Dicembre 10, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COVID-19: i virus SARS-CoV-2 si replicano nella retina

sapere Lungo Covid

Il coronavirus può moltiplicarsi negli occhi

Quali sono le conseguenze a lungo termine del Corona?

Stanchezza, dolori muscolari, problemi di memoria: le conseguenze dell’infezione da corona possono accompagnare le persone per molto tempo. Non si sa molto di Long-Covid. Uno studio del Centro medico universitario di Mainz ora vuole mettere in evidenza l’ampia zona d’ombra.

Puoi ascoltare il podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché tale consenso è richiesto dai fornitori di contenuti incorporati in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando il toggle su “On”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali ad altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con la Sezione 49(1)(a) del GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite il toggle e tramite Privacy in fondo alla pagina.

Gli scienziati di Münster hanno dimostrato che i coronavirus possono infettare due tipi di cellule nella retina e moltiplicarsi anche lì. Ciò potrebbe avere conseguenze per l’assistenza post-terapia dei pazienti Covid-19.

CI virus corona non causano solo infezioni respiratorie. Possono essere colpiti anche altri organi. Ci sono varie segnalazioni di disturbi neurologici e disturbi visivi durante o dopo l’infezione da corona. In diversi studi di biopsie retiniche di persone morte di Covid-19, il virus Sars-CoV-2 è stato rilevato nella retina.

Inoltre, ci sono diverse indicazioni che i coronavirus possono raggiungere la retina e causare danni lì. In precedenza non era chiaro quale struttura retinica fosse stata infettata dal coronavirus e se il danno retinico fosse un risultato diretto o indiretto di un’infezione retinica.

Retine da cellule staminali riprogrammate

Per chiarire queste domande, un gruppo di ricerca guidato da Thomas Rauen e Hans Schuler ha condotto esperimenti Istituto Max Planck di biomedicina molecolare E il virologo Stefan Ludwig di Università Guglielmo della Vestfalia Con un modello retinico, il cosiddetto organello retinico. Ciò ha consentito loro di esaminare le interazioni retiniche tipiche delle cellule staminali umane riprogrammate con Sars-CoV-2.

Leggi anche

L'infezione dell'aura può portare a disturbi olfattivi.  Gli odori precedentemente piacevoli sono talvolta visti come sgradevoli

I ricercatori sono stati in grado di dimostrare che i virus Sars-CoV-2 infettano principalmente le cellule gangliari della retina nella retina, ma infettano anche le cellule sensibili alla luce. Inoltre, gli scienziati sono riusciti a dimostrare che i coronavirus possono riprodursi anche in questi due tipi di cellule.

Il metodo dovrebbe sostituire la sperimentazione animale

I ricercatori hanno affermato che “questo ritrovamento è nuovo”, e da esso deriva la necessità di monitorare a lungo le potenziali conseguenze per gli occhi dei pazienti Covid. I controlli regolari possono essere utili.

All’epoca non si pensava che il modello organoide della retina sviluppato da Yotam Menuchin-Lasowski tre anni fa sarebbe stato utilizzato per la ricerca di applicazioni di Sars-CoV-2. Si trattava di trovare alternative alla sperimentazione animale. Il tipo di cellula iniziale degli organelli retinici sono cellule IPS umane.

È ottenuto da biopsie e riprogrammato in cellule staminali pluripotenti indotte. “Entro quattro o cinque mesi, e in condizioni appropriate, si sviluppano organelli retinici maturi, in cui i diversi tipi cellulari si dispongono in un tipico modo reticolare”, afferma Minoshin Lasowski.

READ  Sei tu la mente? Risolvi questo compito per gli alunni di quinta elementare