Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Germania e alleati: 16 Paesi condannano l’uso di mercenari in Mali

La Germania e gli Alleati
16 paesi condannano l’uso di mercenari in Mali

Il gruppo Wagner è conosciuto come “l’esercito russo dell’ombra”. E un certo numero di paesi occidentali ha rilasciato una dichiarazione congiunta secondo cui la leadership del Mali ha deciso di cooperare con le forze. Si appellano anche a Mosca, che nega ogni collegamento con i mercenari.

La Germania e altri 15 paesi occidentali hanno condannato il dispiegamento di mercenari russi della Divisione Wagner in Mali, nell’Africa occidentale. nella situazione attuale Hanno accusato la Russia di fornire supporto materiale alle truppe. Tra i firmatari ci sono Canada, Francia e Regno Unito, tra gli altri. Per la prima volta hanno confermato che, nonostante gli avvertimenti dati al governo di Bamako, i mercenari di Wagner sono ancora in servizio. Ciò non farà che peggiorare la situazione della sicurezza in Africa occidentale, oltre a minacciare di peggiorare la situazione dei diritti umani.

I governi occidentali hanno lamentato la decisione del governo maliano di utilizzare “fondi pubblici già scarsi” per pagare gli stipendi dei mercenari stranieri piuttosto che sostenere le forze armate maliane. Le potenze occidentali hanno esortato la Russia a tornare a un comportamento “responsabile e costruttivo”. Gli Stati Uniti non erano tra i firmatari. Tuttavia, il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha lanciato un avvertimento al governo del Mali all’inizio di questo mese.

La Reuters aveva riferito in precedenza, citando fonti informate, che il Mali sta per ricevere un ordine dal Gruppo Wagner. I mercenari dovrebbero addestrare l’esercito del Mali e proteggere i funzionari del governo. Il gruppo Wagner è noto come “Esercito russo dell’ombra”, ma Mosca nega ogni collegamento con esso. Più di una dozzina di persone legate a Wagner avevano precedentemente dichiarato a Reuters che il gruppo aveva effettuato operazioni segrete in Ucraina, Libia e Siria con l’approvazione del governo russo. La Russia lo nega. A novembre, il ministro degli Esteri Sergei Lavrov ha respinto le preoccupazioni francesi sull’uso di mercenari nella Posta.

Il Paese africano è attualmente governato dall’esercito e il promesso ritorno alla democrazia non si è concretizzato. In Mali, le forze armate maliane, francesi ed europee e le forze di pace delle Nazioni Unite stanno combattendo contro i ribelli legati alle milizie estremiste dello Stato islamico e ad al-Qaeda. Migliaia di civili sono stati uccisi e milioni sono fuggiti dai loro attacchi negli ultimi anni. L’esercito tedesco ha schierato 1.050 soldati come parte della forza di pace delle Nazioni Unite MINUSMA in Mali. Altri 350 soldati tedeschi stanno partecipando a una missione di addestramento europea.

Lambrecht: si coordinerà a stretto contatto con i partner

La prospettiva che Wagner fosse schierato in Mali aveva già causato un putiferio. Gli stati membri dell’Unione Europea avevano il paese per questo caso Minaccia pubblicamente di porre fine all’impegno militare e civile. “Consideriamo un errore la decisione dei funzionari maliani di portare mercenari nel Paese e ce ne rammarichiamo espressamente”, ha dichiarato su Twitter il ministro della Difesa federale Christine Lambrecht. Ha espresso la sua convinzione che questo passo non sarebbe appropriato per migliorare la situazione della sicurezza nel paese. “Ora ci coordineremo a stretto contatto con i nostri partner internazionali su come andare avanti e sul nostro impegno in Mali. La sicurezza dei nostri soldati è la massima priorità”.

Il Mali, con una popolazione di circa 20 milioni, ha subito tre colpi di stato militari dal 2012 ed è considerato politicamente altamente instabile. Dall’ultimo colpo di stato di maggio, il paese è stato guidato da un governo militare di transizione. Da anni i gruppi terroristici islamici turbano il precario stato di crisi.

READ  2022: Cosa aspettarsi nel nuovo anno