Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crollo della criptovaluta: gli investitori istituzionali svolgono questo ruolo nel crollo di Bitcoin and Co. | newsletter

Gli investitori istituzionali sono sempre più attivi nel settore delle criptovalute dal 2021
I migliori investitori alimentano la correlazione tra azioni e criptovalute
Indicazioni di istituti che vendono posizioni in Bitcoin e Co

Le criptovalute sono diventate sempre più popolari negli ultimi anni e, soprattutto nell’ultimo anno, hanno anche attratto denaro da investitori istituzionali. Ad esempio, il flusso di investimenti in Bitcoin è aumentato grazie a Il crescente interesse da parte degli investitori istituzionali dall’inizio del 2021 è più forte che mai. Ma non solo le case monetarie tradizionali come JPMorgan o Morgan Stanley stanno iniziando a includere le criptovalute nella loro offerta. E anche il produttore di auto elettriche Tesla si è occupato lo scorso anno Ha suscitato molto scalpore con un grande investimento in Bitcoin. Come risultato della maggiore accettazione, Bitcoin è salito a un massimo storico di circa $ 69.000 nel novembre 2021. Secondo Coindesk, la capitalizzazione di mercato dell’intero settore delle criptovalute è cresciuta del 185% lo scorso anno a circa $ 3 trilioni. Nel frattempo, il vento è cambiato: secondo CoinMarketCap, la capitalizzazione di mercato di tutte le criptovalute è attualmente solo di circa 1.277 trilioni di dollari e il prezzo di Bitcoin è di circa 29.900 dollari (al 22 maggio 2022). Gli investitori istituzionali, che una volta hanno aiutato la criptovaluta a raggiungere nuovi livelli, sono probabilmente i responsabili di questo calo di valore.

annuncio

Le criptovalute hanno subito una brusca correzione nelle ultime settimane. Gli investitori speculativi ora negoziano CFD sulle criptovalute più popolari al mondo con leva e disponibilità 24 ore su 24, 7 giorni su 7 con Plus500.

agisci ora

Plus500: Si prega di notare Suggerimenti5 per questo annuncio.

Gli investitori istituzionali dominano il mercato delle criptovalute

“Gli investitori al dettaglio non sono più i trader di criptovaluta dominanti. La maggior parte del volume giornaliero degli scambi di criptovaluta proviene da istituzioni crittografiche, in gran parte dal commercio tra di loro. Ad esempio, scambi, banche di deposito e fondi crittografici”, secondo la banca di investimento Morgan Stanley , secondo il Financial Times. In effetti, l’anno scorso gli investitori privati ​​erano responsabili solo di un terzo di tutte le operazioni sull’exchange di criptovalute Coinbase. D’altra parte, gli investitori privati ​​hanno preso il controllo circa quattro anni fa, quando il bitcoin è stato scambiato al di sotto dei $ 10.000. Quel quadro sembra non essere cambiato nemmeno nel primo trimestre di quest’anno. Gli investitori istituzionali hanno rappresentato il 76% del volume degli scambi di Coinbase nel primo trimestre del 2022, riporta il Daily Hodl, citando Ki Young-joo, CEO di cross-chain analytics ditta CyptoQuant.

READ  2000 pompe di calore al giorno? L'energia nucleare e l'idrogeno sono la soluzione migliore

Come ha scritto il Financial Times, citando gli analisti di VandaTrack, il predominio degli investitori istituzionali colpisce principalmente Bitcoin ed Ethereum. Secondo la società, che segue principalmente le operazioni di investitori privati, l’interesse si concentrerà su queste due criptovalute. In generale, secondo Morgan Stanley e VandaTrack, gli investitori istituzionali sono i principali responsabili di questo La correlazione tra criptovalute e azioni statunitensi è aumentata notevolmente negli ultimi tempi lui è. “Riteniamo che la maggiore partecipazione di istituzioni sensibili alla disponibilità di capitale, e quindi ai tassi di interesse, abbia in parte contribuito alla significativa correlazione tra bitcoin e azioni”, ha scritto Morgan Stanley, secondo il Financial Times.

Il legame tra il settore delle criptovalute e il mercato azionario sta crescendo sempre di più

Come riporta Coindesk, citando i dati del mercato Dow Jones, la correlazione di tre mesi tra Bitcoin, Ether e i principali indici statunitensi ha raggiunto un livello record nella prima metà di maggio. “L’impennata dell’interesse istituzionale per Bitcoin, che ha iniziato a emergere all’inizio del 2020 con l’espressione pubblica di interesse da parte dei tradizionali seguaci degli investimenti come Paul Tudor Jones e Renaissance Technologies, coincide con un costante aumento della correlazione a 60 giorni tra BTC e S&P 500.”, Secondo un rapporto di Genesis Trading condiviso con il sito di notizie. “Un investitore in criptovalute, sia commerciale che istituzionale, di solito è anche un investitore in azioni tecnologiche. Tendono a essere ottimisti sulla tecnologia come dirompente per i settori esistenti, e questo crossover e correlazione sta accadendo proprio ora”, secondo Howard Greenberg, che è basato su Coindesk Ha tenuto corsi di criptovaluta presso la Prosper Trading Academy.

READ  Gamestop in aumento: Wall Street cade in uno stato d'animo da sbornia

Il recente crollo delle criptovalute è legato anche al calo dei mercati tradizionali. “Fa parte della natura degli asset negoziabili. Quando vendi asset, tutti gli asset vengono venduti. Bitcoin è stato ancorato al Nasdaq per un po’ di tempo. Questa non fa eccezione”, ha detto a Coindesk Joe Dipascual, CEO di BitBull Capital. Come in particolare i titoli tecnologici, bitcoin reagisce in modo sensibile al cambiamento dei tassi di interesse, sebbene originariamente fosse indipendente dalla politica monetaria e quindi preso in considerazione. protezione dall’inflazione Dovrebbe funzionare. Ma con la crescente accettazione nel mainstream, si stanno comportando come altri investimenti rischiosi – e in tempi di alti tassi di interesse – e con la guerra in Ucraina come ulteriore fattore di incertezza – diventano meno attraenti. “Gli asset speculativi a rischio come le criptovalute ora valgono meno perché i loro prezzi più elevati (rispetto al 2019) sono stati giustificati dalla massiccia creazione del dollaro USA”, ha affermato Morgan Stanley, secondo il Financial Times. Ma ora che la Fed sta per iniziare a ridurre il suo bilancio, quel fattore è scomparso. Di conseguenza, gli investitori istituzionali in particolare stanno abbandonando il mercato delle criptovalute.

Gli investitori istituzionali estraggono fondi da Bitcoin e Co

Come riporta “BTC-Echo”, citando i dati di Coinshares, ad aprile da Bitcoin sono fluiti un totale di $ 339 milioni di fondi istituzionali. Il denaro Bitcoin in particolare ha agito come venditori. Un’analisi di CryptoQuant conferma anche che i principali investitori sono attualmente dalla parte del venditore. “Normalmente c’è un premio Coinbase. Ciò significa che il prezzo di Bitcoin è più alto su Coinbase che su Binance. Questo era/molto importante perché le istituzioni statunitensi e le persone con un patrimonio netto elevato negoziavano principalmente su Coinbase. Tuttavia… negli ultimi giorni… è un aspetto negativo”, afferma un blogger. Ciò indica forti vendite da parte di commercianti professionisti.

READ  Daily Journal Corp.: I partner commerciali di Warren Buffett: Charlie Munger Warehouse nel quarto trimestre 2021 | newsletter

Howard Greenberg ha anche spiegato a Coindesk perché gli investitori istituzionali stanno vendendo criptovalute nel mercato attuale: […] È più facile liquidare le loro posizioni in criptovalute rispetto ad altri, soprattutto con l’accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 7 giorni su 7, quindi tendono ad essere le prime posizioni ad essere chiuse”, secondo un esperto di criptovalute. Un esempio di questo è il toro Crypto Bill Miller , che secondo “CNBC” ha venduto alcuni dei suoi bitcoin per soddisfare le richieste di margine. Quando i tempi si fanno difficili, bisogna prima rinunciare a un asset altamente liquido, come Bitcoin, secondo l’investitore. Tuttavia, a lungo termine, rimane ottimista sulla più grande criptovaluta.

Quindi gli investitori istituzionali hanno alimentato il crollo del mercato delle criptovalute con le loro vendite? “Potremmo fare un’ipotesi del genere man mano che il mercato matura e una percentuale maggiore di partecipanti sono istituzioni esposte sia alle risorse crittografiche che tradizionali”, ha affermato Joe DiPasquale di BitBull Capital, secondo Coindesk. A quanto pare, non è stata una sorpresa per lui. “Nel tempo, è plausibile che stiamo assistendo ad alti e bassi più veloci nelle criptovalute rispetto a periodi più lunghi in passato”, ha continuato l’esperto. Bitcoin e Co. probabilmente continueranno. in subbuglio in futuro fintanto che le criptovalute rimarranno parte dei portafogli degli investitori tradizionali e istituzionali.

redazione finanzen.net

Fonti delle immagini: Wit Olszewski/Shutterstock.com, Andrey Burmakin/Shutterstock.com