Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Avidità di petrolio: il Venezuela vuole annettere la regione vicina

Avidità di petrolio: il Venezuela vuole annettere la regione vicina
  1. Home page
  2. Politica

Il Venezuela rivendica la vicina provincia di Essequibo. Il rumore delle spade aumenta. Il problema principale sono le riserve petrolifere della Guyana.

CARACAS – Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha annunciato di voler dichiarare provincia venezuelana la regione di Essequibo, nel vicino stato della Guyana, ricca di petrolio. La decisione arriva dopo un controverso referendum in cui, secondo il governo autoritario, la popolazione del paese ha votato a larga maggioranza a favore dell’annessione parziale del paese vicino.

Nicolas Maduro brama l’olio Essequibo. © Imago/Ton Molina

Domenica 3 dicembre quasi il 96 per cento degli intervistati ha risposto affermativamente alla domanda se dovesse essere creato un nuovo stato federale venezuelano chiamato Guiana Esquipa. Lo ha annunciato il collegio elettorale del CNE. I residenti lì dovrebbero quindi ottenere la cittadinanza venezuelana.

Licenze di produzione petrolifera secondo la legge venezuelana: la ricchezza delle risorse alimenta i desideri di Maduro

Il presidente Nicolas Maduro ha mostrato una nuova mappa da utilizzare nelle scuole durante una riunione del governo martedì (5 dicembre). Questo è ciò che menziona Specchio. La parte contesa del paese confinante è designata come il 24esimo stato federale del Venezuela. Inoltre, Maduro ha dichiarato che dopo l’annessione, le licenze per la produzione di petrolio nel territorio sarebbero state concesse in conformità con la legge venezuelana.

In tal modo, il presidente ha ancora una volta gettato benzina sul fuoco di un conflitto che covava da troppo tempo. Le radici della disputa risalgono a rivendicazioni territoriali risalenti al 19° secolo, quando il Venezuela e il Regno Unito, che all’epoca era la potenza coloniale della Guyana britannica (ora Guyana), si contendevano il confine. Questo problema non è stato ancora risolto ed è rafforzato dalla ricchezza di risorse naturali della regione. L’ultima escalation si è verificata quando nel 2015 sono state trovate grandi riserve di petrolio al largo della costa di Essequibo. Altre riserve di petrolio non sono state scoperte fino a ottobre. Questa scoperta porta le riserve della Guyana ad almeno dieci miliardi di barili.

Nicolas Maduro non riconosce la sentenza della Corte penale internazionale e minaccia di utilizzare un enorme arsenale di armi

Solo venerdì 1 dicembre la Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha deciso che la decisione arbitrale del 1899 che delimita il confine tra i due paesi è giuridicamente vincolante. Ma Maduro non riconosce la decisione del tribunale perché ne nega la giurisdizione. Invece, ha minacciato la Guyana di conseguenze militari. Per fare questo fa affidamento su un esercito ben equipaggiato, che è sempre stato in gran parte fedele al governo nonostante le tensioni politiche ed economiche del Paese. L’arsenale del paese comprende, tra gli altri:

  • 92 carri armati sovietici T-72B1
  • 82 carri armati francesi AMX-30V
  • 78 carri armati britannici Scorpion-90
  • 123 veicoli corazzati russi BMP-3
  • 114 veicoli corazzati russi BTR-80A

Le possibilità di un’invasione sembrano buone, dato che gli Stati Uniti si concentrano sulle guerre a Gaza e in Ucraina Specchio giornaliero Lui scrive. Inoltre, l’invasione dell’Ucraina da parte di Vladimir Putin ha fornito un modello per tali violazioni del diritto internazionale. Si teme una guerra in Sud America e il Brasile ha già rafforzato le sue forze di frontiera nella regione.

Un’invasione sarebbe un “grave errore di calcolo” e probabilmente si verificherebbero scaramucce lungo il confine

Il procuratore generale della Guyana Anil Nandal aveva precedentemente affermato che avrebbe chiesto assistenza al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite se il Venezuela avesse fatto ulteriori passi dopo il referendum. Il presidente della Guyana Bharrat Jagdeo ha fatto riferimento alle esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti in una conferenza stampa la scorsa settimana. “Non sa se hanno fatto un errore di calcolo basandosi su ciò che è accaduto in Crimea e altrove, ma sarebbe un grave errore di calcolo da parte loro”, ha detto Jagdeo. Ciò che è certo è che l’invasione del Venezuela non passerà senza una risposta da parte della comunità internazionale.

ha affermato Phil Johnson, analista dell’International Crisis Group con sede a Caracas CNNNon crede che il Venezuela abbia intenzione di invadere Essequibo senza il sostegno dei suoi alleati Russia e Cina. Tuttavia, con la pressione politica interna che probabilmente aumenterà su Maduro affinché segua il referendum con l’azione, potrebbe essere tentato di provocare scaramucce lungo il confine. Ciò è particolarmente vero nel periodo che precede le elezioni presidenziali del prossimo anno. “L’aggressione si fa sentire su entrambi i lati del confine e, poiché nessuno dei due può ritirarsi, si sta entrando in una zona piuttosto pericolosa di potenziali scontri militari”, ha detto Ganson. (Tn)