Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa succede esattamente nel cervello quando moriamo?

È una domanda che preoccupa molte persone: come si sente la morte? Vediamo una luce alla fine del tunnel, il nostro corpo morente, o la vita passa di nuovo davanti ai nostri occhi interiori?

Alcune persone lo riferiscono dopo un’esperienza di pre-morte. Uno studio americano ora indica che al momento della morte, i nostri cervelli attivano effettivamente i ricordi. Almeno questo è ciò che suggerirebbero le onde cerebrali di un paziente morente in ospedale.

Nuovo studio americano: cosa succede nel cervello quando moriamo

Il fatto che questa attività cerebrale sia mai stata registrata è dovuto a una coincidenza: i medici curanti hanno eseguito diversi elettroencefalogrammi (EEG) sull’87enne, che aveva subito un intervento chirurgico alla testa dopo una caduta e soffriva di convulsioni. Un elettroencefalogramma (EEG) registra l’attività elettrica del cervello. Durante questa registrazione, il paziente ha avuto un infarto ed è morto.

un totale, Relazione degli scienziati In Frontiers in Aging Neuroscience, ha registrato 15 minuti di attività cerebrale durante la morte dell’uomo. “Ci siamo concentrati su ciò che è accaduto nei 30 secondi prima e dopo l’arresto cardiaco”, spiega il leader dello studio Ajmal Zammar, neurochirurgo dell’Università di Louisville. “Prima e dopo che il cuore ha smesso di battere, abbiamo visto cambiamenti in una specifica gamma di frequenza delle oscillazioni nervose, chiamate oscillazioni gamma, ma anche in altre oscillazioni come delta, theta, alfa e beta”.

Queste onde cerebrali tracciano schemi di attività ritmica neurale. Diverse onde sono associate a diverse funzioni, con i modelli di frequenza descritti nello studio simili a quelli che si verificano durante la meditazione o il recupero della memoria. Ciò suggerisce, ipotizza Zammar, che poco prima della morte, il cervello possa riprodurre ricordi recenti di importanti eventi della vita generando tali oscillazioni, “simili alle esperienze di pre-morte”.

READ  La giovane madre si cura "naturalmente"

Direttore della Clinica di Neurologia dell’Università di Norimberga: I risultati sono facili da spiegare

Frank Erbgoth, direttore medico della Clinica di Neurologia dell’Università di Norimberga, non è sorpreso dalle osservazioni: “Non è nuovo per il cervello umano creare il proprio mondo di immagini in determinate situazioni”. Questo è noto, ad esempio, da chi soffre di emicrania, ma anche da tossicodipendenti. “Di conseguenza, le NDE sono uno dei numerosi fenomeni molto diversi in cui il cervello produce immagini”, afferma il capo della German Brain Foundation.

Ciò che accade nel cervello può essere facilmente spiegato. Con la morte, il contenuto di anidride carbonica nelle cellule aumenta: “Ciò porta a un cambiamento nel sistema elettrico del cervello e nel metabolismo del cervello – le NDE cadono su queste due tastiere”. Questo può anche mettere alla prova le persone che sono particolarmente brave nella meditazione.

In questi, l’EEG ha mostrato un aumento degli spettri gamma, simili a quelli riportati nello studio, dice Erbgoth, “e sappiamo che queste attività gamma indicano che i ricordi vengono recuperati”. Allo stesso tempo, le onde gamma sono molto veloci, oscillando a 30 Hz al minuto. “La banda gamma non può essere vista in un EEG convenzionale”, afferma il neurologo. Pertanto, la valutazione divergente delle bande d’onda eseguita nello studio è un aspetto nuovo.

Uno studio del 2013 sui topi ha mostrato risultati simili

Un altro studio Risultati simili sono stati mostrati nel 2013, tranne per il fatto che questi cambiamenti nelle onde gamma si sono verificati nei topi. Gli autori del presente studio suggeriscono che questa è una possibilità che quando il cervello muore, svolga una risposta biologica che potrebbe essere la stessa in tutte le specie. Tuttavia, il loro studio si basa su un paziente il cui cervello è stato ferito e che ha anche sofferto di attacchi epilettici: “Tali attività epilettiche significano che l’elettronica del cervello viene davvero scossa”, osserva Erbgoth. È difficile trarre conclusioni da questo su un cervello normale e morente.

READ  In caso di sovraccarico sulle unità di terapia intensiva - L'aeronautica deve trasportare i pazienti Corona - politica interna

In generale, lo studio fornisce un altro aspetto della conoscenza sul cervello morente, che è già completo: se la circolazione sanguigna si interrompe, il cervello smette di comunicare tra i neuroni, alcuni ritmi si spostano dal sistema elettrico del cervello e le cellule hanno un ritmo elettrico . di nuovo in uscita.

verificarsi sotto forma di un’onda di scarica diffusa, Neurologi tedeschi e americani descritti già nel 2018 Negli Annali di Neurologia. Arbogoth spiega l’interesse che tali studi ricevono regolarmente dicendo che promettono di guardare dietro il sipario della morte: “Ma qualunque cosa guardiamo accade prima del sipario”. Anche le persone che avevano avuto esperienze di pre-morte erano sull’orlo della morte.

L’attuale studio offre speranza ai parenti

Tuttavia, l’attuale studio del neurochirurgo Zimar offre speranza per i propri cari: “Quello che possiamo imparare da questa ricerca è che anche quando i nostri cari chiudono gli occhi e sono pronti a sistemarsi, il loro cervello può rivivere alcuni dei loro momenti più belli da ciò che hanno vissuto».

“Il nostro cervello è almeno in grado di produrre di nuovo immagini”, ha detto il neurologo Erbgoth. Le NDE hanno mostrato che era legittimo presumere questa capacità per un cervello già morente. Tuttavia, gli studi della medicina della rianimazione hanno rilevato che mentre due terzi degli utenti di NDE hanno visualizzato immagini piacevoli, un terzo ha riportato scene brutte. “Sarei soddisfatto se il passaggio alla morte fosse accompagnato da belle esperienze”, afferma Arboguth. “Ma temo che non sia nelle tue mani.”