più semplice e migliore nella pianificazione delle attività.

Su Pixel 8 Pro, Gemini sarà in grado di riassumere rapidamente le istantanee catturate sul dispositivo e fornire risposte automatiche sui servizi di messaggistica a partire da WhatsApp, ha affermato Google.

Gemini non farà le sue mosse più grandi fino all’inizio del prossimo anno, quando il suo modello Ultra verrà utilizzato per lanciare “Bard Advanced”, una versione potenziata del chatbot che inizialmente sarà offerta solo a un pubblico di prova.

L’intelligenza artificiale si comporta come un essere umano

intelligenza artificiale Inizialmente funzionerà solo in inglese in tutto il mondo, anche se i dirigenti di Google hanno assicurato ai giornalisti durante una conferenza stampa che la tecnologia non avrà problemi a diversificarsi in altre lingue prima o poi.

Sulla base di una dimostrazione di Gemini a un gruppo di giornalisti, il “Bard Advanced” di Google potrebbe essere in grado di eseguire un multitasking AI senza precedenti riconoscendo e comprendendo contemporaneamente presentazioni contenenti testo, immagini e video.

Gemini verrà utilizzato anche nel motore di ricerca dominante di Google, sebbene i tempi di questa transizione non siano ancora stati determinati.

Una nuova era per Google

“Questa è una pietra miliare importante nell’evoluzione dell’intelligenza artificiale e l’inizio di una nuova era per noi di Google”, ha affermato Demis Hassabis, CEO di Google DeepMind, la divisione AI dietro Gemini.

Google ha battuto altri offerenti, tra cui Meta, la società madre di Facebook, per acquisire DeepMind con sede a Londra quasi dieci anni fa, e da allora l’ha fusa con la sua divisione Brain per concentrarsi sullo sviluppo di Gemini Focus.

La capacità di risoluzione dei problemi della tecnologia è descritta come particolarmente esperta in matematica e fisica, alimentando le speranze tra gli ottimisti dell’IA che potrebbe portare a scoperte scientifiche che migliorano la vita delle persone.

Tuttavia, l’altro lato del dibattito sull’intelligenza artificiale teme che la tecnologia possa eventualmente superare l’intelligenza umana, portando alla perdita di milioni di posti di lavoro e a comportamenti potenzialmente più distruttivi, come: B. La diffusione della disinformazione o l’uso di armi nucleari.

“Ci avviciniamo a questo lavoro con coraggio e responsabilità”, ha scritto il CEO di Google Sundar Pichai in un post sul blog.

“Ciò significa che siamo ambiziosi nella nostra ricerca e perseguiamo capacità che porteranno enormi benefici alle persone e alla società, costruendo al contempo tutele e collaborando con governi ed esperti per affrontare i rischi man mano che l’intelligenza artificiale diventa più potente.

Possibile arrivo dei Gemelli Concorrenza sull’intelligenza artificialeche bolle da un anno tra la startup di San Francisco OpenAI e il suo rivale di lunga data Microsoft, continuerà a surriscaldarsi.

OpenAI, sostenuta dalla potenza finanziaria e informatica di Microsoft, era già impegnata nello sviluppo del suo modello di intelligenza artificiale più avanzato, GPT-4, quando ha rilasciato il suo strumento gratuito ChatGPT alla fine dello scorso anno.

Questo chatbot basato sull’intelligenza artificiale ha guadagnato fama mondiale, attirando l’attenzione sul potenziale commerciale dell’intelligenza artificiale generativa e facendo pressione su Google affinché rilasciasse Bard in risposta.

Pubblicità

Cavalcare l’onda dell’IA generativa

Proprio quando Bard è entrato in scena, OpenAI ha rilasciato GPT-4 a marzo e da allora ha sviluppato nuove funzionalità per consumatori e clienti commerciali, inclusa una introdotta a novembre che consente al chatbot di analizzare le immagini.

L’azienda compete con altre startup di intelligenza artificiale rivali come Anthropic e persino con il suo partner Microsoft, che ha i diritti esclusivi sulla tecnologia OpenAI per i miliardi di dollari che ha investito nella startup.

L’alleanza è stata finora un vantaggio per Microsoft, il cui valore di mercato è aumentato di oltre il 50% quest’anno, soprattutto perché gli investitori credono che l’intelligenza artificiale diventerà una miniera d’oro per l’industria tecnologica.

Anche Alphabet, la società madre di Google, è sulla stessa lunghezza d’onda:

Il suo valore di mercato è aumentato di oltre 500 miliardi di dollari (460 miliardi di euro), ovvero circa il 45%, quest’anno. Nonostante l’attesa che circonda Gemini negli ultimi mesi, le azioni di Alphabet sono leggermente scese nelle negoziazioni di mercoledì.

Pubblicità

Il crescente coinvolgimento di Microsoft in OpenAI nell’ultimo anno e i tentativi più aggressivi di OpenAI di commercializzare i suoi prodotti hanno sollevato il sospetto che l’organizzazione no-profit si sia allontanata dalla sua missione originaria di proteggere l’umanità con l’avanzare della tecnologia.

Tali preoccupazioni sono aumentate il mese scorso quando il consiglio di amministrazione di OpenAI ha improvvisamente licenziato il CEO Sam Altman in una disputa incentrata su questioni di fiducia non specificate. Dopo una reazione che ha minacciato di distruggere l’azienda e ha portato a un esodo di massa di talenti dell’intelligenza artificiale verso Microsoft, OpenAI ha riportato Altman come CEO e ha cambiato il suo consiglio di amministrazione.

Con il rilascio di Gemini, OpenAI cercherà di dimostrare che la sua tecnologia è più intelligente di quella di Google.

“Sono impressionato da ciò che può fare”, ha detto di Gemini Eli Collins, vicepresidente dei prodotti di Google DeepMind.

In una conferenza stampa virtuale, Google ha rifiutato di rivelare il numero di parametri Gemini – una, ma non l’unica, misura della complessità del modello.

Pubblicità

Un articolo pubblicato mercoledì descrive che la versione più potente di Gemini supera GPT-4 nei test a scelta multipla, nella matematica delle scuole elementari e in altri parametri di riferimento, ma riconosce che è ancora difficile ottenere che i modelli di intelligenza artificiale abbiano prestazioni più elevate nelle capacità di pensiero.

Alcuni scienziati informatici vedono i limiti di ciò che è possibile fare con i grandi modelli linguistici che funzionano prevedendo ripetutamente la parola successiva in una frase e sono soggetti a errori noti come allucinazioni.

“Abbiamo fatto grandi passi avanti in quello che chiamiamo realismo con Gemini. Quindi Gemini è il nostro miglior modello in questo senso. Ma direi che è ancora un problema di ricerca irrisolto”, ha detto Collins.