Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli israeliani chiedono il rilascio degli ostaggi di Gaza nel “Giorno della Rabbia”

Gli israeliani chiedono il rilascio degli ostaggi di Gaza nel “Giorno della Rabbia”

Guerra in Medio Oriente

Aggiornato il 24 gennaio 2024 alle 23:28 EST

Migliaia di donne in Israele hanno invocato una “giornata di rabbia”. Sono scesi in piazza in molte città e hanno chiesto il rilascio degli ostaggi a Gaza. Intanto i mediatori di guerra cercano di raggiungere un nuovo cessate il fuoco. Oggi in breve.

Altre notizie sulla guerra in Medio Oriente

Migliaia di donne hanno manifestato mercoledì in Israele, chiedendo un rapido accordo per il rilascio degli ostaggi detenuti nella Striscia di Gaza. Gli organizzatori hanno dichiarato un “Giorno della rabbia” a livello nazionale. I manifestanti hanno chiuso strade e incroci in varie località, tra cui Tel Aviv, Haifa e Gerusalemme.

Su uno degli striscioni portati dai manifestanti si leggeva: “Le donne scendono in piazza per recuperare gli ostaggi”. Un altro messaggio diceva: “Basta spargimenti di sangue, vogliamo raggiungere un accordo sul tavolo”.

Secondo i media, in serata migliaia di manifestanti hanno bloccato un'importante autostrada nella città costiera di Tel Aviv. Si sono verificati scontri con la polizia.

Speranze in un cessate il fuoco e negoziati

Molti media hanno recentemente riportato la speranza di raggiungere un altro accordo per il rilascio degli ostaggi in cambio del rilascio dei prigionieri palestinesi e di un cessate il fuoco più lungo. Ma un delegato israeliano ha affermato, secondo il sito di notizie Ynet, che esiste ancora un divario molto ampio tra le posizioni negoziali di Israele e il movimento islamico di Hamas. “Non bisogna illudersi a nessuno, ci vorrà molto tempo”, ha detto. La Israel Broadcasting Corporation (KAN) ha riferito che mercoledì Hamas ha rifiutato un'offerta da parte di Israele di concludere un nuovo accordo sugli ostaggi.

Nel corso di un cessate il fuoco durato una settimana, alla fine di novembre, Hamas ha rilasciato 105 ostaggi. In cambio, Israele ha rilasciato 240 prigionieri palestinesi dalle sue carceri.

Paura di stupri, torture ed esecuzioni

Il portavoce del governo israeliano Elon Levy ha detto martedì: “Il tempo sta per scadere per gli ostaggi. Temiamo che saranno torturati, violentati e giustiziati nelle cellule terroristiche di Hamas”. Israele ritiene che i terroristi stiano ancora trattenendo più di 130 persone rapite da Israele nella Striscia di Gaza durante l'attacco del 7 ottobre. Secondo informazioni israeliane, 28 di loro non sono più in vita. Tra gli ostaggi c'erano due bambini e 19 donne. Il più giovane ha 13 anni, ha detto Levy.

Mentre l’esercito israeliano adotta misure crescenti contro il movimento islamico Hamas nel sud di Gaza, i mediatori della guerra stanno cercando di raggiungere un nuovo cessate il fuoco. Il Times of Israel ha riferito ieri sera che crescono le speranze per un possibile nuovo accordo per liberare gli ostaggi israeliani dal controllo di Hamas in cambio di una più lunga cessazione dei combattimenti. Nel frattempo, sono ripresi i bombardamenti reciproci tra l'esercito israeliano e le milizie Hezbollah appoggiate dall'Iran al confine tra Israele e il Libano. L’esercito americano, a sua volta, ha risposto all’attacco delle milizie filo-iraniane in Iraq con un contrattacco.

Si dice che Hamas sia pronto per i colloqui sulla liberazione degli ostaggi

Secondo quanto riportato dai media, Hamas avrebbe espresso la volontà di negoziare la liberazione di alcuni ostaggi israeliani. Il Wall Street Journal, citando funzionari egiziani, ha riferito che gli islamisti hanno detto ai mediatori di essere disposti a parlare del rilascio di donne e bambini civili in cambio di un “importante” cessate il fuoco. Durante un cessate il fuoco durato una settimana alla fine di novembre dello scorso anno, Hamas ha rilasciato 105 ostaggi. In cambio, Israele ha rilasciato 240 prigionieri palestinesi dalle sue carceri.

Hamas finora ha collegato qualsiasi ulteriore rilascio di ostaggi alla fine della guerra. Secondo le informazioni del governo israeliano, i terroristi detengono ancora circa 130 persone rapite da Israele nella Striscia di Gaza durante l'attacco del 7 ottobre. Tra loro ci sono soldati israeliani, secondo il Wall Street Journal. Il governo israeliano ritiene che siano ancora vivi 105 ostaggi, molti dei quali sono trattenuti nella rete di tunnel di Hamas.

Secondo il portale di notizie Axios, Israele avrebbe proposto un cessate il fuoco di due mesi in cambio del rilascio di tutti gli ostaggi. L'offerta è stata consegnata ai mediatori dell'Egitto e del Qatar, che attualmente stanno cercando di colmare il divario tra le diverse richieste. Il Wall Street Journal ha scritto che, sebbene gli ultimi sviluppi siano positivi, ciò non significa che un accordo sia imminente. Funzionari egiziani, tuttavia, affermano che i colloqui potrebbero fallire.

Guterres critica Netanyahu

Nel frattempo, il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres ha criticato il rifiuto del primo ministro israeliano alla soluzione dei due Stati Benjamin Netanyahu e altri membri del governo davanti al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Ha aggiunto: “Questo rifiuto e negazione del diritto del popolo palestinese al proprio Stato prolungherebbe indefinitamente questo conflitto, che è diventato una grave minaccia alla pace e alla sicurezza globale”. Anche il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si è espresso a New York a favore della soluzione dei due Stati e ha anche criticato la posizione negativa di Netanyahu sulla questione. Allo stesso tempo, ha chiesto il rilascio di tutti gli ostaggi e il cessate il fuoco.

L'esercito israeliano: più di 100 terroristi sono stati uccisi a Khan Yunis

Nel frattempo, l'esercito israeliano ha annunciato di aver ucciso decine di altri terroristi nella zona di Khan Yunis, nel sud della Striscia di Gaza. Il portavoce dell'esercito Daniel Hagari ha detto martedì sera che più di 100 terroristi sono stati “eliminati” nella parte occidentale della città martedì. Le informazioni non possono ancora essere verificate in modo indipendente. L'esercito ha affermato di aver circondato la città, considerata una roccaforte di Hamas, il giorno precedente. Israele sospetta che i leader di Hamas e gli ostaggi israeliani si trovino lì nei tunnel sotterranei.

Secondo l’autorità sanitaria controllata da Hamas, almeno 210 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza in 24 ore. Secondo la dichiarazione di mercoledì, più di 380 altre persone sono rimaste ferite. Ciò significa che il bilancio delle vittime nella fascia costiera dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, è salito ad almeno 25.700 persone. Altri circa 63.740 sono rimasti feriti. I numeri sono difficili da verificare in modo indipendente.

La guerra è stata scatenata dal peggior massacro della storia di Israele, compiuto dai terroristi di Hamas e da altri gruppi estremisti nel sud di Israele il 7 ottobre. Hanno ucciso 1.200 persone. Israele ha risposto con massicci attacchi aerei e un attacco di terra.

L'esercito americano risponde all'attacco in Iraq con un contrattacco

Nel frattempo, l'esercito americano in Iraq ha lanciato attacchi aerei su tre strutture utilizzate dalla milizia Kataib Hezbollah e da altri gruppi legati all'Iran in Iraq, secondo il Comando regionale dell'esercito americano sulla Piattaforma X, ex Twitter, trasmesso durante la notte. Pochi giorni fa, i combattenti hanno lanciato missili contro la base di Ain al-Assad.

A causa della guerra a Gaza la situazione della sicurezza nell’intera regione è diventata tesa. Anche le forze statunitensi – il più importante alleato di Israele – sono nel raggio d’azione delle milizie filo-iraniane. L’Iran vuole usarlo per creare un “asse di resistenza” contro Israele. Nelle ultime settimane hanno intensificato gli attacchi contro le basi americane in Iraq e nella vicina Siria.

Altro scontro a fuoco al confine tra Israele e Libano

Nel frattempo sono ripresi gli scontri al confine tra Israele e Libano. Il portavoce militare israeliano Daniel Hagari ha detto in serata che gli aerei da combattimento israeliani “hanno attaccato obiettivi terroristici e distrutto un'importante struttura militare utilizzata dall'organizzazione terroristica Hezbollah e gestita anche dalle forze iraniane” nel vicino nord del paese. Il portavoce dell'esercito non ha fornito ulteriori dettagli. (EPA/Comitato consultivo)

Certificato JTICertificato JTI

Ecco come funziona la redazione“Ti insegna quando e cosa segnaliamo i bug, come gestiamo i bug e da dove provengono i nostri contenuti. Quando segnaliamo, rispettiamo le linee guida Iniziativa per la fiducia nel giornalismo.