Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo l’udienza: chiede le dimissioni dei presidenti delle università americane

Dopo l’udienza: chiede le dimissioni dei presidenti delle università americane

Al: 8 dicembre 2023 alle 14:14

I presidenti di tre prestigiose università americane sono stati invitati a partecipare ad un’audizione del Congresso americano sul tema dell’antisemitismo. Ma le sue risposte sono scandalose per molti: studiosi e politici chiedono le sue dimissioni.

Dal 7 ottobre si sono verificati diversi episodi di antisemitismo nei campus americani. Il Congresso degli Stati Uniti ha quindi invitato mercoledì i presidenti delle tre famose università d’élite di Harvard, del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e dell’Università della Pennsylvania (UPenn) ad un’audizione presso la commissione per l’istruzione. Presumibilmente si trattava di episodi di antisemitismo e islamofobia avvenuti nelle loro istituzioni, cosa che tutti e tre hanno ammesso.

Un appello al genocidio Domanda di contesto?

Ma le sue dichiarazioni in risposta ad una domanda della repubblicana Elise Stefanik hanno suscitato scalpore tra il pubblico americano. “Invocare il genocidio contro gli ebrei viola il codice di condotta della tua università?” Voleva sapere chi erano quelle donne.

“Può darsi che sia così, ma dipende dal contesto”, ha affermato Claudine Guy, rettore dell’Università di Harvard. Anche i suoi colleghi della Penn State, Liz Magill, e della bostoniana Sally Kornbluth, hanno risposto in termini simili. Interrogati ripetutamente, i tre hanno fatto affermazioni simili e, agli occhi di molti osservatori, hanno evitato la risposta semplice e ovvia.

I presidenti delle università fanno affidamento sulla libertà di espressione

Jay ha sottolineato, ad esempio, che dipende dal fatto che sia diretto contro un individuo. “Questo tipo di dichiarazioni piene di odio, sconsiderate e offensive sono personalmente abominevoli per me”, ha detto anche Jay in altre parti dell’udienza. Ma si è vincolati dalla libertà di espressione. Richiedere lo sterminio di tutti gli ebrei come forma di libertà di espressione sembra essere andato troppo oltre per molti, anche nei tolleranti Stati Uniti.

Anche la risposta di Magill è sembrata strana a molti, poiché ha affermato che invocare il genocidio contro gli ebrei potrebbe costituire una molestia (molestie) e viola così le regole dell’università “quando le parole diventano fatti”. Con evidente orrore, Stefanik ha chiesto: “Recitare significa davvero compiere un genocidio?”

Quando le tre donne non riuscirono a dare una semplice risposta sì o no nonostante le domande, la repubblicana – anche lei laureata ad Harvard – esplose: “Dovresti dimetterti!” Stefanik dice che la risposta alla domanda se invocare il genocidio contro gli ebrei costituisca una violazione delle regole universitarie dovrebbe essere sì. “Il feedback di tutte le persone coinvolte è inaccettabile.”

Reazioni scioccanti da parte di Scienziati E politici

L’udienza di martedì ha suscitato grande entusiasmo negli Stati Uniti e ha suscitato numerose reazioni da parte di politici, studiosi e altri osservatori. Ad esempio, il marito della vicepresidente Kamala Harris, Doug Emhoff, è intervenuto dicendo: “Rifiutarsi di caratterizzare le minacce di genocidio contro gli ebrei come antisemite è inaccettabile ed è una mancanza di chiarezza morale”.

Lawrence Tribe, professore emerito di diritto alla Harvard Law School, ha affermato di non essere in alcun modo un sostenitore del repubblicano Stefanik, che ha una storia di diffusione di ideologie cospirative come The Great Exchange. Ma: “Le risposte esitanti e stereotipate di Claudine Guy e le strane evasioni sono state molto fastidiose per me e per molti dei miei colleghi, studenti e amici.”

La Casa Bianca con un comunicato

Anche la Casa Bianca si è sentita obbligata a commentare. Il portavoce del governo Andrew Bates ha dichiarato: “È inconcepibile affermare questo: gli appelli al genocidio sono oltraggiosi e vanno contro tutto ciò che rappresentiamo come Paese”.

Il miliardario e principale donatore dell’Università di Harvard Bill Ackman ha chiesto le dimissioni del presidente dell’Università Jay. Altri ex studenti e donatori hanno annunciato che ridurranno significativamente le loro donazioni all’università, riferisce Business Insider.

L’udienza ha già avuto conseguenze finanziarie tangibili per UPenn. Ross Stevens, fondatore e amministratore delegato di Stone Ridge Asset Management, ha ritirato la sua donazione di quasi 100 milioni di dollari all’Università della Pennsylvania. La BBC cita un’e-mail di un laureato dell’Università della Pennsylvania: “Ho chiare ragioni per cedere i 100 milioni di dollari di Penn in azioni Stone Ridge a causa della condotta del presidente Magill”. Ha anche chiesto le sue dimissioni.

Magill è sotto pressione

Magill è particolarmente criticato. Ci sono state proteste rabbiose da parte degli studenti della sua università che hanno chiesto anche all’avvocato di dimettersi. Anche il governatore dello stato, Josh Shapiro, un democratico di sinistra, è rimasto costernato dalla mancanza di una chiara presa di distanza. “Non dovrebbe essere così difficile e non dovrebbero esserci sfumature”, ha detto il governatore. “Una parola sarebbe stata sufficiente.”

Magill ha poi provato a giustificarsi in un videomessaggio. In questa situazione, si è concentrata molto sulla posizione di lunga data della sua università secondo cui la libertà di espressione non dovrebbe essere punita. Questo è quanto afferma la Costituzione. Ma ha dovuto limitare la sua risposta a una chiara condanna degli appelli alla violenza.

Tuttavia, potrebbe essere troppo tardi: il consiglio della Wharton Business School della UPenn le ha chiesto formalmente di dimettersi dalla sua posizione.

Con informazioni di Sebastian Hesse, ARD Studio Washington.

Sebastian Hesse, ARD Washington, Tagesschau, 8 dicembre 2023 12:23