Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa rivela il colore del muco nasale

Cosa rivela il colore del muco nasale

Incolore, giallo, marrone o verde: il muco che fuoriesce dal naso durante un’infezione può cambiare con il progredire della malattia. Un otorinolaringoiatra spiega il significato dei diversi colori.

Le cose più importanti a colpo d'occhio


Quanto segue vale sia per le persone sane che per i pazienti con raffreddore: il muco nasale può avere una varietà di colori: dal bianco puro, giallo-verde al rosso, marrone o nero. Se il colore cambia, di solito indica uno stato di salute attuale, afferma lo specialista di otorinolaringoiatria, Dr. rivela Michael E. Degg di Friburgo.

Quali sono i benefici delle secrezioni nasali?

Il nostro corpo secerne le secrezioni nasali nella mucosa dell'apparato respiratorio, cioè nel naso, nella gola e nei polmoni. Il naso è il più produttivo. In media produciamo un litro di muco nasale al giorno.

“Questa secrezione è solitamente limpida e contiene acqua, proteine ​​e sali disciolti, ma contiene anche anticorpi che aiutano a scongiurare le infezioni”, afferma Deeg. Il muco nasale cattura dall'aria piccole particelle e agenti patogeni, che vengono trasportati verso la gola con l'aiuto delle ciglia e poi ingoiati. Qualsiasi persona sana non noterebbe nulla di tutto ciò.

Se la quantità, la consistenza o il colore del muco cambiano, potrebbe indicare un'infezione, secondo Degg.

Cosa significano i colori dello slime?

  • Muco nasale chiaro e traslucido: Le secrezioni nasali sono generalmente limpide e liquide.
  • Muco nasale bianco: “Quando inizia l'infezione, le secrezioni diventano più dense, a volte bianche o addirittura torbide”, dice l'otorinolaringoiatra Dej. Indica che è in arrivo un raffreddore.
  • Muco nasale giallo: Il cambiamento di colore giallo significa che il raffreddore sta progredendo e le cellule immunitarie del corpo hanno iniziato a combattere gli agenti patogeni. “Dopo che le cellule immunitarie hanno svolto il loro lavoro, si decompongono e lasciano il corpo insieme alle secrezioni nasali”, spiega Deeg.
  • Muco nasale verde: Se il sistema immunitario è attivo, spesso appare muco verde e il medico lo sa: “Quando il sistema immunitario diventa più attivo, nelle secrezioni nasali si trova un numero maggiore di cellule morte, che possono portare a un'ulteriore colorazione verde”. Il colore può anche indicare una colonizzazione batterica. I seni sono spesso infiammati.
  • Muco nasale rosso: Lo scarico rosso è solitamente sangue. “Man mano che il danno alla mucosa dovuto al processo infiammatorio progredisce, nelle secrezioni può essere presente sangue”, spiega Deeg.
  • Muco nasale marrone: Le perdite marroni potrebbero anche essere sangue. Tuttavia è anche possibile che lo sporco o il polline vengano inalati attraverso il naso. “Nei forti fumatori si osserva anche una colorazione marrone del muco”, aggiunge l'otorinolaringoiatra.
  • Muco nasale nero: Una colorazione nera della secrezione è rara. Potrebbe indicare una possibile infezione fungina.

medico. Michael E. Degg

medico. Michael E. Degg è uno specialista in otorinolaringoiatria a Friburgo. È anche portavoce della stampa dell'Associazione professionale tedesca degli otorinolaringoiatri.

Antibiotici per le infezioni del seno?

Se c'è muco giallo-verdastro, i pazienti dovrebbero assumere antibiotici: è vero? I medici oggi tendono a sconsigliare l’assunzione di farmaci a meno che il colore del muco non cambi. Perché nella maggior parte dei casi i virus causano il comune raffreddore.

La sinusite, indicata dal muco verde, di solito scompare senza trattamento dopo una o due settimane. Possono essere d’aiuto anche spray nasali al cortisone, antidolorifici e soluzioni saline. D’altra parte, nella maggior parte dei casi gli antibiotici non sono utili. Possono aiutare solo se nella malattia sono coinvolti anche i batteri.

Ciò è confermato anche dal Dott. Michael E. Degg: “Il risultato del tampone e lo stato di salute del paziente sono sempre decisivi”. Il medico decide se e quando è necessario un antibiotico.

Cos'è la sinusite?

Sinusite è il termine medico per un'infezione sinusale. Può essere acuto o cronico. La variante acuta viene superata al massimo dopo dodici settimane. Se la sinusite dura più a lungo, è considerata cronica. Entrambe le forme della malattia sono associate a sintomi simili come congestione nasale, flusso di muco denso, diminuzione della capacità dell'olfatto e dolore facciale.

Quando è opportuno consultare un medico?

Se il muco nasale giallo-verde non scompare da solo, dovresti consultare un medico. “Una colorazione persistente – per più di due settimane – è sempre preoccupante e richiede un chiarimento specialistico”, consiglia l'otorinolaringoiatra Dej.

Si consiglia vivamente di consultare tempestivamente un medico se si verificano i seguenti sintomi oltre al comune raffreddore:

  • Febbre superiore a 39°C
  • pelle d'oca
  • Forte mal di testa e dolori muscolari
  • Mal di gola e dolore alle orecchie
  • fiato corto
  • Odore purulento da secrezioni nasali

La sinusite persistente può essere grave

Si consiglia particolare cautela quando i batteri infettano i seni e causano sinusite suppurativa. Esiste quindi il rischio che l'infiammazione si diffonda alle aree circostanti, come le membrane ossee, le orbite, le meningi o il cervello. Tali complicazioni richiedono sempre cure mediche.