Dicembre 8, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gigante dell’intrattenimento: Disney aumenta le vendite e i profitti: il business televisivo deludente fa finalmente scendere le azioni Disney | newsletter

Il gigante dell’intrattenimento statunitense Walt Disney Co. ha registrato risultati peggiori del previsto nel quarto trimestre dell’anno fiscale, in particolare nella sua importante attività di trasmissione. Nei tre mesi all’inizio di ottobre, i ricavi sono cresciuti del 26 per cento rispetto al periodo dell’anno precedente che ha gravato sulla crisi del Corona, fino a raggiungere i 18,5 miliardi di dollari (16,1 miliardi di euro), come annunciato mercoledì dal gruppo, dopo gli Stati Uniti. Il mercato è chiuso. Gli esperti si aspettavano maggiori profitti. Il titolo ha inizialmente reagito con un calo significativo dei prezzi.

Anche i guadagni trimestrali della Disney sono stati relativamente modesti, con un utile netto di 159 milioni di dollari. Un anno fa, il bilancio mostrava una perdita di 710 milioni di dollari, ma ora i parchi a tema e i complessi turistici della Disney, ora chiusi a causa della pandemia, sono tornati in attività. L’attività di streaming del servizio video Disney+ è stata una delusione particolare per gli investitori. A causa del numero limitato di film e serie di successo, sono stati aggiunti solo 2,1 milioni di abbonamenti, molto meno del previsto.

Disney+ ha iniziato come cacciatore su Netflix circa due anni fa e ha visto una rapida crescita grazie a serie di successo come “The Mandalorian” dell’universo di “Star Wars”. Ma alla fine le cose non sono andate lisce. Alla fine del trimestre, Disney+ aveva 118 milioni di utenti paganti in tutto il mondo, il che ha messo Netflix molto lontano. Il leader di mercato nella trasmissione in diretta ha aumentato i suoi abbonati nell’ultimo trimestre di 4,4 milioni per un totale di 214 milioni.

READ  Il mercato dell'auto in Germania sta crollando

La Disney ha ammesso che l’azienda sta ancora soffrendo per le ripercussioni della crisi di Corona. I ritardi di produzione e il minor numero di anteprime hanno limitato la disponibilità del contenuto del film. Nel frattempo, i bassi introiti pubblicitari e lo scarso interesse dei clienti stanno mettendo a dura prova la classica divisione TV via cavo. Tra questi c’è l’emittente sportiva ESPN, che è molto importante per il gruppo ma da tempo perde abbonamenti. I parchi a tema Disney hanno registrato una solida crescita, anche se basata su un livello molto debole nell’anno precedente a causa della crisi di Corona.

Delusione con gli abbonamenti allo streaming: crollo delle azioni Disney

Giovedì, la crescita deludente nell’importantissimo business televisivo ha pesato pesantemente sulle azioni della società di intrattenimento. Le azioni sono scese al minimo di 11 mesi di $ 158,33 nei primi scambi. Più di recente, sono rimasti indietro rispetto al principale Dow Jones Industrial Average negli Stati Uniti del -7,04 percento a $ 162,17.

Nel business dello streaming live del servizio video Disney+, sono stati aggiunti solo 2,1 milioni di abbonamenti a causa della mancanza di film e serie, molto meno del previsto. Con l’effusione di una crescita così insolita, la Disney sta ora sentendo il peso delle elevate aspettative degli investitori, ha affermato l’analista Sophie Lund-Yates di Hargreaves Lansdowne.

L’analista Alexia Quadrani della banca statunitense JPMorgan ha confermato in uno studio che la crescita del numero di abbonati è diminuita, ma Disney ha confermato i suoi obiettivi annuali per questo. Inoltre, la direzione ora vuole investire più denaro nei contenuti trasmessi. In questo contesto, l’esperto rimane ottimista. Sebbene abbia abbassato il suo obiettivo di prezzo da $ 230 a $ 220, vede ancora ampi margini di miglioramento e continua a classificare il titolo come “sovrappeso”.

READ  Deutsche Bank: centinaia di filiali hanno chiuso, con conseguenze per tutti i clienti

Resta da vedere quanto velocemente le azioni possono rimbalzare. Da un punto di vista tecnico, la foto riguardava giovedì. Il prezzo è sceso al di sotto delle linee 21, 50 e 200 giorni. I prezzi medi sono utilizzati dagli investitori tecnicamente orientati come indicatori di tendenza a breve termine a lungo termine.

Redazione: finanzen.net / BURBANK (dpa-AFX)

Altre notizie su Walt Disney

Bildkeline: canbedone/Shutterstock.com, chrisdorney/Shutterstock.com