Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diagnosi di coronavirus: i casi dovrebbero essere dimezzati in una settimana

Secondo le previsioni, il tasso di infezione a 7 giorni dovrebbe scendere da circa 1.260 agli attuali 740 entro mercoledì della prossima settimana – con un potenziale range di variabilità compreso tra 590 e 980. Secondo una stima, ciò corrisponde a circa 9.500 nuovi contagi al giorno – con un intervallo di variabilità da 7, 622 a 12.547.

Sebbene lo sviluppo di nuove infezioni sia ancora in calo in tutte le fasce di età, il picco nelle popolazioni più anziane si è verificato con un ritardo di circa 2 settimane rispetto al resto della popolazione.

Declino più lento del numero degli ospedali

Questo è anche un motivo del lento calo dei tassi di occupazione degli ospedali. Mercoledì, 226 pazienti affetti da coronavirus sono stati segnalati in unità di terapia intensiva e 2.873 in reparti regolari. Per la prossima settimana, le stime vanno da 161 a 209 pazienti con coronavirus con una stima puntuale di 183. – Casi di coronavirus minacciati che necessitano di cure ospedaliere. La stima puntuale è 2.106.

Entro due settimane dopo Pasqua, mercoledì 20 aprile, secondo le previsioni, dovrebbero esserci da 109 a 165 pazienti in terapia intensiva, con una stima puntuale di 134, e da 1.124 a 1.794 in reparti regolari. La stima puntuale qui è 1420.

Mercoledì con il numero più basso di nuovi contagi da metà gennaio

È stato inoltre osservato che il calo dei test non ha comportato un aumento significativo del tasso di positività in nessuno stato federale, quindi si può escludere che il calo dei test sia la causa dell’attuale calo dei casi segnalati. Il tasso più basso è previsto in Tirolo (360-590) e il più alto a Vienna (770-1300). Tutte le previsioni sono state fatte sulla base dei dati al 5 aprile.

READ  Dovresti conoscere sette segnali di pericolo

I 21.076 nuovi contagi in Austria segnalati mercoledì dai ministeri responsabili rappresentano il numero più basso in questo giorno della settimana dal 12 gennaio (17.006). Tuttavia, anche il numero di test è diminuito drasticamente: nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 361.092 test PCR rapidi e antigeni, rispetto agli 810.313 della scorsa settimana.

EMA: Al momento non è necessaria una quarta vaccinazione contro il CoV

L’Agenzia dell’Unione Europea per i Medicinali (EMA) non considera attualmente una quarta vaccinazione contro il coronavirus necessaria per tutti. L’EMA ha annunciato mercoledì ad Amsterdam in collaborazione con l’Autorità sanitaria dell’Unione europea (ECDC) che è troppo presto per formulare una raccomandazione generale. Tuttavia, una quarta dose può avere senso per le persone di età pari o superiore a 80 anni, dato il rischio più elevato di grave malattia da coronavirus in questa fascia di età.

“Per gli adulti di età pari o superiore a 60 anni con un sistema immunitario normale, al momento non ci sono prove conclusive che la protezione contro la vaccinazione contro malattie gravi stia diminuendo e che la quarta dose abbia un valore aggiunto”, hanno affermato le autorità. Ma non ci sono nemmeno problemi di sicurezza per la seconda vaccinazione di richiamo.