Febbraio 6, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli elefanti africani stanno finendo in Giappone – Wikiwand

L’Africa addormentata nella foresta invernale giapponese. Il ranger degli animali Hideki Takehana guida il minibus attraverso il ripido terreno dello zoo di Morioka, nel nord dell’isola principale del Giappone, Honshu. Aghi puntati e alberi decidui spogli verso una collezione di edifici e container all’aperto vuoti. Questa è l’area dello zoo dove si trovano gli animali del secondo continente più grande del mondo. Il parco è chiuso per lavori di ristrutturazione, quindi non succede niente. Takehana si trova davanti a un grande edificio di cemento e immerge le scarpe in una pozza d’acqua all’ingresso per pulirle. La sala è illuminata da una fredda luce al neon. Spesse sbarre di ferro si alzano. Dietro di lui c’è l’animale a cui Hideki Taihana deve dare un senso di casa: Mau, la mucca elefante africana di Morioka, alta 2,60 metri, pesa quattro tonnellate e ha 20 anni.

Gli zoo mostrano la natura che non esiste nelle loro posizioni. Questo dilemma crea problemi quando si tratta di prendersi cura della prole, in particolare quelli della più grande creatura sulla Terra. L’elefante africano delle steppe non si riproduce in modo naturale in cattività come in natura. Le associazioni di zoo di tutto il mondo sono consapevoli di questo problema e la Japan Association of Zoos and Aquariums, o JAZA, fornisce un esempio particolarmente significativo. Dal 2013, tutti i tentativi di allevare elefanti africani sono falliti.

Gli zoo di Giza stanno gradualmente esaurendo gli animali di questa specie. Dal 2012 ne sono morti 17. Sono rimasti ancora 23 elefanti africani, inclusi solo quattro maschi, uno dei quali non è idoneo alla riproduzione secondo le regole di Gazza perché è una specie di elefante della foresta. Tra le restanti 19 elefanti femmine, Mao di Morioka è una di quelle che potrebbero dare alla luce un cucciolo. Ma per ora, la sua storia mostra principalmente come la vita nello zoo influenzi la biologia degli animali.

READ  Quante formiche ci sono nel mondo? - conoscenza

Mao non è rimasta incinta. Era a causa delle gambe arcuate di Taro?

Mao è nata allo zoo Tama di Tokyo nel 2002. Tamao e Ai erano elefanti importati dai suoi genitori. Nel 2006 Mao è stato portato a Morioka. A quel tempo, Hideki Taihana si recò a Tokyo e si allenò con Mao per un mese per raggiungere il container di trasporto per il viaggio di dodici ore. A Morioka avrebbe dovuto accoppiarsi con Taro, quello era il piano. “Si chiama prestito di allevamento”, dice Taihanna.

Taro era un elefante toro che si era riprodotto una volta prima. Un elefante che aveva portato a Morioka dal Sud Africa nel 1991 era rimasto incinta. Tuttavia, ha perso il vitello nel 2001 ed è morta dopo un parto morto. Mao era l’alternativa. “Si sono accoppiati, ma Mao non è rimasta incinta”, dice Takehana. Pensa che potrebbe essere perché lo zoo viene preservato. “Taro aveva le gambe arcuate, in parte perché aveva vissuto su un pavimento di cemento per così tanto tempo. A causa delle gambe arcuate, Taro non poteva stare fermo abbastanza a lungo durante il rapporto per mettere incinta Mao.” Taro è morto di polmonite nel 2018. Aveva 29 anni.

Hideki Takehana (a destra) con il compagno elefante Kousaku Maruyama e l’elefante mucca Mao.

(Foto: Thomas Hahn)

In natura, gli elefanti possono vivere fino a 70 anni. Il terreno soffice della savana fa bene alle articolazioni. Ogni giorno percorrono molti chilometri per trovare grandi quantità di cibo per i loro enormi corpi. Vivono in modo matrilineare, cioè le mucche elefante guidano mandrie insieme ad animali di generazioni diverse. Gli elefanti toro vagano per lo più da soli nella savana. Cercano elefanti femmine in tempi di accoppiamento irregolari. Le mucche elefante di solito hanno il loro primo vitello all’età di 16 anni, dopo circa 23 mesi di gestazione. Dopodiché, non ovulano per diversi anni, quindi un vitello nasce solo ogni quattro o cinque anni. Dopo i cinquant’anni riduce la fertilitàTuttavia, le femmine di elefante ruspante possono avere vitelli in età avanzata.

Nello zoo, le femmine di elefante sono fertili per un periodo di tempo più breve

Tutto è diverso allo zoo. “Qui, le mucche elefante hanno il loro primo turno all’età di otto anni perché sono nutrite meglio, e poi solo fino a circa 25 anni”, dice Takehana. Meno tempo per concepire – con molta meno interazione con altri elefanti. “Forse la più grande differenza tra qui e la natura è che gli elefanti non hanno una scelta di compagni”, dice Hideki Takehana.

Gli zoo in Giappone hanno scambiato frequentemente elefanti negli ultimi anni per creare nuove attrazioni per loro. L’ultimo progetto per ora è iniziato nel 2018: Hanako di Akita è venuto allo zoo di Yagiyama di Sendai per accoppiarsi con il toro Ben, mentre Lilly di Sendai allo zoo di Omoriyama di Akita avrebbe dovuto attirare l’attenzione di Actarus. “Abbiamo visto che era la nostra ultima possibilità in quel momento”, afferma Wataru Hashimoto, direttore della riproduzione allo zoo di Sendai. La mucca elefante, entrambe di 33 anni, soffriva già di un misterioso disturbo mestruale che gli scienziati conoscevano dagli elefanti dello zoo. Ma questo passaggio non ha aiutato. Actarus è morto nel 2021 e da allora Lily è sola ad Akita. Hanako non ha ancora riacquistato l’ovulazione a Sendai. Ben rimane inattivo con lei in un contenitore.

Biologia: Elephant Elephant Ben a Sendai.

Toro elefante Ben a Sendai.

(Foto: Thomas Hahn)

Gli zoo in Giappone hanno meno problemi con gli elefanti asiatici più piccoli. Il Giappone è in Asia e le relazioni con i paesi sono più strette che con i paesi africani. Gli zoo in Giappone non possono comprare più elefanti asiatici di quelli africani. Ciò è proibito dalla Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione. Ma come regalo, può essere importato. Gli ultimi tre elefanti asiatici arrivano a Toyohashi nel 2021 come parte di un progetto di ricerca dal Kerala, in India; Ci sono un totale di 81 elefanti asiatici in Giappone. “L’offerta è rimasta stabile, ma l’importazione di elefanti delle steppe africane è quasi impossibile”, afferma Waka Otozu, responsabile dell’allevamento di elefanti per l’Associazione di Gaza. L’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) lo elenca come una specie in via di estinzione. Gli attivisti per i diritti degli animali sono più vigili di prima. Quindi il Giappone dovrebbe dare alla luce il suo elefante africano. Mancano denaro e spazio per un progetto di safari che simuli una mandria di tori. Quindi la soluzione definitiva è già in fase di progettazione. Inseminazione artificiale. “Con la consulenza di esperti stranieri”, afferma Waka Otozu.

La vera vita da elefante non è possibile nello zoo

Ma il Giappone o altri paesi dell’emisfero settentrionale hanno davvero bisogno degli elefanti africani? L’uomo di Jaza Otozu crede: “Se ci sono elefanti negli zoo, i bambini giapponesi hanno la possibilità di vedere veri elefanti e potrebbero essere interessati alla natura”. Inoltre – Otozu non lo dice – l’elefante è usato come attrazione. Ma alla fine, ogni intenditore di elefanti sa che la vera vita da elefante non è possibile in uno zoo.

“Onestamente, non sarà così per sempre”, dice Hideki Takehana di Morioka. Lui e il compagno di classe Kosaku Maruyama fanno tutto il possibile per Mao. Li osservano costantemente, adattando la loro dieta in base ai loro livelli di sangue e urina, tenendoli occupati. non abbastanza. Mantengono le loro fauci in movimento 13 ore al giorno distribuendo il loro fieno nella casa degli elefanti e nel recinto esterno. “Ma questo è ancora molto meno del tempo di movimento in natura”, afferma Takehana. Anche la solitudine non fa bene a lei. Dopo la morte di Taro, Mao si è comportato irrequieto per due anni; Dormiva sempre in piedi. E d’inverno non ti piace uscire. A Morioka può raggiungere meno dieci gradi – decisamente troppo freddo per un animale il cui corpo dovrebbe sopravvivere al caldo dell’Africa.