Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Stati Uniti vogliono costruire un porto per gli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza

Gli Stati Uniti vogliono costruire un porto per gli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza

Al: 8 marzo 2024 alle 4:33

Vista l’emergenza umanitaria nella Striscia di Gaza, gli Stati Uniti si preparano a consegnare aiuti via mare. A questo scopo verrà creato un porto temporaneo. Il presidente degli Stati Uniti Biden ha confermato questi piani nel suo discorso sullo stato dell’Unione.

Gli Stati Uniti vogliono creare un porto temporaneo nella Striscia di Gaza in modo da poter fornire aiuti via mare ai residenti dei territori palestinesi. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha confermato i piani corrispondenti nel suo discorso sullo stato dell'Unione, riportato in precedenza da diversi media, citando funzionari governativi.

Secondo i media, l’esercito americano, in collaborazione con partner internazionali, costruirà un molo sulla costa dove potranno attraccare le grandi navi per fornire cibo, acqua, medicine e ripari in situazioni di emergenza. Le consegne delle navi forniranno capacità per centinaia di carichi di camion aggiuntivi.

Le consegne avverranno inizialmente attraverso Cipro, grazie all’esercito americano e ad una coalizione di partner e alleati. Tuttavia, secondo quanto riferito, non ci sono piani per stazionare soldati americani nella Striscia di Gaza a questo scopo. Secondo le informazioni dell'agenzia di stampa Reuters, Israele sostiene i progetti di costruzione del porto e vuole coordinarli con gli Stati Uniti.

Israele può consentire la consegna via mare

Mercoledì il quotidiano israeliano Haaretz ha riferito che Israele vuole consentire l'importazione di aiuti umanitari nella Striscia di Gaza via mare per la prima volta dall'inizio della guerra cinque mesi fa. Il rapporto afferma che Israele ha raggiunto un accordo simile con istituzioni internazionali non specificate.

Mercoledì un portavoce della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato l’intenzione di trasportare gli aiuti via nave. Il massimo politico dell'Unione Europea ha voluto visitare in questi giorni il porto di Larnaca a Cipro. Da qui gli aiuti umanitari possono essere portati via nave nella Striscia di Gaza. Si spera che il corridoio umanitario venga aperto molto presto.

Gli abitanti di Gaza dipendono dagli aiuti

Dopo cinque mesi di guerra, scatenata dal massacro commesso dall'organizzazione terroristica islamica Hamas, la situazione umanitaria per la popolazione della Striscia di Gaza è diventata catastrofica. Gran parte della zona costiera fu completamente distrutta. Non c’è quasi più cibo, acqua o assistenza medica regolare.

Le organizzazioni umanitarie hanno riferito che è diventato quasi impossibile distribuire beni nella maggior parte delle aree della Striscia di Gaza a causa delle difficoltà nei negoziati con l'esercito israeliano, dei combattimenti in corso e del collasso dell'ordine pubblico. Recentemente, molti palestinesi sono stati uccisi e feriti mentre distribuivano aiuti a un convoglio.

Considerata la catastrofe umanitaria, durante il fine settimana gli Stati Uniti hanno iniziato il trasporto aereo di aiuti alla popolazione civile nella Striscia di Gaza. La Giordania lo fa da molto tempo.