Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crollo della gondola durato un anno in Italia: al via le indagini

Una giovane coppia in piedi davanti a una barricata sul Lago Maggiore nel nord Italia. Sopra l’accesso è in maiuscolo in italiano: Funivia Stresa-Motoron.

“E’ chiuso?” Entrambi si chiedono l’un l’altro. A un anno dall’incidente in gondola che ha ucciso 14 persone sulla sponda occidentale del lago, l’impianto che porta da Stressa a Monte Motoron è ancora confiscato a causa di un’indagine sull’incidente di Wit Sunday.

L’incidente è avvenuto a mezzogiorno del 23 maggio 2021: c’erano 15 persone nella terza cabina che stava per entrare nella stazione a monte. Improvvisamente il cavo si tira e la cabinovia si precipita a valle. Le immagini di una telecamera di sorveglianza mostrano come la cabina accanto alla funivia salti dall’ancora nel supporto. Si schianta contro un ripido pendio tra gli alberi.

Il resoconto è atteso per fine giugno

I prigionieri non potevano scappare. Il piccolo Aidan, un israeliano, è stato l’unico sopravvissuto con ferite gravi, i suoi genitori, fratello, nonni e altri passeggeri no. Gli incidenti sarebbero stati evitati se fosse stato montato un secondo cavo sui freni di emergenza previsti in tali casi. Tuttavia, questi sono stati bloccati da un dispositivo a forcella poiché si diceva che in precedenza avessero causato interruzioni del funzionamento.

Secondo l’avvocato Olympia Bossey, la magistratura sta indagando su dodici persone. Il decadimento era in declino da diversi mesi: è stato rimosso solo a novembre. La relazione degli esperti è attesa per il 30 giugno. Secondo Bossi è chiaro come comportarsi. Lo ha riferito il 16 maggio il “Corriere della Sera”, citando un informatore che sospettava che il cavo strappato potesse essersi arrugginito dall’interno.

READ  Austria, Svizzera e Italia allentano le regole della corona: cosa si applica a una vacanza sulla neve

“Comunque non sapremo mai la causa dell’incidente”, dice un anziano in un hotel della stazione ferroviaria di Stressa. “Siamo in Italia ora”, ha detto con un’alzata di spalle. Ora un altro processo durerà dieci anni e alla fine tutti saranno rilasciati, sospetta il suo vicino di tavolo.

“La tragedia della funivia è stata un grande shock per i cittadini”, ha detto il sindaco di Stressa Marcella Severino. Alberghi e ristoranti sulla collina si lamentano del fatto che nessuno dei turisti può portare la gondola al piano di sopra. Un barista che beve il caffè da un filtro della porta nel bar vicino alla funivia racconta la stessa storia. Gli ospiti devono ritirare l’auto per salire al piano di sopra.

La polizia combatte per il ragazzo sopravvissuto

Dopo il disastro, il piccolo Aidan venne a vivere con la zia paterna che viveva a Pavia in Lombardia. Scoppia la disputa con i parenti in Israele per il bambino. È culminato con il nonno materno che ha portato il bambino in visita concordata l’11 settembre, ma poi è volato in Israele attraverso la Svizzera con un complice.

Lì le parti hanno discusso in tutte le occasioni. La famiglia del nonno di Aidan aveva un basso profilo nei media dopo che la Corte Suprema di Gerusalemme aveva stabilito a novembre che il ragazzo doveva essere portato in Italia. In Israele, le cose si sono calmate nel caso Eaton negli ultimi mesi. A gennaio, la televisione israeliana ha riferito degli sforzi dei pubblici ministeri per impedire l’espulsione del nonno dall’Italia.

Secondo i media, Eaton è nato in Israele, ma si è trasferito in Italia con i genitori poco dopo la nascita. Sua zia, Aya Fran-Nirko, ha detto che la casa del ragazzo era Bavia, che avrebbe dovuto iniziare la scuola a settembre. Il tribunale di Gerusalemme ha anche rilevato: “Non c’è dubbio che il fulcro della vita del ragazzo fosse in Italia prima che fosse rapito in Israele”.

READ  Disputa nel campo degli ortaggi - L'agricoltore uccide il fratello e la sua famiglia

Davanti al Tribunale per i minorenni

Ma la cosa non è ancora finita. In Italia continua la lotta per l’affidamento in un tribunale per i minorenni che ha nominato una terza persona a guardia di Aidan.

Tuttavia, non è chiaro cosa stia succedendo dalla funivia. Come spiega il sindaco Marcella Severino, politici ed esperti si sono incontrati all’inizio di maggio. È necessario un sistema sicuro e “innovativo” nel breve termine. Severino ha parlato a sostegno della possibilità di affidare il progetto a un architetto famoso.

© dpa-infocom, dpa: 220522-99-385248 / 4