Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo l'arresto dell'attivista: Maduro chiude l'ufficio delle Nazioni Unite a Caracas

Dopo l'arresto dell'attivista: Maduro chiude l'ufficio delle Nazioni Unite a Caracas

Dopo che l'attivista è stato arrestato
Maduro chiude l'ufficio delle Nazioni Unite a Caracas

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Il Ministero degli Esteri venezuelano ha deciso di chiudere l’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani nella capitale e ha concesso a tutti i dipendenti tre giorni per lasciare il Paese. Poco prima, il più importante attivista per i diritti umani del paese era stato arrestato.

Il governo venezuelano ha chiuso l’ufficio locale dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ed espulso il suo personale dal Paese. Il Ministero degli Esteri venezuelano ha affermato che i dipendenti devono lasciare il Venezuela entro 72 ore. I dipendenti sono di parte e prenderanno unilateralmente una posizione di opposizione. “Lungi dall'essere un organismo neutrale, questa istituzione è diventata un ufficio privato per i golpisti e i gruppi terroristici che complottano costantemente contro il paese”, ha detto il ministro degli Esteri Ivan Gille.

Questa mossa fa seguito a un rapporto pubblicato due giorni fa in cui l’ufficio ha espresso “profonda preoccupazione” per la detenzione della nota attivista per i diritti umani Rocío San Miguel e ha chiesto il suo rilascio immediato. È accusato, tra le altre cose, di tradimento e terrorismo. Si dice che sia coinvolta in un presunto complotto per pianificare un attentato al presidente Nicolas Maduro.

Repressione dei membri dell'opposizione prima delle elezioni

Il famoso attivista San Miguel è stato arrestato all'aeroporto.Il famoso attivista San Miguel è stato arrestato all'aeroporto.

Il famoso attivista San Miguel è stato arrestato all'aeroporto.

(Foto: AP)

San Miguel è presidente di Control Ciudadano, una ONG che documenta le violazioni dei diritti umani da parte della polizia, dell'esercito e dei servizi segreti. Tra le altre cose, ha rivelato il coinvolgimento dei militari nell'attività mineraria illegale e nell'uccisione di donne nell'esercito.

L'intera famiglia San Miguel viene arrestata

Recentemente, la repressione contro gli oppositori del governo in Venezuela è nuovamente aumentata. In vista delle elezioni presidenziali di quest'anno, che il presidente Maduro vuole confermare in carica, diverse figure di spicco dell'opposizione sono state bandite dall'attività politica. Non è stato immediatamente chiaro se il governo venezuelano abbia informato direttamente le Nazioni Unite dell’ordine di chiudere l’ufficio.

L'attivista per i diritti umani San Miguel è stata arrestata venerdì all'aeroporto vicino a Caracas mentre lei e sua figlia aspettavano un volo per Miami. Le autorità non hanno confermato il suo arresto fino a domenica e da mercoledì il suo avvocato non aveva più potuto incontrarla.

Il procuratore generale Tarek William Saab ha dichiarato all'inizio di questa settimana che l'avvocato è detenuto nella prigione Helicoid, una nota prigione per prigionieri politici. Dopo il suo arresto sono stati arrestati anche la figlia di San Miguel, il suo ex marito, i suoi due fratelli e il suo ex compagno. Tra loro, solo il loro ex compagno rimane in detenzione.