Febbraio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo l'attacco missilistico: il Pakistan ritira il suo ambasciatore dall'Iran

Dopo l'attacco missilistico: il Pakistan ritira il suo ambasciatore dall'Iran

Al: 17 gennaio 2024 alle 15:35

Le relazioni bilaterali tra Pakistan e Iran sono state temporaneamente sospese a seguito dell'attacco aereo iraniano. Il Pakistan ritira il suo ambasciatore mentre Teheran difende l'attacco al gruppo estremista.

Il Pakistan ha ritirato il suo ambasciatore da Teheran dopo un attacco missilistico iraniano contro gli estremisti sul suo territorio. Il ministero degli Esteri di Islamabad in un comunicato ha definito l'attacco inaccettabile. “Il Pakistan si riserva il diritto di rispondere a questo atto illegale”. Teheran è stata informata che avrebbe ritirato il suo ambasciatore.

Il ministero degli Esteri pakistano ha inoltre annunciato che all'ambasciatore iraniano non sarà permesso di tornare in Pakistan fino a nuovo avviso. L'ambasciatore iraniano Reza Amira Moghaddam era già nel suo paese al momento dell'annuncio. Pertanto, le relazioni bilaterali tra Pakistan e Iran sono sospese. È stato inoltre deciso di sospendere tutte le visite ad alto livello in corso o programmate.

Iran e Pakistan si sono appena incontrati a Davos

Le relazioni tra i due paesi sono appena migliorate. Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian e il primo ministro ad interim pakistano Anwar Haq Kakar si sono incontrati recentemente al World Economic Forum di Davos. Anche i paesi vicini hanno condotto esercitazioni navali congiunte.

Il motivo delle tensioni diplomatiche è stato l'attacco lanciato dall'Iran contro obiettivi in ​​Pakistan. Un rapporto dei media statali iraniani, poi ritirato senza spiegazioni, affermava che l’attacco dell’IRGC era collegato al gruppo estremista sunnita Jaish al-Adl. Chi combatte per l'indipendenza del Belucistan ed è attivo in Afghanistan, Pakistan e Iran. Secondo quanto riferito dal Pakistan, nell'attacco iraniano sono rimasti uccisi due bambini.

Il gruppo jihadista sunnita Army of Justice afferma di aver effettuato diversi attacchi in Iran negli ultimi anni. Il gruppo è classificato come organizzazione terroristica in Iran e negli Stati Uniti.

L'Iran difende gli attacchi

Un alto funzionario della sicurezza pakistana ha detto all'agenzia di stampa Associated Press che l'Iran non aveva informato le autorità pakistane prima dell'attacco. Tuttavia, il Pakistan stesso si riserva il diritto di determinare il momento e il luogo della reazione.

Il ministro degli Esteri iraniano ha difeso gli attacchi notturni di missili e droni contro gli estremisti in Pakistan. “Rispettiamo la sovranità e l’integrità territoriale del Pakistan”, ha detto il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir Abdollahian al World Economic Forum di Davos il giorno dopo l’attacco. “Ma non permetteremo loro di manomettere la sicurezza nazionale del nostro Paese”, ha detto il ministro, aggiungendo: “Nessuno dei nostri vicini, amici e fratelli in Pakistan è stato preso di mira da droni e missili”.

Prima dell'attacco al territorio pakistano, la Guardia rivoluzionaria iraniana aveva già attaccato obiettivi nei vicini Iraq e Siria con missili. Questi attacchi arrivano in risposta ai precedenti attacchi in Iran.