Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa possiamo imparare dal periodo mesolitico?

Cosa possiamo imparare dal periodo mesolitico?

La vita nel Mesolitico era un incubo per chi soffre di allergie. Quando i giganteschi ghiacciai si sciolsero nell’ultima era glaciale circa 12.000 anni fa, una fitta foresta primordiale si diffuse in tutta Europa che non fu mai più vista in seguito. Ovunque fiorivano betulle, pioppi, salici e, naturalmente, nocciole. I loro frutti erano un prezioso alimento base in quel momento. “Alcuni dicono che non esisteremmo senza le nocciole”, dice Antje Welton.

Nuovo mondo mesolitico

Il linguista della Freie Universität Berlin indaga su come le persone si comportano in contesti storici. Nei fine settimana, Long Night of Science accompagna i visitatori in un emozionante viaggio nel Mesolitico.

Le nocciole facevano parte della dieta di base nel periodo mesolitico.
© Wolf Hein/ArcTech

Nell’ambito di un esclusivo progetto interdisciplinare di citizen science, nel campus vengono costruite capanne preistoriche e le attività in loco vengono documentate in video. Chiunque sia interessato può partecipare. La ricercatrice rivolge la sua attenzione soprattutto a come i partecipanti interagiscono tra loro, quali conversazioni hanno e come affrontano cose non familiari.

Mondo mesolitico, da 10.000 a 5.000 anni a.C. circa. aC, dove non solo la flora e la fauna, ma anche le condizioni di vita cambiarono drasticamente, ideale per un simile esperimento. Dall’altro, perché le persone hanno poi sviluppato nuovi rifugi, strumenti e metodi di caccia che hanno reso la loro dieta più diversificata. D’altra parte, Wilton trova anche le stanze dei primi appuntamenti molto notevoli perché spesso sono scarsamente occupate. “Più guardiamo indietro nel passato, meno tracce fisiche troviamo”. Poiché non ci sono prove scritte, i reperti archeologici devono essere integrati con conclusioni ragionevoli. “E spesso con un po’ di immaginazione”, dice Welton.

Capanne e strumenti preistorici

Ad esempio, per molto tempo è stato un mistero come le persone del Mesolitico tagliassero alberi e lavorassero il legno per le loro capanne. Angie Wilton tiene in mano la risposta. “Una tale ascia fatta di corna di cervo era l’ideale per questo”, dice lo scienziato. È vero che nei reperti archeologici non si possono trovare abitazioni mesolitiche complete. Tuttavia, è possibile distinguere le planimetrie dai fori di segatura e dalle lame di selce sparse all’interno. Oltre al tondo, c’erano anche edifici ovali e trapezoidali.

Questa capanna mesolitica fatta di tronchi di nocciole e rami di salice sarà costruita nel campus FU.
Questa capanna mesolitica fatta di tronchi di nocciole e rami di salice sarà costruita nel campus FU.
© Lupo Heine

Oggi spesso non è chiaro di che materiale siano fatte le singole strutture. “Useremo delicati gambi di nocciolo, creeremo il nostro spago e poi tesseremo le pareti con nocciole appena raccolte e rami di salice”, spiega Wilton. La costruzione è diretta da esperti in archeologia, disciplina che si occupa di ricostruire le tecniche artigianali del passato. In caso contrario, vengono utilizzati solo materiali ampiamente collaudati in quel momento.

I contenitori a tenuta stagna sono stati piegati dalla corteccia di betulla nel Mesolitico.
I contenitori a tenuta stagna sono stati piegati dalla corteccia di betulla nel Mesolitico.
© Antonio Welton

Un esempio particolarmente bello sono i contenitori in corteccia d’albero. Un esemplare simile di 10.000 anni fa è stato trovato sul fondo di un abbeveratoio a Fresac, Haviland. “La corteccia d’albero è un materiale molto flessibile e idrorepellente”, afferma Wilton. Non c’è da stupirsi che anche le persone dell’età della pietra ne ricavassero stuoie per le loro capanne.

in territorio sconosciuto

Uno sguardo alla preistoria dovrebbe fornire nuove intuizioni. “Vogliamo scoprire come abbracciamo le routine che non abbiamo nella nostra vita quotidiana mentre calpestiamo un territorio sconosciuto e vediamo come possiamo sbloccare il passato insieme”, spiega Wilton. Trovi particolarmente eccitante che a volte ci siano negoziazioni e discussioni.

Al più tardi quando il fuoco viene acceso insieme, le parentesi graffe dovrebbero essere nuovamente livellate. Poi anche le nocciole vengono tostate, proprio come una volta, nella sabbia calda. “È veloce e ha un sapore delizioso”, afferma Antje Wilton. Solo le persone con allergie dovrebbero evitare questo elemento del programma.