Gli insetti non sono ben protetti nemmeno nelle riserve naturali

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

Stato: 26/04/2023 15:14

La diversità degli insetti in Germania sta diminuendo, anche nelle riserve naturali. Ciò è dimostrato dai dati di un importante progetto di ricerca. C’è un alto rischio di cicli biologici. Come si può invertire la tendenza?

Le api selvatiche non hanno alcuna possibilità. Si libra basso sul prato e rimane intrappolato risolutamente nella sua struttura a tenda, la cosiddetta trappola del malessere. Ed è quello che è successo di recente a migliaia di insetti nelle riserve naturali di tutto il mondo. Ma la morte di questi singoli esemplari è deliberata e deve servire alla sopravvivenza degli insetti nel loro insieme. Ciò che sembra paradossale è la base scientifica del cosiddetto progetto DINA.

DIN sta perDiversità degli insetti nelle aree naturali protetteÈ finanziato dal Ministero federale dell’istruzione e della ricerca ed è un consorzio di otto istituzioni scientifiche, comprese le università, gli istituti Leibniz e la principale Unione tedesca per la conservazione della natura (NABU).

Quattro anni di lavoro

Il project manager Gerlind Lehmann è orgoglioso dei risultati di quattro anni di duro lavoro: “Questo è il primo set di dati su larga scala sulla mortalità degli insetti nelle riserve naturali. Gli animali catturati forniscono informazioni importanti sul motivo per cui la diversità degli insetti sta diminuendo e su cosa possiamo fare Esso.”

Dal 2019, gli scienziati hanno allestito tende trappole in un totale di 21 riserve naturali, dal Mar Baltico alla Foresta Nera. Gli insetti volanti venivano tenuti in un barattolo di alcol e regolarmente registrati per l’esame. Ad esempio, i laboratori sono stati in grado di identificare il polline sulle zampe degli insetti o rilevare sostanze inquinanti. Sono stati analizzati anche campioni di suolo e vegetazione della zona.

L’estinzione delle specie non riguarda solo la foresta pluviale, ma anche animali in Germania come insetti e allodole.
Di più

Scoraggia mosche, insetti e simili.

I risultati del progetto su larga scala sono vari e confermano ampiamente la tendenza alla diminuzione della massa totale degli insetti. Inoltre, gli studi DINA hanno rilevato che i terreni agricoli limitrofi hanno un impatto negativo sulla biodiversità ai margini delle riserve naturali.

Le aree protette sono spesso circondate da agricoltura convenzionale, dove vengono introdotti pesticidi sempre più potenti. Poiché gli insetti volanti hanno un raggio d’azione più ampio di quanto ipotizzato in precedenza, lo spazio di protezione effettivo per piante e animali si sta riducendo.

Il Bundestag ha deciso di adottare misure per migliorare la protezione dagli insetti. Gli agricoltori ricevono un risarcimento.
Di più

ettari in molti Riserve naturali

“Ciò che ci ha davvero sorpreso: nel mezzo di una riserva naturale su quattro in Germania ci sono vaste aree di terra coltivabile, la maggior parte delle quali viene utilizzata tradizionalmente. Questo non è mai stato pubblicato scientificamente prima”, afferma il project manager Lehmann. Secondo il biologo, tale contatto diretto con l’agricoltura intensiva è pericoloso per gli insetti.

Il gruppo di ricerca è stato in grado di rilevare pesticidi sugli insetti in tutte le aree protette esaminate. Il numero di pesticidi è aumentato in prossimità delle zone di allevamento intensivo. Dei 92 pesticidi più utilizzati, sugli animali sono state trovate in media meno di 17 sostanze chimiche, anche sorprendentemente, perché è un ingrediente attivo che è già stato vietato in Germania.

Agricoltura contro repellente per insetti?

Ma la DINA Research Association non si limita agli approcci scientifici. Anche le questioni relative alle scienze sociali hanno avuto un ruolo nel progetto. L’Istituto per la ricerca socio-ambientale (ISOE) ha esaminato gli atteggiamenti degli attori locali nei confronti della biodiversità e della protezione degli insetti.

Diventa chiaro nei dialoghi: gli agricoltori locali sono consapevoli degli effetti dei pesticidi sugli insetti, ma li vedono per lo più come astratti. Non molti vedranno una minaccia tangibile per le popolazioni di insetti locali.

Promuovere il dialogo per una maggiore accettazione

Il ricercatore ISOE Florian Dirk Schneider conclude: “Gli attori sul sito non sono aiutati dalle misure fornite in tutte le aree. Invece, è necessario che i vari attori trovino insieme soluzioni di protezione dagli insetti”.

Concretamente, ciò significa che è necessario un maggiore dialogo per risolvere i conflitti tra agricoltori, ambientalisti e altri gruppi di interesse. Deve essere sostenuto dallo stato per creare accettazione. Questa è anche una delle raccomandazioni del Gruppo di Ricerca DINA.

Mancano ancora i dati

I risultati di DINA dovrebbero attirare l’attenzione della comunità scientifica. Thomas Schmitt, professore di biologia all’Università di Potsdam ed entomologo senior presso la Senckenberg Society, parla di un progetto pilota: “I risultati confermano ciò che abbiamo scoperto in studi più piccoli. Gli insetti sono minacciati anche nelle riserve naturali”.

Quindi un segnale chiaro va inviato ai politici. “Non basta – come si è da tempo ipotizzato – creare piccoli rifugi qua e là per la biodiversità. Dobbiamo pensare alla conservazione della natura e attuarla a livello paesaggistico”, chiede lo scienziato. Il consorzio DINA arriva a raccomandazioni politiche simili. L’associazione di ricerca chiede modifiche alla legge federale sulla protezione della natura. I confini delle aree protette, in particolare, dovrebbero essere meglio protetti dall’ingresso di sostanze inquinanti, ad esempio mediante una “zona cuscinetto” intorno ad aree larghe fino a 2 km.

Ma sebbene DINA abbia pubblicato fino ad oggi dieci studi indipendenti e altre pubblicazioni scientifiche seguiranno, anche questo progetto su larga scala sta raggiungendo i suoi limiti. Perché mancano ancora dati di serie per quantificare in modo più accurato la diversità degli insetti e la perdita di biomassa. Pertanto, i ricercatori raccomandano il monitoraggio a livello nazionale. Questo è l’unico modo per identificare e ridurre i rischi. Anche in futuro, è probabile che singoli animali cadano vittime di trappole per insetti, al fine di aiutare la sopravvivenza degli insetti nel loro complesso.

Related articles

L’Italia teme l’eruzione del supervulcano – La Regione pianifica un’evacuazione di massa

Pagina inizialePanoramastava in piedi: 23 giugno 2024, 4:54Da: Moritz FletzingerPremeredivisoLa Terra trema, il supervulcano italiano potrebbe eruttare. ...

Un’azienda bavarese elimina 420 posti di lavoro

Home pageBavierastava in piedi: 23 giugno 2024, 4:59da: Leonie BellinaInsisteDivideIl fornitore di automobili Preh ha annunciato di voler...

Taylor Willey è morto all’età di 56 anni

Dipendenti dalle serieNotiziala gentestava in piedi: 23 giugno 2024, 4:48da: Lauren Borschke CremosoInsisteDivideÈ morto all'età di 56 anni...

Il sole sta per spostarsi verso i poli: cosa significa questo per la Terra

Home pageLo sappiamostava in piedi: 23 giugno 2024, 4:59da: Tanja BannerInsisteDivideCirca ogni undici anni, i poli magnetici del...