Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona: Questo è ciò che dice Lothar Matthaus sulla controversia sulla vaccinazione nella Federcalcio tedesca

La discussione su Corona ha messo in ombra le partite internazionali della Federcalcio tedesca.

Cinque giocatori sono mancati da Hansi Flick (56) dopo che il difensore Niklas Sule (26) ha contratto il Covid. Dal momento che Joshua Kimmich (26), Serge Gnabry (26), Jamal Musiala (18) e Karim Adeyemi (19) erano persone di prima classe a Seoul, hanno dovuto essere isolati.

Perché non sono stati vaccinati? C’è molto da dire al riguardo, anche se Kimmich lo ha ammesso pubblicamente solo finora.

Ma come affronterà la questione Flick in futuro? Le prossime partite delle Nazionali sono in programma a marzo, e il Ct della Nazionale non ha voluto prendere una decisione fondamentale a Wolfsburg: “Spero che non ci siano problemi del genere da dover mandare a casa cinque giocatori per colpa di Corona, vorrei che . . ”

Inoltre: “Dobbiamo solo vedere come lo faremo in futuro, che ci terrà occupati più a lungo, e come ci proteggiamo”.

L’allenatore della nazionale non vuole ancora impegnarsi, ma è scoppiato un dibattito: come affronta Flick il tema della vaccinazione? I giocatori che non sono stati vaccinati non dovrebbero temere di essere invitati in futuro?

Quello che ha un’opinione chiara su questo è Lothar Matthaus (60). Record della nazionale tedesca (150 presenze) per BILD am SONNTAG: “Hansi Flick deve selezionare i giocatori a seconda che ne abbia bisogno per ottenere il massimo successo sportivo possibile e nominarli in base al loro livello di prestazione, indipendentemente dal fatto che siano stati vaccinati . O no. .”

La sua interpretazione: “Nella vita di tutti i giorni ci sono anche incontri con persone che non sono state ancora vaccinate. Per strada al supermercato. C’è anche il pericolo lì”.

READ  Indagine sul documento di vaccinazione: si dimette l'allenatore del Werder

Tuttavia, l’esperto di RTL Matthäus limita: “Se a un certo punto Hansi Flick prende la decisione di invitare solo giocatori vaccinati, tutti dovranno accettarlo. Quindi i giocatori che non sono stati vaccinati non possono presentarsi per la squadra nazionale al momento”.

La squadra DFB è solo per giocatori di picche? Questo regolamento potrebbe cambiare l’opinione di Kimmich, per esempio? O la pressione sarà eccessiva?

L’ex allenatore del Bayern Karl-Heinz Rummenigge (66) spera e presume che il problema avrebbe potuto essere risolto da solo con la seguente partita internazionale: “Le seguenti partite internazionali si giocheranno nel marzo 2022. Sono ottimista sul fatto che tutti i giocatori nazionali siano stati vaccinati in nel frattempo.”

Ci sarà davvero un ripensamento di Kimmich & Co.? Per allora? Una cosa è certa: il tema del coronavirus e della vaccinazione non è solo una preoccupazione nella comunità, ma sta anche causando dibattiti all’interno della DFB.