Dicembre 8, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DFB: Joachim Löw annuncia il suo ritorno in panchina

Gli ex giocatori salutano Joachim Loew.

Joachim Loew (R) saluta Benedict Howedes, Lukas Podolsky, Oliver Bierhoff, Per Mertesacker e Sami Khedira l’11 novembre 2021.

L’ex allenatore della nazionale Joachim Loew è stato salutato in vista della gara di qualificazione ai Mondiali contro il Liechtenstein. Ha annunciato che tornerà presto come allenatore.

Wolfsburg. Si era ritirato molto dopo la fine anticipata dell’Europeo. Ma giovedì (11 novembre 2021) ha ufficialmente salutato il 61enne Joachim Loew, 135 giorni dopo la sua ultima partita come allenatore della nazionale.

“Non è stato sempre così facile. Dopo così tanti anni e un viaggio così lungo, ovviamente ho dovuto fare un po’ di distanza. Ho anche dovuto affrontare molto. L’ultimo torneo è stato un po’ deludente per tutti noi”, Loew ammesso. “Ma ora ho la sensazione di stare bene e non vedo l’ora di giocare a calcio”, ha detto via RTL. Alla domanda su un ritorno da allenatore, Low ha detto: “È assolutamente possibile. Ho sempre detto che mi prenderò una piccola pausa. Ma gradualmente la voglia e la spinta stanno tornando”.

L’ambientazione era decisamente un po’ squallida. Non a Monaco, né a Berlino, ma a Wolfsburg, c’è stato l’applauso finale per l’allenatore che ha portato la Germania al Mondiale 2014, ma è stato anche responsabile delle delusioni del torneo nel 2018 e 2021. Giocatori, allenatori, supervisori e altri compagni 17 anni fa erano in La squadra DFB è in classe.

L'ex allenatore della nazionale Yogi Loew (al centro) ringrazia i giocatori dopo aver ricevuto un certificato.

Joachim Loew ringrazia i suoi ex giocatori l’11 novembre 2021.

Un enorme striscione recita: “Herberger, Schön, Beckenbauer – Löw con il più alto livello di disciplina per diventare l’allenatore campione del mondo. Diciamo…” e le parole “Grazie, Jogi” sono state stampate sugli striscioni di cartone. Alcuni richiami “Jogi, Jogi” sono echeggiati dagli spalti quando l’ex allenatore in giacca grigia è entrato in campo. Il 61enne sembrava visibilmente colpito. “La mia storia. Umano. Campione del mondo. Grazie di tutto, Jogi”, ha detto la testimonianza ricevuta dall’ex allenatore della nazionale dal presidente ad interim della Federcalcio tedesca, Peter Peters. Tutto sommato, era molto breve e spartano.

Celebrati Lukas Podolsky, Per Mertesacker, Sami Khedira, Miroslav Klose e Mario Gomez Plouffe

Giocatori precedenti come Lukas Podolski, Per Mertesacker, Sami Khedira, Miroslav Klose o Mario Gomez sono venuti in Bassa Sassonia in questa fredda sera di novembre per ringraziarli del tempo trascorso insieme. Anche Mats Hummels, che Low ha organizzato nel 2018, ha applaudito. Dopotutto, le tribune sembravano abbastanza piene. Il numero massimo di visitatori consentito era di 26.000 spettatori. La Federazione tedesca ha anche regalato ad ogni tifoso la maglia della nazionale.

Hansi Flick e Joachim Loew mentre si recano all'intervista.

L’allenatore della nazionale Hansi Flick è andato a un’intervista televisiva con il suo predecessore Joachim Loew prima della partita internazionale dell’11 novembre 2021.

DFB- Manager Oliver Bierhoff, 53 anni, si era già difeso dall’accusa che il momento migliore per salutare Löw, i suoi assistenti Andreas Köpke, Thomas Schneider e gli altri supervisori, si fossero addormentati. Non volevano sovrapporre un riavvio di Flick e dare a Löw la distanza che voleva. “Siamo felici di salutarlo alla fine dell’anno”, ha detto Bierhoff.

Il successore di Löw Hansi Flick (56) ha elogiato ancora una volta il suo predecessore con le note più alte. “E’ il miglior allenatore della nazionale che abbiamo”, ha detto. Loew aveva “dato al calcio tedesco un’idea che negli anni ha riscosso molti consensi in tutto il mondo. Era l’ingegnere”.

Ha anche personalmente tratto grandi benefici dal suo ex capo. “La mia vita sarebbe stata diversa se non mi avesse chiamato allora. È stato un cosiddetto punto di svolta e gli sono molto grato”, ha detto Flick, che è stato l’assistente di Loew nella vittoria della Coppa del Mondo in Brasile. “Ha sempre avuto grande fiducia nella sua squadra. Mi ha sempre dato anche la mia libertà. Con tutta la pressione che aveva, era sempre il sovrano”.

Una settimana fa, l’allenatore del record nazionale Löw (198 partite, 124 vittorie) ha ricevuto un caloroso saluto a pranzo con il presidente federale. Frank-Walter Steinmeier, 65 anni, ha affermato che il 61enne era un “innovatore e visionario” che aveva fatto “cose ​​storiche per il calcio tedesco” e “contribuito alla coesione della nostra società e alla reputazione del nostro Paese nel mondo”.

READ  Diego Armando Maradona - Il dottore dice "Era sepolto senza cuore" - Calcio