Aprile 18, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fondi: ecco perché l’Italia è un Eldorado per gli investitori di valore!

Fondi: ecco perché l’Italia è un Eldorado per gli investitori di valore!

I mercati continuano a riprendersi dopo le recenti turbolenze. I timori di una crisi bancaria, che ha colpito brutalmente i mercati nelle ultime settimane, sembrano ora svanire dalle menti degli investitori. E più veloce del previsto. La scorsa settimana, il DAX è sceso a 14.458 punti, il livello più basso dall’inizio di gennaio.

Tuttavia, nel frattempo, il principale indice tedesco si è in gran parte lasciato alle spalle questo calo. All’inizio di questa settimana, ha vinto un balzo sopra i 15.000 punti, seguito da un massimo di 15.536 punti giovedì. Non mancano nemmeno 200 punti fino a 15.706 punti il ​​7 marzo.

Torna la fiducia sul mercato

Dopo le recenti turbolenze, c’è stato un periodo ottimista nel mercato, secondo l’analista di LBBW Rolf Schafer. Tuttavia, lo stratega del mercato ha sottolineato la cautela. Anche se i timori degli investitori di una crisi bancaria sistemica continuano a diminuire, ci sarà un certo grado di incertezza nel mercato a causa del crollo della Silicon Valley Bank e della frettolosa ripresa del Credit Suisse.

Quasi al passo con il DAX, l’Euro Stoxx 50 è ai massimi storici all’inizio di marzo. I mercati locali sono ottimisti anche dopo l’apertura di Wall Street. Dall’altra parte dell’Atlantico, la crisi bancaria sembra passare sempre più in secondo piano. Il Nasdaq 100 è stato particolarmente forte, toccando un nuovo massimo giovedì e ora molto vicino a 13.000 punti.

I dati economici indicano una forte economia statunitense

I dati economici attuali indicano una forte economia statunitense. Ad esempio, le richieste di disoccupazione iniziali sono aumentate di 7.000 a 198.000, leggermente più del previsto. Tuttavia, sono a un livello molto basso. Con poche eccezioni, le domande iniziali sono rimaste sotto la soglia delle 200.000 dall’inizio dell’anno, segno di un mercato del lavoro forte.

Nel frattempo, l’economia statunitense è cresciuta leggermente più debole del previsto nel quarto trimestre. Secondo la terza stima, il PIL è aumentato del 2,6% su base annua, ha annunciato il ministero del Commercio. Nella seconda stima è stato confermato un aumento del 2,7%. Gli economisti si aspettavano che il dato fosse confermato.

Germania: l’inflazione è scesa al 7,4% dall’8,7%.

Giovedì, in Germania, gli ultimi dati sull’inflazione sono stati al centro dell’interesse. Secondo le stime preliminari del Federal Bureau of Statistics, i prezzi al consumo sono scesi dall’8,7% al 7,4% a marzo nel corso dell’anno. L’inflazione ha toccato il livello più basso dall’agosto 2022. I prezzi più bassi del calore e della benzina hanno facilitato la situazione. L’inflazione è aumentata dello 0,8% da febbraio a marzo.

Sebastian Dalien dell’Istituto IMK, che è vicino al sindacato, vede lo sviluppo come positivo. “Questo dovrebbe essere il primo passo in una costante tendenza al ribasso dei tassi di inflazione in Germania. Inoltre, nei prossimi mesi ci si può aspettare un ulteriore calo dei tassi di inflazione.

L’inflazione core rimane elevata

Ciononostante, l’inflazione di fondo, esclusi i fattori volatili come cibo ed energia, rimane elevata. Secondo i dati attuali di Commerzbank, è salito al 5,9% dal 5,7 di marzo. Ciò dimostra che l’inflazione è aumentata in tutta l’economia.

Mentre la maggior parte degli esperti ritiene che l’inflazione abbia raggiunto il picco, è ancora al di sotto dell’obiettivo del due percento. Gli economisti prevedono che l’inflazione raggiungerà una media del 6,6% nel 2023, rispetto al 6,9% dello scorso anno. Un calo significativo al 3,0% non è previsto fino al prossimo anno.

Ciò potrebbe costringere la BCE a stringere ulteriormente i tassi di interesse. L’economista capo della Berenberg Bank, Holger Schmiding, ha commentato i nuovi dati sull’inflazione. C’è incoraggiamento da parte della direttrice della BCE Isabel Schnabel, che ora valuta l’inflazione core come più sostenibile dell’inflazione di intervento. “Certamente causa qualche grattacapo ai banchieri centrali”, ha detto Schnabel.

I mercati azionari in Europa sono molto attraenti: focus sull’Italia

Tuttavia, i mercati azionari in Europa sono molto attraenti per gli investitori. Nonostante la netta sovraperformance rispetto ai principali indici statunitensi da settembre, il DAX e l’Euro Stoxx continuano a sovraperformare il Dow Jones & Co. in termini di rapporto prezzo/utili (P/E). sono valutati più favorevolmente di Il mercato italiano sta arrivando. Con uno sconto di valutazione ancora maggiore. Nell’indice principale FTSE MIB delle 40 principali società azionarie italiane, il rapporto P/E al 29 marzo era di 8,11.

Dal punto di vista dei fondamentali, ci sono buone possibilità che i fondi azionari focalizzati sull’Italia continuino a dare buoni risultati. A gennaio, secondo i dati di FONDS-beruflich, questi fondi sono riusciti ad aumentare in media di quasi il dieci percento. I fondi italiani hanno continuato a salire a febbraio poiché molti fondi hanno faticato con le correzioni. L’aumento medio è stato inferiore al tre per cento. Alla fine di febbraio, i fondi azionari focalizzati sull’Italia avevano guadagnato in media il 16% nel semestre.

Il FTSE MIB mostra un aumento notevolmente costante

A marzo, anche l’indice principale del mercato azionario di Milano ha subito una battuta d’arresto a causa delle turbolenze generali del mercato, ma come osserva Hans-Peter Schoop, CEO del provider finanziario Fidecum, l’aumento è stato notevolmente consistente. I timori che un governo guidato dalla populista di destra Georgia Meloni possa rompere con l’UE non si sono concretizzati. Meloni ha continuato lo studio della politica fiscale del suo predecessore Mario Draghi.

Schupp descrive i recenti sviluppi come la paura di un governo caotico ha spinto molti investitori fuori dall’Italia. Ciò ha messo sotto pressione il mercato azionario e ha portato a valutazioni azionarie basse per molte società con rapporti P/E inferiori a cinque. Di conseguenza, afferma Schupp, l’Italia è diventata un “Eldorado per investitori di valore profondo”.