Maggio 18, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Domanda sulla consegna delle armi: Kubicki protegge Scholz dalle critiche

Domanda sulla consegna delle armi
Kubicki difende Scholz dalle critiche

Il cancelliere Schultz ha finora rifiutato di consegnare equipaggiamento militare pesante all’Ucraina. Tuttavia, i membri del Partito dei Verdi e dei liberali sostengono la spedizione di armi pesanti. Il deputato dell’FDP Kubicki non è d’accordo con lui: difende Scholz dagli attacchi dei compagni di partito.

Il vicepresidente dell’FDP Wolfgang Kubiki ha difeso il cancelliere Olaf Scholz dagli attacchi a causa della sua posizione sulle consegne di armi all’Ucraina. “Penso che l’aggressione di Olaf Schulz abbia ora raggiunto un livello inaccettabile”, ha affermato il liberale al vertice di Ludwig Erhard a Gmund am Tegernsee.

La Germania sta attualmente facendo quello che può permettersi. “Quello che possiamo fare è: possiamo donare i soldi. E possiamo revocare tutte le restrizioni che abbiamo ancora sulle spedizioni di armi in Ucraina da parte dell’industria della difesa”. La Bundeswehr non poteva offrire “di più, niente di fondamentale”.

Così il vicepresidente del Bundestag ha contraddetto la sua fidanzata di partito, Marie-Agnes Struck Zimmermann. La presidente del Comitato di difesa del Bundestag sta spingendo per la consegna immediata di armi pesanti anche dalla Germania. Invece, Kubicki, che viene dallo Schleswig-Holstein, ha difeso umoristicamente lo stile di comunicazione di Schulz, che è stato spesso criticato come vago: “Comunica in modo diverso da come immaginano le persone della Baviera e della Renania settentrionale-Vestfalia. È di Amburgo, Anseatica, Germania settentrionale – Siamo un po’ pigri riguardo alle lingue, come risultato comunque.”

Schulz è ancora sul ring in scambio con la Slovacchia

Schulz vuole continuare a rifornire di armi l’Ucraina, ma rimane cauto quando si tratta di equipaggiamenti pesanti come i carri armati. In un’intervista a “Spiegel” ha sottolineato che la NATO e la Germania non dovrebbero diventare belligeranti nel conflitto con la Russia – e ha avvertito del pericolo di una guerra nucleare. L’Unione ha fatto pressioni per un voto del Bundestag sulla consegna di armi pesanti all’Ucraina.

“Le attrezzature militari dovrebbero essere utilizzabili senza un lungo addestramento, senza ulteriore logistica e senza soldati dei nostri paesi”, ha affermato Schultz nell’intervista sulle spedizioni in Ucraina. “Il modo più veloce per farlo è usare le armi degli ex ceppi sovietici, che gli ucraini conoscono molto bene”.

Non è quindi “una coincidenza che molti partner della NATO nell’Europa orientale ora forniscano tali armi e nessun alleato abbia consegnato carri armati occidentali”, ha affermato Schultz. “Possiamo colmare gradualmente le lacune causate da queste consegne con partner con alternative dalla Germania, come abbiamo appena discusso nel caso della Slovenia”.

Secondo le informazioni ricevute giovedì dai dipartimenti governativi, la Germania prevede di scambiare un anello di carri armati con il Paese: l’alleato della NATO dovrebbe consegnare a Kiev il carro armato principale T-72, ancora sviluppato in URSS. In cambio, la Slovenia riceverà dalla Germania il blindato Marder e il blindato Fuchs.

READ  Dalle rovine nucleari di Chernobyl: i russi avrebbero rubato materiali radioattivi