Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fisica: 10 anni di “Particelle di Dio” e i limiti del CERN

Scienze Fisica

10 anni di “Particelle di Dio” e i Limiti del CERN

Questa immagine raffigura la scoperta del bosone di Higgs il 4 luglio 2012 dopo la collisione di due protoni Questa immagine raffigura la scoperta del bosone di Higgs il 4 luglio 2012 dopo la collisione di due protoni

Questa immagine raffigura la scoperta del bosone di Higgs il 4 luglio 2012 dopo la collisione di due protoni

Fonte: Photo Alliance / d

Nel luglio 2012 è stata annunciata la scoperta della particella di Higgs presso il centro di ricerca del CERN di Ginevra. La sua esistenza era stata prevista 45 anni fa. Era anche conosciuto come la “particella di Dio”.

QuintoDieci anni fa, i fisici hanno potuto celebrare una svolta scientifica. Il 4 luglio 2012, nell’affollata sala di Ginevra Centro di ricerca del CERN per la scoperta della cosiddetta particella di Higgs.

Migliaia di persone interessate in tutto il mondo hanno seguito i relatori sulle esperienze in videoconferenza atlante E il CMSper cui la presunta esistenza della particella può essere provata per decenni indipendentemente l’una dall’altra.

È anche possibile che il grande interesse pubblico per questa fondamentale ricerca in fisica abbia a che fare con il fatto che la particella di Higgs è stata spesso definita la “particella di Dio”. Questo termine comune va al fisico Leon Max Lederman Ancora una volta, che ha scritto un libro sulla “particella temuta”.

Perché l’Higgs è diventato una particella divina?

Lo stava usando per descrivere la sua “natura vile e il disagio che provoca”. E esperimenti per cercare la particella di Higgs nel più grande acceleratore di particelle del mondo, che è LHC (“Large Hadron Collider”) era davvero molto complesso.

Fabiola Gianotti della Atlas Experience e Joe Incandella della CMS Experience il 4 luglio 2012 al CERN.

Fabiola Gianotti della Atlas Experience e Joe Incandella della CMS Experience il 4 luglio 2012 al CERN.

Fonte: Photo Alliance / d

Quindi l’editore del libro di Lederman ha abbreviato il termine in “particella di Dio”. Sebbene la particella di Higgs sia di fondamentale importanza per la struttura teorica della fisica, non ha nulla a che fare con cose religiose o spirituali, come Dio sa.

Leggi anche

dio delle particelle

Il 30 giugno 2022, i fisici celebreranno il decimo compleanno della particella di Higgs con un simposio scientifico al CERN, proprio come fanno i fisici. Si tratterà meno di guardare indietro e più di guardare avanti.

Dov’è la supersimmetria?

C’è anche la preoccupante domanda se oggetti di grande interesse scientifico possano ancora essere scoperti usando l’LHC. In ogni caso, non ci sono state più scoperte rivoluzionarie al Large Hadron Collider dall’esplosione nel 2012.

In particolare, non ha funzionato – e questa era la grande speranza di molti fisici – la dimostrazione della teoria Supersimmetria esistere. Sarebbe una possibile estensione del precedente Modulo standard Nella fisica delle particelle, è ovvio che la realtà non può essere descritta nella sua interezza. Ha un punto cieco per la gravità e la misteriosa materia oscura.

Leggi anche

Anello di stoccaggio delle particelle di muone g-2 nell'edificio MC-1 / Fermilab

Il circuito di 27 chilometri dell’acceleratore di particelle dell’LHC, e quindi l’energia ottenibile con cui le particelle vengono sparate l’una contro l’altra, potrebbero essere troppo piccole per acquisire nuove conoscenze scientifiche a questo punto.

Poi questo campo di ricerca è morto

La prima fase operativa dell’LHC è stata dal 2010 al 2013 e la seconda dal 2015 al 2018. La sua terza campagna di misurazione triennale inizierà quest’anno. Ad ogni modo, sarà un momento emozionante per i ricercatori e il fisico Juan Collid Von Università di Chicago Insomma: “Se non si trova nulla in questi tre anni, questo settore di ricerca è morto”.

Alla luce delle significative sfide finanziarie che i paesi europei stanno attualmente affrontando, sarà dubbio, anche se ci sarà un altro successo scientifico, se i fondi saranno messi a disposizione per costruire il prossimo e più grande acceleratore di particelle.

Leggi anche

Nel frattempo, ci sono piani ambiziosi in Cina, dove l’obiettivo è costruire il più grande acceleratore di particelle del mondo. Dovrebbe avere una circonferenza di 100 km ed essere in grado di generare una potenza corrispondentemente maggiore. È quindi possibile che una nuova fisica che va oltre il Modello Standard venga scoperta in Estremo Oriente piuttosto che in Europa.

READ  La madre organizza un pernottamento nonostante la varicella di sua figlia, descrivendola come "imperdonabile"