Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa accadrà all’accordo sull’immigrazione con l’Italia? – DW – 18 gennaio 2024

Cosa accadrà all’accordo sull’immigrazione con l’Italia?  – DW – 18 gennaio 2024

L’Albania ha avuto diversi grandi gruppi negli ultimi anni Rifugiati Se sei in Europa o in America Indesiderati: ad esempio, diverse migliaia di membri dell'opposizione iraniana o di cittadini afghani che hanno dovuto fuggire dai talebani dopo il ritiro della NATO dall'Afghanistan. Ufficialmente, il governo albanese del primo ministro Edi Rama ha giustificato il gesto con una speciale tradizione albanese di ospitalità. Ufficiosamente, abbondano le speculazioni su ciò che l’Albania avrebbe ricevuto in cambio, ma non molto fruttuose.

All’inizio di novembre 2023 lo hanno annunciato il primo ministro albanese e il suo omologo italiano Georgia Meloney UN Contratto di ospitalitàHa superato gli accordi precedenti: l’Albania ha accettato di accogliere i rifugiati dal Mediterraneo per conto dell’Italia. Campi di accoglienza Le autorità italiane possono esaminare le loro domande di asilo e, se necessario, decidere il loro rapido ritorno nei luoghi di origine o di origine. Solo immatricolata 2023 Italia Arrivo di 145.000 rifugiati, la maggior parte via mare Il Mar Mediterraneo.

Nel settembre 2023 l'isola italiana di Lampedusa è la meta di molte persone in fuga attraverso il Mediterraneo.Immagine: Ciro Fusco/Anza/Imaego

I campi saranno allestiti in due località costiere nel nord dell’Albania. Inizialmente prevista per una durata di cinque anni, l’Albania invierà 3.000 migranti alla volta attraverso il Mediterraneo verso l’Italia. Non sono stati rilasciati ulteriori dettagli, ma ancora una volta Edi Rama ha usato come motivo l'ospitalità albanese. Non è chiaro cosa accadrà ai rifugiati se le loro richieste di asilo verranno respinte. Perché l’Albania non ha trattati di estradizione con paesi africani o asiatici.

Udienze alla Corte Costituzionale

Quando il pubblico è dentro Albania, ma con molti osservatori stranieri in cerca di spiegazioni sul motivo per cui l’Albania avrebbe accettato un simile accordo, la Corte Costituzionale albanese ha temporaneamente sospeso il piano nel dicembre 2023. C'era un gruppo Deputato dell'opposizione Accusa, giustizia: Rama ha concluso il trattato facendo passare il Parlamento. La Corte Costituzionale ha fissato l'udienza per il 18 gennaio, durante la quale verrà presa la decisione finale sull'operazione. Le udienze non sono pubbliche. La Corte Costituzionale dovrebbe prendere una decisione entro l'inizio di marzo.

Secondo Dorian Madlija, avvocato e capo della ONG albanese Res Publica, l’accordo è un abuso della politica estera. «In questo caso particolare, una parte dell'Albania diventa territorio italiano. Di solito questo vale solo per le ambasciate, cioè per zone molto piccole che non possono accogliere un gran numero di migranti. Nelle ambasciate anche il personale è accreditato, ma qui si tratta di persone che non conosci. Di cui non sai nulla”, ha detto Matlija a DW. .

Critiche da parte di partiti di opposizione, ONG e rappresentanti dei diritti umani

Questo browser non supporta l'elemento video.

Arjan Dirmishi, esperto di sicurezza e capo del Centro per lo studio della democrazia e della governance di Tirana, critica la totale mancanza di trasparenza nell'accordo sulla migrazione. Finora non si conoscono quasi dettagli su come vengono trattati i rifugiati, ad esempio se possono lasciare il campo o se vengono effettivamente detenuti. “Tutto questo non è del tutto chiaro”, ha detto Dirmishi alla DW.

Un precedente per altri paesi dell’UE?

L'esperto legale Matlija ritiene che la Corte costituzionale dichiarerà l'accordo non valido. Altrimenti, teme, diventerà un precedente non solo per l’Albania, ma anche per altri Paesi europei. “La crisi dei rifugiati in Europa sta peggiorando ed è probabile che anche altri paesi dell'UE segnalino la necessità di tali opzioni di alloggio”, ha detto Matlija. In Germania, ad esempio, l’accordo ha incontrato una certa approvazione. Recentemente il capo della CSU Markus Söder ha parlato positivamente dell’accordo del 18 gennaio 2023 e lo ha definito un modello praticabile per l’Europa.

Gli albanesi erano divisi sull’accordo transattivo con l’Italia

Questo browser non supporta l'elemento video.

In effetti, un accordo del genere tra un paese europeo e un paese extra-UE non è mai stato previsto prima. Ma è così su un altro piano: la Gran Bretagna desidera da tempo concludere un trattato di estradizione con il Ruanda. Il primo accordo è stato dichiarato illegale dalla Corte Suprema britannica nel novembre 2023, ma il Primo Ministro Rishi Sunak ha negoziato un nuovo accordo e ha presentato un disegno di legge per renderlo possibile. La maggioranza dei parlamentari britannici lo ha approvato. L’accordo prevede che i migranti che arrivano in Gran Bretagna attraverso la Manica siano deportati in Ruanda, indipendentemente dalla loro origine. Devono cercare asilo lì, ma non possono tornare in Gran Bretagna.

Melony e Raman raccolgono i frutti

Sebbene il Ruanda abbia già ricevuto l’equivalente di circa 160 milioni di euro per il contratto fino alla fine del 2023, non è chiaro quanti soldi arriveranno a Tirana nel caso di Italia e Albania.

I capi di governo di entrambi i paesi ora ne trarranno vantaggio, indipendentemente dal fatto che l’accordo venga attuato o meno ad un certo punto: Georgia Meloni ha dimostrato di poter agire indipendentemente dall’UE sulla politica interna e da sola sulla politica dei rifugiati. necessario. D’altro canto, Edi Rama, ampiamente criticato a livello internazionale per il suo regime autoritario in Albania e il suo potere sempre crescente, ha mostrato la sua volontà di cooperare in politica estera e di distrarre dagli sviluppi antidemocratici nel suo paese.