Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giove è il nuovo presidente della Conferenza episcopale italiana

A cosa serve un sito web se semplicemente “si integra” con tutto il resto? Non tutti i vescovi italiani sono contenti del modo in cui questa settimana viene nominato il nuovo presidente della loro conferenza episcopale. Nonostante tutta la devozione al Vescovo di Roma, uno di loro avrebbe espresso il suo dispiacere quando Francesco ha ricevuto lunedì sera 220 arcivescovi in ​​Vaticano. All’inizio dell’Assemblea Generale a Roma.

Si immagina già cardinale, piuttosto giovane e pronto a continuare il cammino sinodale della Chiesa in Italia. Ad esempio, si dice che il Papa abbia nuovamente stabilito le sue aspettative per il successore del cardinale Gualdero Pacetti.

Aggiungi: “Ma non esitare! Questa è la mia opinione personale”. Da chiunque aggiungano alla lista dei tre, Francesco nominerà un nuovo leader. Scommesse e pronostici furono subito regolati sull’arcivescovo cardinale Matteo Juppi di Bologna.

Francesco è un uomo

Alla domanda sul suo ruolo preferito, Giove, come spesso fa, cita uno dei suoi predecessori a Bologna: “Il cardinale Pfe una volta ha detto che solo i matti vogliono essere vescovo. Si può dire che anche i matti vogliono essere . I capi dei vescovi.” Il viso sempre cattivo di Giove, gli angoli della sua bocca sempre mutevoli, gli danno un accenno di una certa cattiveria. Ora sta per andare avanti nel cammino sinodale inviato da Francesco nel 2015 a più di 200 vescovi d’Italia.

Ma molti si vergognano di un progetto così complesso, alcuni probabilmente non vogliono – e credono che il Pontificato Percocleo/Francesco non durerà a lungo. Giove è veramente l’uomo di Francesco: uomo di comunità, vicino alla gente, interessato alla riforma, abile nella conversazione. Ma è ancora una questione aperta se potrà passare a una delle più grandi conferenze pastorali del mondo. La cartina di tornasole sarà un’indagine necessaria sugli abusi nella chiesa.

READ  Sesotech apre una filiale in Italia

Il papa ha recentemente trasferito mons. Stefano Russo, ex segretario generale del Consiglio dei vescovi, in una piccola diocesi vicino a Roma. Dopo un po’, il nuovo leader si unì all’idea che avrebbe dovuto essere libero di trovare una persona che potesse fare un buon lavoro. Quando gli è stato chiesto un anno fa se poteva nominare un segretario generale subito dopo la conferenza tedesca alla Conferenza episcopale italiana, Jupp era molto titubante: “Penso che abbiamo ancora qualcosa”. Una, nonostante molte donne lavorino in Segreteria, è ancora “la Conferenza episcopale”.

“Sacerdote di Sant Egidio”

Uno o due visitatori italiani si aspettano che la Chiesa cattolica nel paese sotto Giove sia profana nel discorso sociale come lo era sotto Bassetti. Cinque anni fa, è stata anche la scelta netta di Francesco; Ma il papa non è stato di recente soddisfatto del bilancio di Passetti – come si può sentire. Non passerà molto tempo prima che venga trasformato in arcivescovo dell’80enne Perugia-Città della Beau.

Romano di Matteo Zuppi. Nella capitale conobbe nel 1973 l’allora 18enne Andrea Ricardi, che cinque anni fa fondò la comunità di Sant’Egidio. Nelle periferie dell’area metropolitana dei Tre Milioni, forniscono formazione personalizzata agli studenti e si prendono cura degli anziani che vivono da soli nel quartiere operaio di Trostever. A differenza di Ricardi, Giove divenne sacerdote nel 1981.

Per quasi 30 anni è stato parroco a Santa Maria in Trastever, diventando “parroco di Sant Echidio”, dove conduce la preghiera quotidiana della sera. Nomina 2012 Benedetto XVI. Giove Vescovo della Diocesi di Roma. Nel 2015, Francesco ha inviato a Bologna un vicecancelliere socialmente devoto, il successore dei cardinali conservatori di profilo Giacomo Fifi (1984-2003) e Carlo Kafara (2003-2015).

READ  Croce Rossa: Una fiaccola va dalla Baviera all'Italia

Mediatore comprovato

Giove è uno dei vescovi più famosi d’Italia, si occupa anche di politica ed è molto versato nelle controversie.

Zuppi e Riccardi furono per decenni capi della diplomazia presso “l’ONU di Trastevere”, Sant’Egidio. Ha mediato tra la guerriglia e il regime in Mozambico e Algeria; È stato anche giudice in Burundi per conto di Julius Nyerere, un ex “politico anziano” dell’Africa orientale.

Il sacerdote ha suscitato scalpore nel 2019 con il suo libro “Odia il tuo vicino come ti odia”. Juppie ha negato di aver criticato la politica e il comportamento di Matteo Salvini, leader della Lega critica per lo sfollamento. Si preoccupava del clima nella comunità, ma era anche in chiesa. La chiesa in particolare dovrebbe ora promuovere Giove.

Anche se Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Ha insistito per andare, ma “Francis ora viene a prenderci con una scopa e ci insegue per la strada dalla casa accogliente”, ha detto una volta, mentre seguiva la finale con una risata. Il nome Zuppi salta fuori anche tra coloro che stanno già pensando al prossimo convegno. Devi ricordarlo.