Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corte internazionale di giustizia: udienze sulla politica nei territori palestinesi

Corte internazionale di giustizia: udienze sulla politica nei territori palestinesi

Al: 19 febbraio 2024 alle 19:21

La politica di occupazione israeliana viola il diritto internazionale oppure no? Di questo problema si occupa la Corte internazionale di giustizia. Lo stesso Israele respinge fermamente questa accusa.

Sono iniziate presso la Corte internazionale di giustizia dell'Aja le udienze sulla legalità dell'occupazione israeliana dei territori palestinesi, che dura da quasi 60 anni. In primo luogo è intervenuto il ministro degli Esteri palestinese Riyad Al-Maliki.

Ha accusato Israele di perseguire una “politica di apartheid e colonialismo” nei territori occupati. “Più di 3,5 milioni di palestinesi in Cisgiordania, inclusa Gerusalemme, affrontano la colonizzazione delle loro terre e la violenza razzista che li rende possibili”.

Il diritto dei popoli all’autodeterminazione è sancito dalla Carta delle Nazioni Unite. Tuttavia, questo è stato nascosto ai palestinesi per decenni. I palestinesi sostengono che Israele ha violato tale principio annettendo su larga scala i territori occupati.

Al-Maliki ha detto: “Questa occupazione è l’annessione”. Ha parlato di distorsione deliberata e cinica del diritto internazionale. L’unica soluzione è la fine immediata e incondizionata dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi.

Israele e i palestinesi

Israele è stato fondato su 14 maggio 1948 Mandato dalle Nazioni Unite come stato ebraico in Palestina, che all'epoca era sotto mandato britannico. Il Piano di spartizione delle Nazioni Unite prevedeva aree di insediamento separate per gli ebrei e la popolazione palestinese di lingua araba nell'area. Lo stesso giorno, Egitto, Giordania, Libano, Siria e Iraq attaccarono il nuovo Stato. Israele ha vinto la guerra. Di conseguenza, centinaia di migliaia di persone fuggirono o furono espulse da Israele. Allo stesso tempo, un numero quasi uguale di ebrei fu costretto a fuggire dai paesi arabi.

Da allora, ci sono stati molti sforzi di pace insieme ad altre guerre. Nel Accordi di Oslo Nel 1993, israeliani e palestinesi hanno concordato in linea di principio la coesistenza pacifica e il riconoscimento reciproco, compreso il diritto di Israele ad esistere. In una fase transitoria, i palestinesi dovranno amministrare da soli la Striscia di Gaza e la Cisgiordania, mentre Israele si ritirerà dalle due aree. L’obiettivo era creare un processo passo dopo passo La soluzione dei due Stati. Nonostante i numerosi sforzi, l’accordo non è stato attuato. Non ci sono stati negoziati seri tra Israele e palestinesi dal 2014.

Israele considera l’udienza un “abuso”

Lo stesso Israele si tiene lontano dalle udienze. Tuttavia, in una dichiarazione scritta pubblicata dalla corte, lo Stato ha respinto l’udienza definendola un “abuso del diritto internazionale”.

Di conseguenza, Israele ha “il diritto e il dovere di proteggere i suoi cittadini” e sottolinea il continuo pericolo per i suoi cittadini da parte dei terroristi palestinesi. Secondo la corte, la dichiarazione di Israele è stata rilasciata nel luglio 2023, prima dell'atto terroristico compiuto da Hamas il 7 ottobre.

Nazioni Unite-Assemblea generale Sono state richieste relazioni

Le udienze non riguardano l'attuale guerra a Gaza, ma piuttosto si riferiscono alla questione fondamentale se la politica di occupazione di Israele sia legale o violi il diritto internazionale. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha chiesto che nel dicembre 2022 venga presentato un rapporto alla Corte internazionale di giustizia su questo tema. Sebbene non sia vincolante, potrebbe aumentare la pressione internazionale su Israele nell’attuale guerra.

I rappresentanti di circa 50 paesi e organizzazioni prenderanno posizione per sei giorni. Si prevede che i giudici impiegheranno diversi mesi prima di emettere un parere.

Oltre a Israele, anche la Germania si astiene dal partecipare al processo. Come Israele e gli Stati Uniti d’America, così come altri 23 paesi, votarono allora contro la risoluzione dell’Assemblea Generale.

I palestinesi chiedono uno Stato indipendente

Israele ha occupato la Cisgiordania e Gerusalemme Est nel 1967. Oggi vivono lì circa 700.000 coloni israeliani tra tre milioni di palestinesi. I palestinesi chiedono che le terre costituiscano uno stato indipendente con Gerusalemme Est come capitale.

Le Nazioni Unite hanno concesso alla Palestina lo status di Stato osservatore nel 2012. Dei 193 Stati membri delle Nazioni Unite, 139 hanno finora riconosciuto la Palestina come Stato indipendente.