Giugno 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Georgia Meloney e le sue difficoltà in “Emancipation Day”

La Meloni si rifiuta di usare il termine antifascista

Italia per commemorare la liberazione dal fascismo – il governo di destra vacilla

Il premier italiano Giorgia Meloni.

Roma Se l’argomento non fosse così serio, verrebbe da ridere della confusione politica del governo di destra italiano del 25 aprile. Giovedì scorso, ad esempio, quando in Parlamento si è discusso il significato di questa seconda festa nazionale che ha coinciso con la Festa della Repubblica del 2 giugno: la coalizione di governo di Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, la Lega di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi ha condannato “tutte le dittature” e ha elogiato le conquiste dell’odierna democrazia liberale. Fin qui tutto bene, ma manca qualcosa?

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Nella risoluzione mancava qualcosa di importante, ovvero la parola “antifascista”. Perché questo è ciò che l’Italia festeggia il 25 aprile: la vittoria degli antifascisti e dei loro alleati sui fascisti di Mussolini e dei loro alleati, gli occupanti nazisti tedeschi. L’assenza della parola minacciosa non è certo un caso: è nella natura delle cose che il presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il suo partito post-fascista, i Fratelli d’Italia, celebrino meno la liberazione dal nazifascismo in “Liberazione”. “. Poiché la sinistra si è rifiutata di accettare l’incompleta risoluzione della coalizione di governo, il dibattito parlamentare, che avrebbe dovuto consentire ai partiti di accordarsi per condannare il fascismo, si è concluso ancora una volta con tumulti e tumulti.

READ  A Georgia Meloni piace fare campagna

Georgia Meloney ha dichiarato in una recente intervista di non avere “nessuna simpatia per i regimi”. È credibile: il capo del governo italiano non è fascista e, come la maggior parte dei suoi compagni di partito, non vuole di nuovo la dittatura. Ma il partito da lui fondato ha le sue radici ideologiche nel Movimento Sociale Italiano (MSI), fondato dai sostenitori del Duce nel dopoguerra; Meloni ha trascorso tutta la sua carriera politica in questa orbita. Per questo la parola antifascista non le è uscita di bocca. Inoltre: la Guerra di Liberazione fu una spietata guerra civile che contrappose italiani fascisti contro italiani antifascisti. E questa guerra civile vive ancora oggi nella mente di molti. Nella mente anche di Georgia Meloni.

Leggi di più dopo l’annuncio

Leggi di più dopo l’annuncio

Una vacanza divide la nazione

In definitiva, 78 anni dopo la fine della guerra, il 25 aprile in Italia è una festa chiamata “Festa Divisiva” che divide il Paese più che unirlo. La ragione principale di ciò è che la destra non è realmente in sintonia con la storia recente del proprio paese e minimizza fino ad oggi i crimini del regime di Mussolini. Anche durante la scuola dell’obbligo il fascismo viene affrontato solo in parte. Un altro ostacolo alla riconciliazione fu che i partiti di sinistra si appropriarono fin dall’inizio della Resistenza, sebbene comunisti e socialisti combattessero sulla falsariga dei partigiani, ma anche liberali, repubblicani, conservatori e monarchici. Questo complesso di superiorità morale di sinistra è difficile da sopportare.

Per la destra post-fascista, che si è sempre sentita spinta nell’ignominia politica dalla sinistra, la vittoria elettorale dello scorso autunno è sembrata una liberazione. Come un invito a riscrivere e reinterpretare la storia scomoda. Anche i più alti funzionari politici non sono immuni da questa tentazione. Come ha recentemente spiegato Giorgia Meloni, “335 italiani innocenti furono massacrati solo perché italiani” durante una rappresaglia degli occupanti tedeschi a Roma nel marzo 1944. Questa è una sciocchezza, naturalmente: le vittime non sono state massacrate perché erano italiane, ma perché erano fasciste o antiebree. Ciò che Meloni non menziona: fascisti e collaboratori italiani aiutarono i nazisti a selezionare le loro vittime.

READ  Il capo del FMI è un'immagine di unità corrotta dalla corruzione

Uno schema coerente e centrale della storia è quello di porre sullo stesso piano morale fascisti e partigiani. Il presidente del Senato Ignacio La Russa, dichiarato cultore del Duce e amico di partito della Meloni, ha recentemente affermato che i giovani soldati dell’ultimo esercito di Mussolini hanno combattuto per i loro ideali e per la patria come partigiani. “I comunisti volevano instaurare una dittatura in Italia come Stalin aveva fatto in Russia!” aggiunse rabbiosamente La Russa. I rappresentanti dell’alleanza di destra hanno suonato la stessa tromba nel dibattito parlamentare di giovedì: se la sinistra chiede la condanna del fascismo, deve essere pronta a riconoscere anche i crimini del comunismo.

Costantemente dimenticato: l’Italia aveva un regime fascista, non comunista. “Non abbiamo problemi a condannare i kulaki sovietici e le stragi di Stalin”, ha dichiarato giovedì in parlamento il socialdemocratico Walter Verini. “Ma dobbiamo il fatto che siamo in questa sala oggi agli antifascisti, compresi i comunisti, che hanno liberato il Paese”. Pepe Fenoglio, militante antimonarchico, ha giustamente identificato anni fa la differenza con la seguente. Le parole fanno capire il punto: “C’erano persone buone e cattive su entrambi i fronti della guerra. Ma questo non cambia il fatto che alcuni erano dalla parte giusta e altri dalla parte sbagliata”. non voglio vederlo, nemmeno al tavolo del gabinetto.