Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Francia: il Parlamento approva la legge sull’immigrazione – WELT

Francia: il Parlamento approva la legge sull’immigrazione – WELT
al di fuori Immigrazione

La Francia approva la controversa legge sull’immigrazione: il ministro si dimette, secondo quanto riferito

Il ministro della Sanità francese Rousseau

Aurelien Rousseau, ministro francese della Sanità, all’Assemblea nazionale a Parigi (foto d’archivio)

Fonte: Agenzia di stampa tedesca/Thomas Samson

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Attraverso una nuova legge, la Francia vuole ridurre l’immigrazione migliorando l’integrazione. Sebbene il Parlamento abbia ora approvato il piano, le critiche tra i partiti non si sono fermate. Secondo i media, uno dei ministri ha presentato le sue dimissioni.

UNAnche dopo che il parlamento francese ha approvato una controversa legge sull’immigrazione, il governo del presidente Emmanuel Macron è sotto pressione. Poco dopo l’approvazione della legge, mercoledì sera il ministro della Sanità Aurelien Rousseau ha presentato le sue dimissioni, secondo quanto riportato dai media. Era considerato un oppositore del testo giuridico più severo, che causò violenti conflitti all’interno del campo governativo. Secondo quanto riferito, Macron vorrebbe commentare la legge mercoledì.

Attraverso questo progetto, il governo vuole controllare meglio l’immigrazione e migliorare l’integrazione. Tuttavia, il testo giuridico adottato è molto più restrittivo di quanto originariamente previsto. I migranti regolari dovrebbero ricevere le prestazioni sociali, come l’indennità di alloggio o gli assegni familiari, solo più tardi rispetto a prima. Il Parlamento dovrebbe discutere le quote annuali di immigrazione.

Leggi anche

Inoltre, verrà ripristinato il reato di soggiorno illegale, abolito dal presidente socialista François Hollande nel 2012. Anche i cittadini con doppia cittadinanza che commettono reati contro le forze dell’ordine dovranno perdere la nazionalità francese. Anche una delle misure chiave del progetto del governo, secondo cui ai migranti che precedentemente lavoravano senza documenti di soggiorno in professioni colpite da carenza di manodopera qualificata, verrà concesso un permesso di soggiorno temporaneo, arriverà solo in misura molto limitata.

“Oggi sono necessarie misure rigorose”, ha detto martedì il ministro degli Interni Gerald Darmanin dopo il voto alla Camera dei Rappresentanti. “Non si possono risolvere i problemi dei francesi nel resto del Paese ficcando il naso in mezzo a Parigi”.

Già prima del voto in Parlamento i media avevano riferito che diversi ministri dell’ala sinistra del governo stavano pensando di dimettersi. I giornali “Le Figaro” e “Le Parisien” hanno riferito mercoledì sera che non è chiaro se il primo ministro Elizabeth Bourne abbia accettato le dimissioni del ministro della Sanità Rousseau.

La resistenza viene anche dalle nostre fila

Il campo centrista di Macron non ha più la maggioranza assoluta nell’Assemblea nazionale francese dalle elezioni parlamentari del giugno 2022, e dipende quindi dai voti contrari ai suoi piani. Dopo che la settimana scorsa, prima del dibattito generale, il campo di sinistra, i repubblicani conservatori e il partito di destra Raggruppamento Nazionale hanno respinto il testo legale nell’Assemblea nazionale, il governo di centro ha cercato di raggiungere un compromesso in commissione. Per ottenere l’approvazione dei conservatori furono fatte loro importanti concessioni. Poi la resistenza venne anche dalle loro fila.

Martedì sera il Senato, la camera alta del Parlamento francese, ha inizialmente dato il via libera al progetto. L’approvazione in Consiglio Direttivo era considerata certa. Nell’Assemblea nazionale, alla fine, 349 membri hanno votato a favore del testo e 186 contro. Anche i membri del campo di Macron sono stati tra coloro che hanno votato contro la risoluzione.

Leggi anche

Jordan Bardella visita Milipol - Parigi

Mercoledì si tornerà probabilmente a prendere in considerazione il comportamento di voto nell’Assemblea nazionale. Sebbene la nazionalista di destra Marine Le Pen e il suo partito Raggruppamento Nazionale non siano riusciti ad approvare la proposta di legge la scorsa settimana, i parlamentari hanno ora votato a favore della proposta, come Le Pen aveva precedentemente annunciato.

Questo annuncio ha messo sotto pressione il campo di Macron. Non voleva che la legge venisse approvata esclusivamente con l’aiuto dei nazionalisti di destra. Mercoledì sera, però, il ministro degli Interni Gérald Darmanin ha confermato che il testo non è stato adottato unicamente grazie al voto del Raggruppamento Nazionale. La maggioranza era numerosa anche senza il Fronte Nazionale.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.