Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conservazione della natura: la nuova Lista rossa delle specie minacciate

Conservazione della natura: la nuova Lista rossa delle specie minacciate
Scienze Lista rossa

Il salmone atlantico è ora a rischio di estinzione a livello globale

Migrazione dei salmoni che saltano dalle scogliere in Norvegia

Migrazione dei salmoni che saltano dalle scogliere in Norvegia

Fonte: Image Alliance / blickwinkel / A. Hartl

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Il salmone, il pesce preferito di tutti gli chef dilettanti, sta finendo le scorte. È classificato come “in pericolo” nella nuova Lista rossa delle specie minacciate. Il riscaldamento globale e la carenza d’acqua nei fiumi svolgono un ruolo importante.

DottIl salmone atlantico è ora classificato come “quasi in estinzione” nella nuova Lista rossa delle specie minacciate a livello globale. La popolazione mondiale è diminuita del 23% tra il 2006 e il 2020, riferisce l’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). Limitato all’Europa, è valido su Lista rossa È già considerato “in via di estinzione”.

La loro pubblicazione IUCN L’ultima versione della Lista Rossa Lunedì le specie in via di estinzione alla conferenza globale sul clima a Dubai. Complessivamente, il 25% delle circa 15.000 specie di pesci d’acqua dolce esaminate sono a rischio di estinzione.

“Quasi in pericolo” è il secondo livello della scala a sette livelli utilizzata dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura. Si va da “non in pericolo” a “quasi a rischio”, “in pericolo”, “in pericolo”, “in pericolo critico”, “estinto allo stato selvatico” a “estinto dopo il 1500”.

Leggi anche

Il salmone è la cotoletta dei mari

Altre due categorie includono specie che non sono state ancora studiate o per le quali non esistono dati sufficienti. La Lista Rossa esiste dal 1964. Oggi comprende circa 160.000 specie di animali e piante, di cui 44.000 sono a rischio di estinzione.

“Stiamo marciando praticamente incontrollati verso la sesta estinzione di massa della storia”, ha commentato Arnulf Kühnke, responsabile della protezione delle specie del WWF Germania. La distruzione degli habitat, l’inquinamento ambientale e la pesca eccessiva sono tra i fattori che determinano la perdita di biodiversità e le conseguenze del cambiamento climatico stanno accelerando questo fenomeno. Con misure preventive la trasformazione è ancora possibile.

Il salmone atlantico (Salmo salar), che nasce nei fiumi e poi migra verso il mare, è minacciato in molti modi: le prede per i piccoli pesci stanno diminuendo, mentre si stanno diffondendo specie invasive che rappresentano una minaccia per loro. Le dighe delle centrali idroelettriche hanno reso loro difficile raggiungere le aree di deposizione delle uova nel corso superiore dei fiumi.

Archivio - 2 dicembre 2009, Renania settentrionale-Vestfalia, Siegburg: Un dipendente dell'Associazione di pesca della Renania settentrionale-Vestfalia tiene in mano un salmone nel fiume Agger, un affluente del fiume Sieg.  A causa dell'autunno piovoso, quest'anno un gran numero di salmoni ha nuotato dal mare verso le zone di deposizione delle uova nei fiumi della Renania Settentrionale-Vestfalia.  Finora sono stati contati 130 salmoni che nuotavano a valle.  Questa cifra è già superiore del 45% rispetto all'intero anno precedente, ha annunciato martedì l'Ufficio statale per la natura, l'ambiente e la protezione dei consumatori (LANOV).  (All'EPA "Grazie alla pioggia: i salmoni nuotano dal mare fino al Nord Reno-Westfalia") Fotografia: Oliver Berg/DPA +++ dpa-Bildfunk +++

Salmone nel fiume Ager, affluente del fiume Sage, nella Renania settentrionale-Vestfalia

Fonte: Agenzia di stampa tedesca

Il salmone selvatico è minacciato anche dai pidocchi del salmone (Lepeophtheirus salmonis), che spesso si trovano negli allevamenti di salmoni. Inoltre, il salmone megattera (Oncorhynchus gorbuscha), originario dell’Oceano Pacifico, compete per l’habitat del salmone atlantico. È diffuso in tutto il nord Europa.

Molte specie di pesci d’acqua dolce sono a rischio di estinzione

L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ha riferito che di tutte le 15.000 specie di pesci d’acqua dolce, il 17% è direttamente a rischio a causa dei cambiamenti climatici. Il termine “in pericolo” in questo contesto comprende i livelli da 3 a 5. Ciò include, ad esempio, la carenza d’acqua in alcuni fiumi, l’innalzamento del livello del mare che spinge acqua salata nelle foci dei fiumi e i cambiamenti delle stagioni.

Un totale del 57% dei pesci d’acqua dolce è a rischio di inquinamento ambientale, il 45% a causa della costruzione di dighe e dell’estrazione dell’acqua, il 33% a causa di specie e malattie invasive e il 25% a causa della pesca eccessiva. In alcune specie esistono più cause contemporaneamente.

Successi nella protezione delle specie

Anche l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura riporta rari successi: l’antilope nera del deserto (Oryx dammah), estintasi allo stato selvatico alla fine degli anni ’90, è stata reintrodotta con successo in Ciad. La specie è ora considerata “in pericolo critico” – livello 4. Un’altra specie di antilope, l’antilope saiga (Saiga tatarica), che vive principalmente in Kazakistan, non è più “in pericolo critico” (livello 5) ma solo “vulnerabile”. Livello 2). ). L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) è un’organizzazione ombrello per le organizzazioni ambientaliste governative e non governative.

Leggi anche

Lascia fare "Gli studiosi hanno scritto:

Nella lista rossa

Raganella europea

“Sappiamo che il pianeta è in uno stato critico”, ha affermato Grethel Aguilar, direttrice generale dell’Unione internazionale per la conservazione della natura, alla conferenza sui cambiamenti climatici COP28 a Dubai. “Ciò che viene spesso trascurato è il modo in cui la crisi della biodiversità è collegata alla crisi climatica. I decisori devono comprendere che la conservazione della natura deve essere una priorità per un futuro vivibile” e che ciò richiede soluzioni eque e basate sulla natura per mitigare il cambiamento climatico. Ha detto Aguilar.

Aguilar ha affermato che più di 12.000 specie sono minacciate dal cambiamento climatico. La perdita di specie che non riescono ad adattarsi abbastanza rapidamente ai cambiamenti climatici destabilizza gli ecosistemi. Le catene alimentari verranno spezzate. Negli ecosistemi deboli, le specie aliene si diffondono più facilmente, accelerando il declino delle specie autoctone. “Le persone dipendono da ecosistemi sani”, ha affermato.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.