Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Erdogan manda la lira turca a un calo record – Foreign Policy

Recep Tayyip Erdogan, 67 anni, ha un enorme problema finanziario: l’inflazione è dilagante e la valuta nazionale si sta deteriorando da un minimo storico all’altro. Il risultato: la frustrazione degli elettori crebbe e gli investitori fuggirono.

Ma il presidente turco continua a versare benzina sul fuoco!

Giovedì sera: decisione sui tassi di interesse della Banca centrale turca. Per la terza volta consecutiva, ho fatto l’opposto di quello che avrebbe alleviato la situazione, abbassando il key rate – di nuovo!

▶ ︎ Reazione dei mercati valutari: la lira è subito scesa fino al 6% rispetto al dollaro, e per la prima volta sono state pagate più di 11 lire turche (in cima: 11,23) per un dollaro! Pertanto, la valuta ha perso il 30% del suo valore dall’inizio dell’anno. Anche il prezzo di un euro arriva a 12,80 sterline.


Perché con l’aumento dei tassi di interesse, la lira continuerà a vendere. Il nuovo tasso di riferimento del 15 per cento (meno un punto percentuale) suona ancora molto, ma con un’inflazione appena al di sotto del 20 per cento (ottobre), si tratta di una svalutazione assoluta. Quindi il tasso di interesse “reale” (il tasso di interesse reale) è un buon meno cinque percento.

Erdogan arrabbiato per la “piaga degli interessi”

Amareggiato per le tante perdite della folle politica monetaria di Erdogan. Le importazioni sono immediatamente più costose e i consumatori turchi devono guardare come possono acquistare sempre meno con i loro soldi e i risparmiatori come si riducono le loro fortune.

Ma la causa di questa crisi – Erdogan – sta seguendo la sua rotta, come ha spiegato mercoledì. Il presidente turco ha più volte criticato i tassi di interesse, giustificando il suo rifiuto con la sua visione del mondo islamica (e antisemita).

Erdogan è impazzito con le parole: “Solleveremo il flagello dei tassi di interesse dalle spalle del nostro popolo”, ha rimproverato Erdogan alla fazione del suo partito al governo, il Partito per la giustizia e lo sviluppo. “Certamente non lasceremo che i tassi di interesse mettano in ginocchio la nostra gente”, ha detto. “Finché rimarrò in questa posizione, continuerò la mia lotta contro i tassi di interesse fino alla fine”.

Il presidente del Bosforo non vuole accettare il consenso di tutti gli economisti secondo cui l’aumento dei tassi di interesse è il modo per combattere l’inflazione. Al contrario: “L’interesse è la causa, l’inflazione è il risultato”, ha affermato ancora mercoledì, contrariamente a tutte le leggi dell’economia.

“Mi dispiace per i sostenitori degli alti tassi di interesse, ma non posso lavorare con loro”, ha continuato Erdogan. Lo ha già dimostrato più volte in passato: dal 2019 ha già nominato tre volte governatore della Banca centrale, fino a quando non ha trovato qualcuno obbediente a lui.

Erdogan ha anche lamentato la fuga degli investitori, come logica conseguenza della sua politica monetaria. “Che tipo di persone siete?”

READ  Activision Blizzard: nuove accuse contro il CEO Bobby Kotick