Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diritto del Lavoro: Tribunale Italiano Rogue: Se sei caduto in albergo, hai avuto un infortunio sul lavoro?

Le pause caffè in Italia seguono le proprie regole. Si svolgono come rituali sulla barra della fede. Diventerà quasi sicuramente una sorta di ramo funzionale. Ma solo quasi.

La pausa caffè fa parte di ogni vero lavoro; A volte questo sembra essere il significato più profondo di ogni occupazione. A seconda del datore di lavoro e del lavoro, può essere esteso o abbreviato. Alcune riserve possono sembrare anche una pausa caffè, e di fronte a ciò non si sa chi è la colpa del suo comportamento. Lavoratori, obiettori di coscienza o coloro che sentono solo l’odore dell’espresso.

Se li si osserva con più attenzione, si può notare che la pausa caffè segue rigorosamente i rituali eseguiti. Questi possono manifestarsi solo quando il resto viene gettato nella macchina del caffè o viene selezionata la persona con cui parlare. Le pause caffè richiedono il proprio universo e la propria scienza per dedicarsi a loro.

La donna si è lamentata sul lavoro di essere stata ferita dopo essere caduta in un bar

Si dice che il mondo beva 2,6 miliardi di tazze di caffè ogni giorno, in forme diverse come lo conosciamo. In Italia, Dove la cultura del caffè plasma la quotidianità, l’espresso si chiama “caffè” e a volte costa meno di un euro al bar. La pausa caffè non è possibile qui nella macchinetta o nella cucina del caffè con filtro Melita, ma al bar, come si vedono gli italiani, è una specie di cucina del caffè istituzionalizzata nei luoghi pubblici.

Questo modo di pensare ha delle conseguenze. Nel 2010, Rosanna, una donna fiorentina di Firenze, è caduta dal lavoro e si è rotta il polso mentre andava a una pausa caffè in un bar vicino. Poiché la pausa caffè è una regola inevitabile della natura, la tua tesi secondo cui il bar è una sorta di succursale del tuo posto di lavoro è stata seguita da entrambi i tribunali in primo e secondo grado. Risultato: il governo italiano ha risarcito la donna sotto forma di assicurazione legale contro gli infortuni.

READ  Ericsson non può più giocare in Italia

La Suprema Corte di Roma ha avuto una visione diversa del diritto

Ma ora, a quasi dodici anni di distanza, il caso è arrivato alla Corte Suprema di Roma. E ha deciso in modo nordico-razionale che una pausa caffè è una pausa caffè, un bar è un bar, non un luogo di lavoro. Secondo i più alti giudici, godersi il caffè sul posto di lavoro “non è un diritto naturale” e si estende dall’ufficio al bar e al percorso per arrivarci. Conclusione: Rosanna non percepisce più alcun indennizzo e dovrà pagare 00 5300 di spese processuali. Da Firenze si apprende che l’italiano è un po’ indignato per questa sentenza, ma in futuro non vuole andare al bar durante le pause caffè.

Leggi anche tu