Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Erdogan ha ordinato l’espulsione di dieci ambasciatori, compresa la Francia

Il presidente turco ha accusato gli ambasciatori di chiedere il rilascio del nemico Osman Guard. Crede che “devono conoscere e capire la Turchia”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato sabato di aver ordinato l’espulsione di dieci ambasciatori, tra cui Francia, Germania e Stati Uniti, il prima possibile, chiedendo il rilascio del nemico Osman Guard.

“Ho incaricato il nostro ministro degli Esteri di dichiarare questi dieci ambasciatori come non individui il prima possibile”, ha detto il capo di Stato durante una visita nella Turchia centrale.

Recep Tayyip Erdogan ha continuato ad accusare questi diplomatici di “conoscere e comprendere la Turchia” e di “rudezza”. “Se non lo sanno dovranno lasciare il ‘paese’”, ha aggiunto. Una mossa rara nelle relazioni internazionali, dichiarare i diplomatici una “terra di nessuno” apre la strada alla loro espulsione o richiamo dal loro paese d’origine.

Non c’è nessun annuncio ufficiale a questo punto

Secondo fonti diplomatiche tedesche, sabato sera i dieci Paesi coinvolti si sarebbero consultati, anche se non è stato fatto alcun annuncio ufficiale in merito alla mossa.

“Dalla mattina alla sera (i diplomatici) ripetono: guardia, guardia … ma stai parlando della guardia, gli agenti di Soros in Turchia”, ha detto il presidente Erdogan in un incontro pubblico. Confronta costantemente il nemico con il miliardario americano George Soros, che è di origine ungherese.

Osman Kawala, che ha trascorso quattro anni in carcere senza processo, è accusato dal 2013 dal regime del presidente Erdogan di complottare per destabilizzare la Turchia.

In Comunicato stampa diffuso lunedì sera, Canada, Francia, Finlandia, Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Svezia e Stati Uniti hanno chiesto “un accordo equo e rapido”. Quattro anni di carcere senza processo.

READ  Cosa sappiamo del viaggio mortale di Gabby Petito e Brian Laundrie

Il giorno successivo, i loro ambasciatori furono convocati al ministero degli Esteri, dove i funzionari turchi considerarono il loro approccio “inaccettabile”. Il leader turco ha siglato la minaccia di espulsione dopo essere tornato da un tour africano giovedì.

“Niente per giustificare lo sfratto”

Tra i primi paesi a reagire, sabato sera, Svezia, Norvegia, Danimarca e Paesi Bassi e Germania hanno annunciato di non aver ricevuto in questa fase alcuna notifica ufficiale dai rispettivi ambasciatori.

“Il nostro ambasciatore non ha fatto nulla per giustificare l’espulsione”, ha dichiarato Trudeau Masjid, portavoce del ministero degli Esteri norvegese, citando l’agenzia di stampa Ntb, che “continua a sollecitare la Turchia ad aderire agli standard democratici”.

“Attualmente siamo in intensa consultazione con altri nove paesi coinvolti”, ha affermato il ministero degli Esteri tedesco in una nota. Molti parlamentari olandesi hanno risposto sui social media.

“Esatto, l’ambasciatore olandese in Turchia ha chiesto l’attuazione delle sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo su altre questioni. D’ora in poi, 27 paesi dell’UE devono aderire”, ha affermato il deputato laburista. Katie Bree ha twittato.

Nel dicembre 2019, la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha ordinato l’immediato rilascio di Osman Guard, senza alcun risultato.

All’età di 64 anni, questa figura di spicco della società civile parigina, un ricco uomo d’affari e filantropo, è stato arrestato da un tribunale di Istanbul all’inizio di ottobre con la motivazione che “non ci sono nuovi elementi per riportarlo in custodia. Libertà. ” Osman Kawala, che ha sempre negato le accuse contro di lui, riappare il 26 novembre.

Jesse è stato arrestato per la prima volta nel 2013 per aver preso parte a un movimento antigovernativo, accusandolo di complotto e spionaggio quando Recep Tayyip Erdogan era primo ministro.

READ  Le tensioni con la Cina su Taiwan sono aumentate

“Un processo equo non è più possibile”

In una recente intervista, Osman Guardia ha affermato che consente al regime di Erdogan di giustificare le sue “teorie del complotto”.

“Supponendo che un processo equo non sia più possibile in queste circostanze, penso che non abbia senso partecipare alle prossime udienze”, ha annunciato venerdì attraverso i suoi avvocati.

Il Consiglio d’Europa ha recentemente minacciato la Turchia di sanzioni, che può accettare se il suo avversario non viene rilasciato nella prossima sessione (30 novembre-2 dicembre). Il leader dell’opposizione Kemel Glidaroklu ha affermato che la minaccia di espellere immediatamente gli ambasciatori ha rischiato di “spingere il Paese nell’abisso”.