Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crime thriller ambientati a Kiev al Cremlino – ecco perché Putin ha messo gli occhi sul viaggio del cancelliere in Ucraina – Politica all’estero

Agitare il crimine di Kiev al Cremlino!

Come riportato da BILD am SONNTAG, il cancelliere Olaf Schulz (63, SPD) ha in programma una visita nella capitale ucraina. Con il presidente francese Emmanuel Macron (44) e il primo ministro italiano Mario Draghi (74), Schulz vuole visitare l’Ucraina per la prima volta dall’attacco russo.

La visita ha suscitato scalpore non solo nell’Unione Europea ea Kiev, ma anche a Mosca, la centrale elettrica del despota del Cremlino. Vladimir Putin (69). La pubblicità è già iniziata a tutti gli effetti, al Cremlino ogni dettaglio del viaggio è attentamente monitorato.

È chiaro che il trio europeo in piedi dietro l’Ucraina? Oppure Schulz, Macron e Draghi sono stanchi della guerra?

In BILD, esperti e politici spiegano perché la visita di Schulz a Kiev è così importante per il signore della guerra Putin.

Scenario 1: Supporto all’Ucraina

Il Cremlino teme che ci sia un chiaro impegno del trio europeo in Ucraina, spiega Andreas Umland, analista dello Stockholm Center for Eastern European Studies. Questa è una visita fatidica. Il fatto che i capi di Stato e di governo dei maggiori Paesi dell’Europa occidentale vengano a Kiev sarà cruciale per le relazioni tra Ue e Ucraina, ma anche con la Russia”.

L’esperto dell’Europa dell’Est è cautamente ottimista: “Il solo fatto che Schulze, Macron e Draghi si rechino a Kiev è un buon segno”.

Perché: “Germania, Francia e Italia erano considerati partner affidabili della Russia. Putin aveva un rapporto speciale con Gerhard Schroeder, Silvio Berlusconi e Jacques Chirac, erano i suoi più importanti sostenitori in Occidente.

“Se Schulz, Macron e Draghi di tutto il popolo ora stanno chiaramente dalla parte dell’Ucraina, questo sarebbe un segnale importante per l’élite russa”.

READ  Il politico dell'SPD si prende una pausa: Michael Roth sui problemi mentali - Politica interna

Scenario due: l’Occidente è esausto per la guerra

Se a Schulz, Macron e Draghi mancano forti segnali di sostegno, a Mosca questo è un segno di debolezza, afferma Sergei Somlini, esperto dell’Europa dell’Est ed ex capo della Fondazione Paul a Kiev.

“Putin sta guardando questo viaggio con grande interesse”, ha detto Somlini a BILD. Era chiaro che non poteva vincere la guerra militarmente. Pertanto, “l’unica speranza di Putin è che il sostegno militare occidentale all’Ucraina diminuirà”. Conseguenze: un “conflitto congelato” o un “insediamento corrotto” costringe l'”Occidente stanco della guerra” dell’Ucraina a farlo.

L’esperto dell’Europa orientale dubita che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, 44 anni, possa accettare un compromesso del genere, come quello di candidare un candidato all’adesione all’Unione europea in cambio di un cessate il fuoco. Secondo Somlini, questa “sarebbe una vittoria per Putin e una morte certa per l’Ucraina”. Il 90% degli ucraini non lo sosterrebbe.

CDU: Scholz deve spiegare la sua posizione

Il politico della difesa Henning Otti (53, Cdu) chiede al cancelliere Schulz un “chiaro segnale di unità dell’Europa dalla parte del presidente Selinsky e del popolo ucraino” contro “la fomentazione bellica di Putin”. Otti critica il viaggio tripartito senza “membri dell’Europa dell’Est dell’Unione Europea” e chiede trasparenza: “Il cancelliere Schulz deve anche spiegare la sua posizione nel Bundestag tedesco affinché ci sia chiarezza sulla sua posizione”.

Lo storico Jan Claes Bernds (compresa l’Università Europea di Francoforte sull’Oder) attribuisce un significato storico alla visita di Schulz a Kiev. “Dopo che i politici tedeschi ed europei – in particolare Angela Merkel – hanno inviato i segnali sbagliati al Cremlino per più di un decennio, una visita italo-tedesca a Kiev potrebbe significare l’ultima possibilità di correggere la rotta”, ha detto Bernds.

READ  È anche possibile prevedere riunioni presidenziali: la Russia è pronta per i negoziati con l'Ucraina

“Almeno è in gioco la credibilità della stessa Ue”, afferma l’esperto dell’Europa dell’Est. Schulz, Macron e Draghi “non devono più fare promesse all’Ucraina che alla fine non vengono mantenute. Allora perderai ancora più fiducia e il Cremlino potrà vincere”.

In vista del viaggio, la propaganda del Cremlino sta cercando di screditare la visita dei politici a Kiev. Vladimir Solovyov, uno dei principali propagandisti di Putin, ha pubblicato un post sul suo canale Telegram (più di 1,1 milioni di abbonati) in cui affermava: “Non esiste un piano Macron-Scholes!”

Mentre Macron ha ancora dei piani, Schulz è un politico che prende decisioni solo nella situazione attuale, secondo il canale di propaganda. L’Occidente ha bisogno di un cessate il fuoco in Ucraina “come l’aria che respira” e teme “un coinvolgimento diretto nel conflitto in Ucraina”.

Slogan di propaganda: l’Occidente non soddisferà le presunte richieste esagerate degli ucraini per paura della sola Russia…

La politica verde Marieloys Beck (69 anni) è attualmente in Ucraina. Spiega in BILD che il compito è fuori questione per gli ucraini: “Attualmente stiamo visitando Kharkiv, la città più distrutta dopo Mariupol. Quando chiediamo alle persone se è meglio smettere di combattere, ci guardano con franchezza. La loro risposta è: “Non stiamo combattendo per le terre, stiamo combattendo per la nostra libertà “Sai come stanno andando le cose nei territori occupati: terrore, tortura, stupro e tirannia”.