Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli anticorpi non sono l’unica arma contro il corona

Anche con la variante omicron, il sistema immunitario umano non è impotente. Oltre a eventuali anticorpi presenti, nel corpo umano funzionano anche le cellule helper e killer.

Serie di foto con 19 foto

Nella lotta contro la variante corona Omikron, un componente fondamentale del sistema immunitario umano è al centro dell’attenzione: gli anticorpi. Recentemente queste proteine ​​a forma di Y sono state nuovamente focalizzate perché i vaccini corona con i vaccini esistenti non sembravano avere molti anticorpi contro le forti mutazioni. Omicron variabile Produce come le precedenti varianti della corona, almeno non senza un vaccino di richiamo.

Gli anticorpi si attaccano alle proteine ​​spinose sulla superficie del coronavirus, impedendo loro di infettare le cellule umane. Ma anche se gli anticorpi sono importanti nella lotta contro il COVID-19, non sono l’unica arma del nostro corpo contro il virus. Invece, c’è una “risposta complessa e coordinata” alla minaccia, osserva l’immunologo dell’Università di Harvard Roger Shapiro.

“Bombardare un’area” all’inizio dell’infortunio

Nei primi minuti e ore dopo il contatto con il virus, le proteine ​​lo segnalano sistema immune Dal corpo in allerta. I primi ad apparire sono i cosiddetti neutrofili, che costituiscono dal 50 al 70 percento dei nostri globuli bianchi. Sebbene combattano rapidamente gli agenti patogeni, muoiono anche rapidamente.

Poi ci sono i macrofagi affamati, che divorano i patogeni e secernono componenti essenziali del patogeno per addestrare le cellule natural killer del corpo, chiamate cellule natural killer, a colpire il patogeno.

“È come bombardare l’intera area e, si spera, l’intruso verrà danneggiato il più possibile”, ha affermato John Wehrey, un immunologo dell’Università della Pennsylvania. Nel frattempo, il corpo “chiama il quartier generale per spostare le tue unità d’élite”.

READ  Il grasso comico si sottopone a cure psichiatriche e invia un messaggio a Oliver Bucher

l’Unione cellule T: Assassini professionisti nel corpo

Se le prime contromisure del sistema immunitario non hanno neutralizzato completamente il virus, entra in gioco la cosiddetta difesa immunitaria adattativa. Pochi giorni dopo l’infezione, le cellule B, un tipo di globuli bianchi, iniziano a funzionare e formano anticorpi.

anche uno Vaccinazione corona Allena le cellule B, specialmente nei linfonodi dell’ascella vicino al sito di iniezione della siringa per iniezione. Lì, in caso di infezione, viene stabilita una fornitura di cellule B addestrate sul coronavirus. L’esperto di Harvard Shapiro confronta i linfociti B con agenti dell’intelligence che dispongono di informazioni critiche sulla minaccia.

Gli anticorpi più potenti sono chiamati anticorpi neutralizzanti. Questi si attaccano ai virus come la gomma da masticare su una chiave e quindi non entrano più nella serratura. Altri anticorpi aiutano a combattere i virus dirigendoli verso le cellule immunitarie o dando l’allarme, intensificando così la risposta immunitaria.

I principali partner delle cellule B sono cellule T quasi dentro cellule T helper e T Killerslin può essere diviso. il T Killerslin “Come assassini”, dice Shapiro. Vanno e attaccano le cellule infette. Questa reazione difensiva non avviene senza danni collaterali.

il cellule T helper “Come i generali”, ha aggiunto Shapiro, tuttavia. Hanno comandato truppe, ottenuto cellule B per aumentare la produzione di anticorpi e hanno eseguito T Killerslin alle cellule infette.

Protezione da pendenze estreme

A causa delle sue numerose mutazioni, specialmente sulla proteina spike, la variante omicron può sfuggire più facilmente agli anticorpi neutralizzanti già presenti nel corpo a causa di una precedente infezione da corona o vaccinazione contro la corona. Ciò rende più probabile l’infezione da corona con sintomi. La buona notizia, tuttavia, è che cellule T Non lasciarti ingannare facilmente dai virus omicron mutanti.

READ  Figure, mappe e disegni per la Germania e il mondo

il cellule T Hanno una sorta di “endoscopio” con cui possono localizzare componenti essenziali del virus nelle cellule infette, spiega Wehrey. Quindi non è facile essere ingannati dai cambiamenti nell’agente patogeno.

T Killerslin Scansione del corpo alla ricerca del virus, distruzione delle cellule infette e attivazione di reazioni che producono proteine ​​infiammatorie note come citochine che aiutano a combattere i patogeni. A seconda della velocità di questa reazione, una persona vaccinata con il vaccino rivoluzionario presenterà lievi sintomi simili al raffreddore o lievi sintomi simil-influenzali. In ogni caso, il rischio di un decorso pericoloso della malattia è significativamente ridotto.

La vaccinazione di richiamo stimola più fortemente la produzione di anticorpi ed è indicata anche per B e cellule T per continuare la formazione. “Omicron è preoccupante, ma la tazza è mezza piena”, afferma Wehrey. Anche nella sua nuova versione, il coronavirus “non sfuggirà completamente alle nostre controreazioni”.

nota importante: Le informazioni non sostituiscono in alcun modo la consulenza professionale o il trattamento da parte di medici formati e riconosciuti. I contenuti t-online non possono e non devono essere utilizzati per fare diagnosi o iniziare un trattamento in modo indipendente.