Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Emigrato dall’Italia – Come gli italiani si sono uniti a Lies – Notizie

Contenuti

In passato, molti lavoratori sono emigrati dalla città italiana di Monopoli a Lyss BE. L’integrazione è andata a buon fine.

Era il gennaio 1963. Paulo Larissa salì sul treno a Monopoli – era “Nel tacco dello stivale” in Italia. Esce di nuovo diverse ore dopo. Ora Bernice è nel villaggio di Liz a Sealand. È rimasto scioccato: “Il termometro ha mostrato meno 27 gradi. Da sudista non sono abituato a queste temperature! «È rimasto lo stesso e, soprattutto, nel suo appartamento faceva caldo, racconta.

Mito:

Pavlo Larissa ha ora 79 anni. Dal 1963 vive a Lis, in provincia di Berna.

SRF

Larissa era una delle tante che emigrarono da Monopoli nella tranquilla Liz. All’inizio degli anni ’60, alcune fabbriche della Zelanda cercavano lavoratori in Italia. Quindi il lavoro in Svizzera è stato positivo per Paulo Larissa: “Volevo vedere e sperimentare qualcosa di diverso da quello che conoscevo dal Monopoli. Mio fratello e sua moglie erano già a Lies in quel momento e mi hanno aiutato a fare lo stesso.

A metà degli anni ’70, una persona su sei a Liz era radicata nella città adriatica. Ma questi italiani non sono stati accolti ovunque: ad esempio, in una partita di calcio tra Italia e Svizzera – vinta dall’Italia – i tifosi italiani in un ristorante sono stati insultati ed espulsi.

Anche l’umore politico del paese era difficile in quel momento. L’iniziativa Schwarzenbach mira a garantire che non più del dieci per cento della popolazione totale sia costituita da stranieri. Il piano alla fine fallì alle urne, ma il 46 per cento della popolazione lo votò.

L’integrazione è necessaria, ma come?

“Sentivo di dover cercare di integrarmi. Ad esempio, ho frequentato corsi serali di tedesco per parlare con la gente”, spiega oggi a Berna Paulo Larissa in tedesco. Ma questo da solo non bastava. A quel tempo Lies convocò il sindaco. La sua proposta: Bugie e Monopoli dovrebbero diventare città fraterne. Dovrebbero unire le forze, sviluppare relazioni tra loro e conoscersi. Il comune di Liz ha accettato. Dopo questo è stato convocato il sindaco unanime e ha anche detto sì.

Nel 1983, i politici coinvolti hanno firmato la dichiarazione. Il tutto è stato trasmesso in diretta in TV e c’era molto interesse per la sorella.

Mito:

Monopoli, 1983: i rispettivi dirigenti comunali firmano un accordo.

ZVG / Comune di Lyss

Il sindaco di oggi Andreas Heck afferma: “Da allora le cose sono migliorate. “Da allora gli italiani sono stati accettati da noi e ne hanno fatto parte”. La collaborazione tra i comuni si è manifestata nel fatto che si sono visitati. E negli anni successivi molte classi scolastiche si trasferirono dalla Svizzera in Italia per vedere la città via mare.

Partnership nei film

E oggi?

Paulo Larissa ha 79 anni. “Non più giovane”, come dice lui stesso. Era la prima generazione di italiani in Svizzera. Dice che la seconda generazione è molto meno interessata alla patria e alla fratellanza.

“Dobbiamo continuare a coltivare relazioni”, afferma Andreas Heck. Entro la fine dell’anno si dimetterà dalla carica di sindaco. Tuttavia, il suo successore si prenderà sicuramente cura dei gemelli della città. Tuttavia, oggi è meno importante che mai. “Gli italiani sono stati i primi stranieri con noi. Hanno aperto la strada ad altri gruppi dopo di loro – dai Balcani, dalla Spagna, dallo Sri Lanka. Oggi ci occupiamo di più di questo argomento.

READ  Il presidente Sebastian Kurz ha annunciato le sue dimissioni a seguito di accuse di corruzione